Commenti sulle poesie
 

Pagina iniziale

Tematiche e testi


Poetare | Poesie | Licenze | Fucina | Strumenti | Metrica | Figure retoriche | Guida | Lettura | Creazione | Autori | Poeti del sito

Poesie consigliate     La Giostra della satira     Recensioni    La Sorgente delle poesie   Concorsi

Scrivi il tuo commento Vedi la rubrica


 

NO COMMENTI Salvatore Armando Santoro

 

Commenti Gennaio-Febbraio 2014   Commenti Marzo-Maggio 2014   Commenti Giugno-Settembre 2014  Commenti Ottobre-Dicembre 2014
Commenti Gennaio-Marzo 2015     Commenti Aprile-Giugno 2015    Commenti Luglio-Settembre 2015    Commenti Ottobre-Dicembre 2015

Commenti Gennaio-Marzo 2016    Commenti Aprile-Giugno 2016     Commenti Luglio-Settembre 2016    Commenti Ottobre-Dicembre 2016
Commenti Gennaio-Marzo 2017    Commenti Aprile-Giugno 2017


 

 2017

19-20-21 Agosto

19, 20 e 21 agosto 2017

Poesie a tema: Estate della vita

Antonia Scaligine –Luci di un’estate ormai andata-: Magistralmente resi i ricordi generati da questo finir dell’estate e suggestivo e coinvolgente il racconto di luci, suoni e colori di questa stagione che muore. Con questa poesia Antonia si supera in bravura, riuscendo a rendere alla perfezione le sue emozioni  che, così, divengono anche le nostre. Complimenti vivissimi.  

Poesie a tema libero

Marino Giannuzzo –Marcello-:  Con la scusa di presentarci un altro personaggio della sua ricca galleria, ecco che Marino ci narra della sua visione dell’uomo e dei suoi difetti, con versi che invitano a riflettere.

Irene Pizzimenti –Quasi sera-: La dolce atmosfera della sera è molto ben resa da questi discorsivi versi dal suadente tono. Questo spegnersi del giorno, tra soffuse luci e lievi pensieri, coinvolge il lettore nel sentire della brava Irene.

Nino Muzzi traduce Brecht-: Breckt, in questa occasione romantico e trasgressivo, ben tradotto da Nino.

Michael Santhers -Il Molise non esiste-: Impietosa critica agli abitanti di quella bella terra, posta tra monti e mare, ricca di colori e profumi. C’è molta rabbia nei versi di Michael, ma è rabbia nata dall’ amore per quel Molise e dalla delusione nel non vedervi realizzato il meritato sviluppo. E come sempre apprezzabile il poetare del nostro amico.

Francesco Soldini -2. Dorifore-: Francesco ci porta, con questo racconto dai nostalgici toni, in tempi in cui si combattevano le infestazioni sugli alimenti con naturali, ma faticosissimi, metodi.

Simone Magli –Anche il suono di un riso-: Il bisogno di realizzarsi nella luce e per la luce, in questi versi che quel bisogno gridano. Sintetica, magistrale poesia nata da un disagio esistenziale, disagio che è di molti di noi.        

Rosino Maranesi –Un’orgia di suoni-: Un sereno paesaggio solare che pare generare una pena esistenziale nell’uomo costretto a vivere nel rumore e nella frenesia del vivere, negli intensi e riflessivi versi di Rosino.

Gian Luca Sechi –Storia di molti-: Storia di un amore, dunque, storia comune a molti, ben rappresenta dagli intensi versi di Gian Luca.

Salvatore Cutrupi –Haiku-: Perfetta rappresentazione  di una classica immagine agostana, negli ispirati versi di Salvatore.

Antonio Scalas –E’ neve-: Immagini ad alto contenuto romantico, rese con belli, godibilissimi ed ispirati versi.

Jacqueline Miu –Up XIII-: Fallimenti che sono stimolo a rivalse, nei forti versi della nostra Jac.

Laura Toffoli –Arco di speranza-: Vagamente surreale è, in questa occasione, la nostra Laura che ci regala contrastanti immagini che, inquietanti in apertura, portano un fremito di speranza in chiusura.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, ed un grande grazie al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

17-18 Agosto

17 e 18 agosto 2017

Antonio Climenti –Guardo fuori dalla finestra-: Un benvenuto nell’azzurro ad Antonio che esordisce con questa malinconica riflessione sul tempo che scorre e su immutabili sentimenti, resa con incisivi versi.

Marino Giannuzzo –Mani-: Dall’operosità del passato ai turbamenti dovuti all’artrosi, Marino disegna il percorso delle mani.

Irene Pizzimenti –Nel mare-: Quella sensazione di pace che dona un’immersione nell’azzurro del mare è qui descritta, con gran maestria, dalla nostra Irene che la comunica coinvolgendo il lettore, come in dolce apnea.

Maria Attanasio –la fine dell’estate-: Un saluto all’estate e progetti di vita per l’immediato futuro, in questi sintetici versi di Maria.

Nino Muzzi traduce Brecht-: C’è tutta la filosofia e la visione politica del grande Brecht in questi versi che mi paiono ben tradotti da Nino.

Gus -1 Senza terra-: Un estratto, dunque, d’opere che sono e che, immagino, saranno presentate in seguito.

Qui Gus, nella prima parte della poesia, dipinge un dolcissimo acquerello, di quell’incantevole zona di Firenze, con versi pieni di sentimento, resi con belle intuizioni poetiche.

La parte conclusiva della poesia denuncia la mancanza di una terra cui fare riferimento, quasi come il poeta fosse malinconico vagabondo, incantato dalla magia dell’arte. Bentornato Gus!

Enrico Tartagni –Preghiera, di un Soldato…(ex) ad Ago-: Consapevolezza, quella di ciò che può dare gioia, che arriva al finire del corso della vita, nei versi dal tono riflessivo del nostro Enrico. Titolo vagamente criptico, dove quel “soldato” forse è metafora di un aver vissuto lottando.

Michael Santhers –Turisti-: Amara analisi della pochezza culturale di quella massa di visitatori, chiamati turisti, nei salaci versi dell’impagabile Michael che, orazianamente, castigat ridendo mores.

Francesco Soldini -1. Stelle o stalle-: Dalle stelle alle stalle, e viceversa. Questa l’altalena della vita di cui dice Francesco che ammonisce ad avere, comunque ed ovunque posti, ideali.

Dario Menicucci –Tra mare e cielo-: Il  panteistico desiderio di compenetrarsi nell’infinito, tra mare e cielo, negli intensi e coinvolgenti versi dell’ottimo Dario.

Laura Toffoli –Il libro delle meraviglie-: Romantica e fantasiosa, la nostra Laura ci regala questa chicca fatta di belle immagini sognanti.

Salvatore Cutrupi –Haiku-: Efficace sintesi di un dolce risveglio, nei versi di Salvatore.

Fausto Busatta –Eclissi di mezza estate-: Ben descritta la parziale eclissi di luna e ben reso il sentimento che genera, nei descrittivi versi di Fausto.

Carlo Chionne –Messaggino-: Il nostro grande Carlo oggi ci regala, col suo noto sagace humor, chiromanzia politica, assieme ad un pressante appello alla ragionevolezza, rivolto ai futuri (?) vincitori d’elezioni. Incrocio le dita ma temo che i giochi siano ormai fatti e possiamo soltanto restare in attesa di Renzusconi.

Antonio Scalas –Non potevo sapere-: Il surreale racconto di un incontro, reso con un divertente dire che muove al riso. E mi torna alla mente, ma con humor, quell’Achille Togliani ed il suo “Come pioveva”.

Jacqueline Miu –Up XII-: Un eroico cuore, strabordante amore, nei forti ispirati versi della nostra Jac.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano
 

17 agosto 2017

Carissimi amici, con grande piacere vi informo di una meritoria iniziativa culturale,  organizzata dalla Pro-Loco di Montenero (Li) che vedrà anche coinvolto il nostro prezioso amico

Carlo Chionne

Carlo, dopo un’intervista che una giornalista livornese gli farà, metterà a disposizione di tutti coloro che vorranno partecipare alle serate la sua cultura ed il suo humor, presentando alcuni personaggi delle Divina Commedia.

Qui di seguito troverete maggiori dettagli, tratti dalla locandina che la Pro-Loco ha approntato sugli spettacoli, ed invito tutti i sitani residenti in Toscana (e magari anche dintorni) a volere partecipare a queste manifestazioni, per godere di indimenticabili emozioni ed uscirne arricchiti nello spirito.


 

A Carlo un in bocca al lupo e l’anticipo d’una valanga d’applausi.

Piero Colonna Romano

 

10 Agosto

Nella notte di San Lorenzo le stelle cadono… e i desideri si accendono di luminosa speranza…
Auguri in primis a mio figlio Lorenzo e a tutti coloro che hanno questo splendido nome..
Laura
 

5-6 Agosto

6 e 7 agosto 2017

Dario Menicucci -Che nottata-: E perché mai per bambini? Questa filastrocca è un grido dolore che nasce da un’estate africana arrivata, tra capo e collo, tra noi freddi uomini del nord. Soffriamo tutti assieme, consolandoci con i freschi versi di Dario.

Fausto Beretta –Pieni di tutto-: Forte accusa contro quest’epoca consumistica che non lascia scampo alla mente: consumare bisogna, per appagare le pulsioni che derivano dai messaggi pubblicitari. Questo il senso di questi bei versi dell’amico Fausto.

Renzo Montagnoli –Il tormento dell’estate-: Questa torrida estate, che pare sia la più calda dal 1850, ispira questi bei versi, dal rassegnato tono, a Renzo. Noi, assieme a lui, soffriamo ed invochiamo l’inverno artico.

Marino Giannuzzo –Madre-: Il ricordo di una madre, che, per troppo anticipata fine, resterà sempre giovane nella mente del poeta, qui riassunto con versi densi d’amore e di rimpianto.

Irene Pizzimenti –Vivere-: Una similitudine tra la fame ed un amore tradito, in questi intensi versi di Irene.

Nino Silenzi –Compleanno-: Amore per la vita, dunque, nonostante le dure prove cui ci sottopone. Questo il messaggio che il nostro impagabile Nino ci invia con questa bella, didattica poesia, nata da profonda riflessione sul prima che ci ha avuti e sul dopo che ci attende.

Antonio Alvaro –Vento-:  Vita troppo breve, attimo di respiro nell’infinito svolgersi del tempo, nei bei versi, dal tono meditativo, dove troviamo conforto solo nell’amore.

Maria Attanasio –Capita che il male-: L’illusione del bene che si trasforma, all’improvviso, nel male e lascia senza fiato e senza più la forza di reagire, molto bene narrata dai versi, dal dolente tono, di Maria.

Nino Muzzi traduci N. Brossard-: Grato a Nino per queste proposte di poeti poco noti e, in questo caso ancora viventi, che  stimolano la fantasia ed il desiderio di approfondire e conoscere.

Jacqueline Miu –Up XI-: C’è sempre grande passione in questo disvelarsi della nostra Jac, che continua ad affascinarci con i suoi roventi versi.

Filippo Travaglini –Amore immenso-: Un’appassionata dichiarazione d’amore, che più appassionata e tenera non potrebbe essere, in questi forti e (auguri) convincenti versi.

Laura Toffoli –Il canto dei grilli-: Intensa e bella rappresentazione del canto dei grilli, quasi fosse una preghiera, forse un ringraziamento, al Creatore.

Salvatore Cutrupi –Echi lontani-: Ricordi che tornano, consolatori, nel silenzio della notte, dove  sembrano rinascere vivi, in questi bei versi di Salvatore che chiude la poesia con l’alta ispirazione poetica di quel “ed appoggio la chiave/nella stessa conchiglia/dove io ascolto il mare.”. Complimenti!

A voi tutti il più cordiale dei saluti, assieme agli auguri per delle serene, poetiche ferie. E sempre un grande grazie al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

3-4 Agosto

3 e 4 agosto 2017

Nino Muzzi traduce G. E. Clancier -:  Fiaba, dunque, che i versi di Clancier raccontano a noi, incantati lettori. Ottima la traduzione di Nino, per rendere al meglio l’atmosfera voluta dal poeta.

Simone Magli –Lungo il tuo cammino ogni fiore, anche il più misero, se tendi la mano può regalarti un frutto.-: Un aforisma, dal suono francescano, che invita a solidarietà verso i diseredati, per godere delle più grandi soddisfazioni morali.

Dario Menicucci –Verso casa-: Ispirata e suggestiva descrizione di quel fascio di luce che un faro dipinge nel cielo e che diviene la salvifica strada per tornare a casa. Emozionano sempre i sintetici e bei versi di Dario.

Fausto Beretta -Mani di fata-: Incisiva, come un aforisma, è questa sommessa e tenera richiesta di tenerezza.

Marino Giannuzzo –Madre pietosa-: Commovente invocazione ad una madre che troppo presto ha abbandonato il figlio, negli intensi versi di Marino.

Michael Santhers –Polvere-: “fosfora del tempo” la definisce, con bell’intuito poetico, il nostro Michael che di seguito ne esamina, ovviamente con la sua inesauribile fantasia ed il suo inimitabile stile, altre caratteristiche.

Irene Pizzimenti –Piccola-: Un frase a lei indirizzata durante l’infanzia che condiziona, anche positivamente, una vita, nel bel racconto di Irene.

Maria Attanasio –Stelle-: Una riflessione, in definitiva, sulla  quella breve durata della vita che non consente d’approfondire, come si vorrebbe, conoscenze.

Salvatore Cutrupi –Interrogativi-: Un catastrofico Salvatore riflette su possibili fatti negativi che potrebbero mutare, in peggio, questo nostro, di per sé già imperfetto, mondo.

Jacqueline Miu –Up X-: La ricerca di un temporale, perché si plachino il fuoco e l’amore per l’oltre, negli appassionati versi di Jac.

Filippo Travaglini –Una sera di giugno-: Galeotto fu giugno e quella natura che con la sua bellezza ispira sensi d’amore, negli ispirati versi di Filippo.

Tiziana Cocolo –Agosto-:  Versi che dipingono, con grande efficacia, questo rovente agosto, e sottolineano, ancora di più, la sgradevole sensazione di caldo e quel bisogno di fresco che ci assale.

Antonio Scalas –Vedrò passare il mio silenzio-: Frasi ad effetto il cui senso si compie in un bisogno di tenerezze ed amore.

Laura Toffoli –L’angelo del silenzio-: Ed anche la poesia di Laura ha per tema il silenzio. Ma questo è un silenzio che è attesa di qualcosa di superiore, un silenzio che pare sia regalo di un angelo che ci ispira mistici pensieri.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

1-2 Agosto

1 e 2 agosto 2017

Maria Attanasio –Vivere-: Vivere appassionatamente, amando la vita. Questo leggo negli intensi e bei versi dell’ottima Maria.

Nino Muzzi traduce G. Benn-: Interessante traduzione di una poesia dell’espressionista Benn che, in questa occasione, ci invita a comunicare, a socializzare, per sentirsi vivi.

Simone Magli –Ho paura di finire come quel poeta-: La mancanza d’amore e l’inganno della luce riflessa della luna, in una intensa, bella e sintetica poesia densa di pessimismo.

Dario Menicucci –Ho provato-: La mancanza d’amore, e la sua disperata ricerca, in questi bellissimi versi che dicono di rassegnata accettazione, e dove  quel “colorando le ombre/adornando i sogni di luce” sono intuizioni poetiche da ricordare. Complimenti, Dario!

Claudio Badalotti –Il senso della vita-: Un gioioso ottimismo ed un desiderio di libertà, in questi belli e comunicativi versi del bravissimo Claudio.

Fausto Beretta –Corvi neri nei capelli-: Bellissime immagini metaforiche, per narrare di una dolorosa lontananza. Intensa e bella, merita complimenti.

Bruno Castelletti –La zonta-: Il caotico, convulso vivere  dei poveri “pitochi” e l’inutilità del loro affannarsi, fanno chiedere al sensibile, disincantato Bruno se valga la pena allungarla (aver la “zonta”)   questa faticosa vita. E questa visione amara della vita gli ispira questi cantilenanti senari, che sono anche un invito a riflettere.

Michael Santhers –Sand carpet-: Sarcastica rappresentazione di scene d’affollate e torride spiagge, secondo lo stile inimitabile del nostro Michael che non salva nemmeno i sogni perché, com’è noto, muoiono all’alba. E’ sempre un piacere leggerti, caro amico.

Corrado Cioci –Nel giorno del compleanno della sorella cinzia-: Affettuoso omaggio all’amata sorella, denso di ricordi giovanili.

Antonio Iallonardo - Scusa-: Il web, in questa composizione di Antonio, diviene la traduzione della bottiglia nella quale si inserivano messaggi, affidandoli al mare. Ed al web affida il suo pentimento, il poeta, attendendo perdono.

Marino Giannuzzo –L’isola-: Dall’isola del sole alla fabbrica delle nebbie. E la sorpresa ispira questi descrittivi  (ma anche ingenerosi) versi al nostro Marino.

Laura Toffoli –Lama autunnale-: Il dipinto di un paese, reso con bella maestria, si scolora in un nostalgico ricordo di giovanile età, in questa poesia piena di suggestione.

Salvatore Cutrupi –Haiku-: La sintesi poetica di una giornata, al suo finire, al mare

Jacqueline Miu –Up IX-: Appassionata dichiarazione d’essere, resa con immagini d’alta poesia dalla nostra impagabile Jac.

Antonia Scaligine –Il leone che si abbandona…-: Un’appassionata descrizione di Taranto, città amata per la sua bellezza e per la sua storia, nei bei versi, pieni di malinconia, della nostra ottima Antonia.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano
 

Un grazie sincero agli amici Piero, Santi, Claudio, Antonia per i commenti graditi alle mie poesie e a tutti i sitani che offrono emozioni sulla pagina azzurra.
Simone
 

Caro Lorenzo,
avendo oggi riincontrato il mio pc (nella continua spola fra Palermo e San Vito Lo Capo), qualche doveroso omaggio a chi scrive:


"Dammi il mare"", di Piero Colonna Romano - Componimento esemplare per forza poetica e levità evocativa. Splendida metafora fra l'amore "che cuori infiamma" e la libertà "che sogni nel suo immenso". Sognante chiusa densa di rimpianto e desiderio. Quando il leone ruggisce il silenzio è utile per coltivarne il suono.

"Ho paura di finire come quel poeta", di Simone Magli - Una prorompente voglia d'amore condensata da Simone con la consueta stringatezza. Musica per chi sa sentire; accompagnata dai complimenti per il meritato riconoscimento.

"Ho provato", di Dario Menicucci - Uno stato d'animo inquieto concluso da una disperata resa di fronte alla persistenza del dolore, nei coinvolgenti versi del nostro collega.

"Il senso della vita", di Claudio Badalotti" - Entusiasmante rappresentazione del senso della vita resa con appropriate metafore; e l'eco del canto risuona.

"La zonta", di Bruno Castelletti - Una breve e sapiente pennellata di poeta per dipingere la condizione umana; molto bella la conclusione:"quel che conta/ l'è viver adesso"!

"Sand carpet" - Un lessico inusuale, quasi una nuova lingua del sentimento, per dare un'originale interpretazione agli eventi che si svolgono intorno a noi.

"Lama autunnale", di Laura Toffoli - Un'immagine persistente campeggia sulle differenti visioni d'un paesaggio fatato; e la sua presenza, dice Laura, trafigge il cuore.

"Il leone che si abbandona", di Antonia Scaligine - Un grido di dolore da un ambiente amato ma colpevolmente degradato. E su quello sfacelo la nostra Antonia sa ritrovare i motivi per stendere le garze della sua poetica tenerezza.

Un cordialissimo ringraziamento a Claudio, Antonia e Piero per i loro graditi commenti, un augurio di sereno e poetico riposo a tutti i colleghi, un prosit allo infaticabile Lorenzo,
Santi

 

29-30-31 Luglio

Un grazie riconoscente al grande Piero per i preziosi commenti e un saluto affettuoso di buone vacanze a tutti ed in particolare a Santi e Simone. Il massimo poi al magnifico Lorenzo.
Claudio
 

Un veloce sguardo alle poesie del giorno e mi soffermo su
“ Dammi il mare. di Piero Colonna- S'innalza spuma /su fermi scogli /taglienti e scuri… bella , bella , anche perché io amo il mare e in questa tua dolce poesia mi rispecchio
Incontri di Santi Cardella ,una vera lirica
ove mi sembra scorger tra le fronde, evocate da un sordo desiderio/ombre e speranze consegnate al vento.
Se non ci sono immagini dentro te, fa che sia un cieco a scrivere questa poesia. Perché il vuoto è quando il cuore non beve niente. Ti auguro una tazza d'amore. Simone Magli…la riscrivo tutta perché è davvero una vera e bella immagine di poesia
mi sono piaciute anche le poesie di :
Laura toffoli La strada comune,
Lo stesso colore di Salvatore Cutrupi
Effimero pianto di Antonio Scalas , bravi
un saluto a tutti con un grazie sempre pieno di calore a Lorenzo
Antonia Scaligine
 

29, 30 e 31 luglio 2017

Maria Attanasio –Disincanto-: Una malinconica disamina di questa nostra società gonfia di ipocrisia e falsità, resa con v eri dall’amarissimo, rassegnato tono.

Nino Muzzi traduce G. Benn-: Interessante traduzione di una poesia di quello che fu uno dei più importanti personaggi dell’espressionismo tedesco.

Simone Magli –Se non ci sono immagini-: Pochi versi di grande spessore, per la riflessione profonda che esprimono e per quell’augurio donato con grande ispirazione poetica.

Santi Cardella –Incontri-: Un tuffo nei ricordi d’amore del passato, con una poesia che pare permeata di romanticismo ma che, ed è quel che sento, ha un sottofondo d’ironia. Ma, che sia romantico o ironico, il grande Santi si smentisce mai, per come, con grande maestria, intesse versi che catturano sempre l’attenzione, piacevolmente.

Dario Menicucci –Curve di vento-: Magistrale descrizione della riva di un mare, con le sensazioni che generano i suoi colori, i suoi riflessi. Un ispirato acquerello, insomma, regalatoci dall’ottimo Dario.

Enrico Tartagni –Sotto l’Azzurro del tuo Cielo-: Romaniche e belle immagini per dirci di un sentimento d’amore, per dirci di un desiderio, con grande maestria,  ed affascinando il lettore. Complimenti, Enrico! 

Claudio Badalotti –Ricordi del passato-: Un immersione in nostalgici ricordi e la ricerca della libertà che si ritiene persa, negli ispirati versi di Claudio che chiude la poesia con la presa d’atto dell’ineluttabile realtà.

Fausto Beretta –Sipario amico-: Il bisogno d’estraniarsi dalla realtà, con un immersione nella natura intesa quasi come fosse un sipario salvifico.  C’è la ricerca della pace, in questi bei versi di Fausto, che quella pace bene descrivono.

Marino Giannuzzo –Ligabue-: Una sintetica, ma esaustiva biografia del grande Ligabue, dove Marino mette in evidenza il desiderio più profondo del pittore: avere amore.

Antonio Scalas –Effimero pianto-: Immagini dure e metaforiche, per dire di un incerto, breve pianto che il poeta vorrebbe sparisse sotterrato, per un ritorno ad un più sincero rapporto.

Laura Toffoli –La strada comune-: Una riflessione su quel che vedono (e si vede attraverso) i “vitrei occhi” delle case. Dietro c’è amore, passione, pene e gioie, vita, insomma. E la nostra poetessa chiude questa composizione, che ha il pregio della semplicità, con una sincera e poetica dichiarazione d’intenti.

Salvatore Cutrupi –Lo stesso colore-: Colgo una nota di tristezza in quella similitudine tra i colori della corteccia di una quercia abbattuta e il colore di un cappotto. Non è, questa poesia, la rappresentazione di un fatto della natura ma una malinconica riflessione sul tempo che, per dirla con Tabucchi, invecchia in fretta. Ed ecco che, a consolatoria compagnia, quei due metaforici funghi divengono sicuri compagni di viaggio.

Jacqueline Miu –Up VIII-: Un coraggioso, sognatore ed infuocato cuore lancia alle stelle il suo grido d’amore. Leggo così gli appassionati versi della nostra Jac.

Vivissimi complimenti all’amico Simone Magli per la brillante affermazione nel concorso letterario di aforismi “La lingua del girasole”, dove il nostro filosofo/poeta ha presentato questa saggia e condivisibile riflessione:

“C’è tutta una vita, ma solo pochi attimi per viverla”

A Simone  vanno un applauso, il costante apprezzamento, ed un caro saluto.

Un grazie di cuore a Tiziana per il gradito commento alla mia “Dammi il mare”, assieme ad un caro saluto.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano
 

Emozionante poesia, un bravo a Piero Colonna Romano che naviga con le sue vele di speranza sulle bianche scogliere dei suoi pensieri, leggeri ma densi di quella spuma che rinfresca il cuore infiammato di vigore, con la sua rispettosa richiesta di un mare di libertà.
Complimenti.
Tiziana Cocolo.

 

27-28 Luglio

Un riconoscimento per Simone Magli


La lingua del girasole

Concorso Letterario di Aforismi, promosso dall'Associazione Culturale Helianto
Quarta Edizione


L'aforisma vincitore
Un vero orizzonte è un moto verticale di desideri.
di ANDREA DE FLORA

Menzioni di merito
Casa è ovunque non ci sia bisogno di chiedere permesso
di GIANCARMINE FIUME

Chi non sa dire ciò che pensa non sa quello che dice
di MICHELE CERIANI

C'è tutta una vita, ma solo pochi attimi per viverla.
di SIMONE MAGLI

Da vicino anche la luna ha i suoi spigoli
di JOLA E IL DOC

Il tempo asciuga le lacrime, ma lascia umidi i ricordi.
di TRISTANO BARONE

Viviamo certamente nel migliore dei mondi impossibili.
di GABRIELE MARTUFI

Il fulmine è la gelosia del cielo che scopre che la pioggia fà l'amore con la terra.
di ANTONIO SICILIANI

L'inerzia coccola baratri e botte di culo
di LILLO GIOI

L'unico modo che conosco per imparare é il gerundio.
di BIRILLITUDINE

Siamo un capolavoro concepito dal Creato ma deformato dalla mano dell'uomo
di BENI SASHA HOROWITZ

Le acque danzanti coprono i movimenti dei bacini
di RODOLFO CERE'

La saggezza è la canzone della solitudine.
di NUNZIO INDUSTRIA

Non è giusto non potersi riscrivere la vita in bella copia.
di IVANO BAGLIONI

Non credo all’esistenza di Dio perché non ha nemmeno un profilo Facebook.
di CARL CARLOTTO
 

27 e 28 luglio 2017

Michael Santhers –Temporale estivo-: Immagini deformate dalla strepitosa fantasia di Michael, di quel che accade durante un temporale estivo. Immagini che divengono umoristiche e sorprendono il lettore e che, in chiusura, si stemperano in una romantica rappresentazione del ritorno al sereno.

Federico Rivero Scrivani –Quel profumo parla un’altra lingua-: E noi non possiamo che prendere atto di questa intuizione poetica..

Maria Attanasio –L’amore è un gioco a perdere-: Una riflessione di Maria sulle vittorie e sconfitte dell’amore e sui rischi che ci sono nel dare retta  a chi non sa farsi i fatti suoi.

Nino Muzzi traduce Brecht-: Il nostalgico ricordo d’un amore svanito, negli intensi e  bei versi del grande drammaturgo, tradotti da Nino.

Renzo Montagnoli –Non c’è domani-: Un’addolorata analisi di questo mondo dove l’amore è stato bandito. Versi intensi, sono questi di Renzo, e nascono da un’amara, rassegnata preso d’atto di quanto ci circonda.

Simone Magli –Pontile di Lido , 24 luglio 2017-: Paiono la descrizione di un dipinto impressionista, questi ispirati versi del nostro Simo davanti ad un amato mare. Complimenti, caro amico ed un caro saluto.

Roberto Soldà –Assistenze outsider-: Nostalgico e bel ricordo di tempi di scuola, narrati con ispirato poetare. Un intuizione, derivata comunque da attenta analisi del testo virgiliano, donò al nostro colto amico la prima soddisfazione, cui, in seguito e professionalmente, altre ed altrettanto meritate, seguirono. Ma questa poesia ci dimostra come di quel termine latino, più che l’ispirata  traduzione, il nostro Roberto abbia saputo cogliere il poetico senso.

Luigi Panzardi –Davanti allo specchio di una vetrina-: Chissà perché questa poesia mi fa tornare in mente la piccola fiammiferaia. Ma Luigi, con questi versi, denuncia una reale situazione di disagio  sociale che sempre più va diffondendosi.

Marino Giannuzzo  -Libertà-: Il ricordo d’anni bui, risolti in un volo nella libertà, ben descritto dai versi di Marino.

Jacqueline Miu –Up VII-: Lezione per una vita da vivere nella passione, nei forti versi della nostra Jac.

Antonio Scalas –Alta marea-: Romanticissima è l’immagine di una galeotta luna che cerca d’agevolare l’inseguimento. Non ha limiti la fantasia di un poeta ed Antonio lo è.

Carmine De Masi –Pensiero, fantasia o libertà?-: Bell’omaggio ad un poeta povero ma generoso, negli appassionati versi di Carmine, che sono anche lezione di vita.

Laura Toffoli –Rosso pensare-: Colori che inteneriscono il cuore, sono questi descritti dalla nostra Laura, che fortemente li sente e li associa ad una sensazione d’amore, con romantico poetare.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

25-26 Luglio

25 e 26 luglio 2017

Marino Giannuzzo – La moglie di Libio-: Il ritratto di una singolare coppia arricchisce la poetica galleria di Marino.

Michael Santhers –L’estate fulcro d’altalena-: Surreali immagini di questa torrida estate, secondo il fantasioso guardare e rendere dell’impagabile Michael.

Bruno Castelletti –Robe da ciodi-: Condanna della presunzione e dell’ingordigia del potere, in questi affilati versi del grande Bruno che non manca di rivolgere il suo pensiero ai diseredati, vittime di quel potere. Indignazione e sorpresa per questo andazzo della vita pubblica, rese in un dialetto che ancor più le sottolinea. E sempre complimenti vivissimi al nostro prezioso amico.

Piergino Pedrocco –Per fare una poesia-: Ricetta perfetta per realizzare poesia: vi troviamo gli elementi base indispensabili (secondo cuoco Piergino) ed il loro mescolarsi. Tempi di cottura, secondo usi e costumi personali.

Enrico Galavotti –Polvere di stelle-: Una spruzzata di malizia, un richiamo al firmamento, un tenero pensiero al tempo passato e …voilà ecco composta una gradevole poesia d’amore.

Maria Attanasio –Dalla croce all’ulivo-: Una disperata richiesta d’attenzione seguita da un’offerta di solidarietà.  E quell’ulivo è metaforico segno di pace e d’amore.

Nino Muzzi traduce Borges-: Puntuale traduzione di  Nino di questo atto d’amore di Borges per la sua terra.

Laura Toffoli –Un albero importante-: C’è qualcosa di pagano in questa romantica abitudine, così ben narrata da Laura. Qualcosa che mi riporta alla mente il bellissimo romanzo di Steinbeck, “Al Dio sconosciuto”. Suggestivi e belli, i versi che la nostra amica oggi ci regala.

Jacqueline Miu –Up VI-: Passionalità intensa, resa con alcune intuizioni d’alta poesia, secondo stile ed abitudine della nostra Jac.

Sandra Greggio –Evanescenza-: Bellissime, poetiche immagini, per descrivere il passare del tempo e la bellezza che c’è in ogni epoca della nostra vita. Applausi a Sandra.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti d un grande grazie al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano
 

Grazie Piero per il commento e per gli auguri , grazie  Laura per gli auguri. Antonia Scaligine

 

23-24 Luglio

Invio auguri di buon compleanno a Antonia….
Che le sue candeline sulla torta siano…dei fuochi d’artificio per nuove entusiasmanti poesie…Laura
 

23 e 24 luglio 2017

Dario Menicucci –Un attimo di luce (Fossi e Fortezza Nuova di Livorno) -: Versi che paiono lievi pennellate, intinte nell’amore per la città. E’ un incantata visione quella che ci regala l’ottimo Dario, con questa poesia dal tono sognante.

Enrico Tartagni –Un gradino-: I progetti di vita che si tenta di realizzare ed i sogni, le fatiche e le disillusioni, in questi intensi, metaforici versi d’Enrico che paiono anche un invito a non rinunciare a costruire, per “salire alla casa sopra i tetti” e lontano guardare.

Marino Giannuzzo –La caduta-: Un malinconico, nostalgico ricordo di chi s’è perso, di chi non è più nostro compagno di strada, negli accorati versi di Marino.

Michael Santhers –Piccoli incanti perduti-: Una natura che cambia, peggiorando, complice l’attività dell’uomo, è qui cantata con malinconia dal nostro Michael. Ovviamente col suo impagabile, fantasioso stile.

Giuseppe Stracuzzi –Rimpianti-: Rimpianti che viaggiano sull’onda di ricordi, resi con ermetico, evocativo poetare dal nostro Giuseppe.

Terence –Grido alla luna-: Una disperata invocazione alla luna, un grido d’amore doloroso reso con versi densi di poesia.

Nino Muzzi traduce Borges-: Un bell’omaggio di Borges ai poeti ed ai filosofi che hanno influenzato il suo superlativo poetare e la sua visione della vita, ben tradotto da Nino.

Salvatore Cutrupi –Haiku-: Decisamente ispirata da alta poesia, e ben aderente al senso ed alle regole dell’haiku, questa bella composizione di Salvatore. Complimenti.

Antonia Scaligine –Sul calendario luglio 2017 aggiungo i miei 71 anni-: Gli anni passano con la rapidità di attimi, questo disse un grande poeta. E noi li respiriamo con ingordigia, quegli attimi, per goderli. Auguri, cara Antonia, e complimenti per questa bellissima poesia zeppa di grandi intuizioni poetiche. Brava!

Roberto Soldà –Un uomo chiamato “Battello”-: Vengono da lontano le ricerche sul nascere della vita e, forse, porteranno lontano. Non può, lo scienziato Roberto, non sentirne il fascino e l’urgenza e, coniugando scienza e poesia, ci propone questa sua acuta riflessione, affidandola ad un uomo chiamato, significativamente, Battello, ed invitandoci ad una riflessione. Complimenti, caro amico.

Laura Toffoli –Nel caldo il suono è balsamo-: Perle che tintinnano come note, sono balsamo che porta freschezza in questa torrida estate. Fantasia, e poetico sentire, ispirano questi delicati versi della nostra amica Laura.

Jacqueline Miu –Up V-: Due bellissimi aforismi, nel secondo e nel quarto verso, regalatici dalla riflessiva e fantasiosa Jac che non rinuncia (e come potrebbe?) ad esprimere la sua passionalità nell’intera composizione.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

21-22 Luglio

21 e 22 luglio 2017

Nino Muzzi traduce Borges-: Una riflessione su vita e morte del grande Borges, tradotta per noi da Nino.

Simonetta Ruggiero –Trattenute d’incanto-:Inquinamento, cattivi odori e tanto, tanto cattivo umore muovono la penna di Simonetta che ci regala questi intensi versi che dicono di rassegnata, flebile protesta.

Santi Cardella –Preghiera-: Un malinconico guardare ad un brillante passato fa alzare questa preghiera, resa con magistrali, ritmici versi, densi di profondo sentire.  Come sempre complimenti, caro Santi, per queste chicche che, a ben guardare, possono essere anche didattiche.

Dario Menicucci –Mani di sangue-: La violenza che avvolge il mondo, in questi terribili anni d’odio, ispira a Dario questi versi dal dolente tono che paiono urlo disperato.

Marino Giannuzzo –Inguacchiator di tele-: Fa parte della galleria di personaggi che Marino ci offre anche questo imbianchino che si crede pittore, sperando nella gloria futura.

Gilberto Paraschiva –Una stretta di mano-: Un audace similitudine ed un inno alla sincera amicizia, nei prosastici versi di Gilberto.

Jacqueline Miu –Up IV-: Splendida l’immagine di quei marinai che coraggiosamente non chiudono le vele nelle tempeste, come fossero albatri dalle possenti ali, sfidando la morte.

Salvatore Cutrupi –Una rosa-: Lievi versi che regalano tenere immagini che divengono romantiche, in chiusura, con l’offerta di una rosa.

Antonia Scaligine –E’ necessario dell’oratorio la sua sinergia-: Ed è meritoria l’attività culturale della nostra Antonia, che in quell’oratorio dedica il suo amore  e la sua cultura ai giovani ed ad i più deboli. I versi di questa poesia dicono del suo nobile sentimento, con bella maestria.

Antonio Scalas –Acqua pura-: Una lacrima di gioia e d’amore molto ben rappresentata dai versi di Antonio.

Sandra Greggio –Caleidoscopio-: Con una suggestiva fantasmagoria di immagini romantiche, Sandra ci narra del loro effetto sul cuore e sulla mente. Decisamente gradevole la poesia della nostra amica in gran forma.

Laura Toffoli –Una notte di mezza estate-: Un romantico paesaggio, ben reso dalla descrizione di Laura, che pare essere galeotto, almeno quanto un libro di buona memoria. Suadenti immagini, che sono la cifra alla quale la nostra amica ci ha abituati, ci coinvolgono ed inteneriscono.

Attilio Bettinzoli “Città dai bastioni d’onice” proposta da Roberto ed Antonella Soldà-  Un paesaggio da fiaba, molto ben disegnato dai versi del poeta, ed una fremente dichiarazione d’amore con la consapevolezza di un’impossibilità disperante.

Grazie a Roberto ed a Antonella per questa proposta che ci ha fatto conoscere una delle poesie di questo cultore della letteratura italiana (A. B. è professore, ricercatore di italianistica, alla Ca’ Foscari di Venezia).

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro illuminato Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

20 Luglio

19 e 20 luglio 2017

Poesie a tema: Le strade della vita

Antonia Scaligine –Le strade della vita-: Bell’excursus sulla strada della vita, reso con bello e disincantato poetare e con  significative, metaforiche immagini.

Poesie a tema libero

Myriam Rose Ruah –Tiembe ca passe-: Ha ritmo di canzone, per le ripetute  simmetriche anafore, questa composizione in napoletan molisano (o giù di lì). Ben   venuta Myriam.

Marino Giannuzzo –Incapaci-: Non mi è chiaro a quali non-eroi del passato si riferisca Marino ma comunque, se erano mediocri, non meritavano templi né monumenti. Bene quindi che restino “ignoti a tutti quanti.”

Nino Muzzi traduce F. Villon-: Nino ci propone quello che è considerato il primo dei poeti maledetti francesi. Personaggio leggendario del XV° secolo, la sua opera tutt’oggi (ma lo fu anche nel passato) è fonte d’ispirazione per innumerevoli artisti, dai cantautori ai commediografi. Ricordo Brecht e la sua Opera da tre soldi, ma anche Rabelais col suo Gargantua e Pantagruel, De Andrè con un suo album ecc.
Bella la traduzione di Nino di questa invocazione al perdono ed alla carità cristiana, di quei condannati all’impiccagione.

Maria Attanasio – La poesia che non meriti-: La definirei un desiderio di vendetta da realizzarsi…in punta di penna. Ma se è vero che ne uccide più la lingua (il verso, in questo caso) che la spada, Maria ha trovato ottimo strumento per appagarsi. Scherzi a parte, la poesia è densa di sentimento, molto ben espresso, e pure di un tocco d’humor che non guasta, ed è piacevole a leggersi.

Claudio Badalotti –Estate-: Molto ben resa la sensazione d’angoscia che dona l’afa, in questa torrida estate. Ma nella poesia di Claudio appare, quasi fosse sogno, la salvezza di un  fresco bosco ceduo.

Maurizio Mazzotti –Gli uomini non devono piangere-:  Poesia di grande effetto scenografico, per quell’intensa narrazione di forze della natura. Forze che dicono di una profonda pena esistenziale, molto ben comunicata.

Renzo Montagnoli –Profumo di pane-: A questi deliziosi, nostalgici ricordi le belle poesie di Renzo ci hanno abituato. Ed è sempre un ripercorrere antiche e smarrite strade il leggere, con un senso di commozione, i belli e puliti versi del nostro amico. 

Angelo Michele Cozza –Perduta e rinvenita amica-: L’uso di termini desueti dona a questa poesia (che è un forte invito ad una donna all’ottimismo, per recuperare la gioia di vivere) un sapore d’antan. Ed Angelo è magistrale nell’intessere questi versi che, talvolta, risuonano di dannunziane memorie.

Corrado Cioci –Nefilim-: Appassionata ed addolorata ode ad una patria della quale gli antichi splendori (sottolineati da una valanga di passati remoti) si sono spenti. Ma se Corrado volesse illustrarci il criptico significato del titolo gliene saremo grati.

Isabel Gide –Allontanarsi…-: Preziose e belle immagini per dire di una profonda rassegnazione all’inevitabile destino di ognuno di noi.

Michael Santhers –Dirceu Josè Guimaraes-: Splendido, appassionato inno ad un campione, del calcio del quale l’ottimo Michael narra le affascinanti caratteristiche atletiche. Non sono un appassionato di questo sport ma ricordo quanto Dirceu fu esaltato dai veronesi, al tempo della sua permanenza in gialloblu.                    

Simonetta Ruggeri –Quanto dura-: “Forse il tempo della nostra/felicità è quell’angolo/che racchiude il cielo,” versi pieni di dolce poesia, per descrivere la malinconica riflessione della brava Simonetta.

Laura Toffoli –Il viale-: Inimitabile (e riconoscibile) è la nostra ottima Laura quando ci regala questi ricordi intessuti di colori, di profumi e velati di lieve malinconia.

Jacqueline Miu -Up III-: Altro intenso e bell’aforisma, nato dalla penna dell’appassionata Jac.

Salvatore Cutrupi –I colori del mattino-: Bel racconto, con suadenti immagini, dell’affrontare, con ottimismo e voglia di vivere, il giorno che nasce.

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

19 Luglio

Grazie Simone per il tuo sincero plauso alla mia poesia , il tuo posto in questo cielo azzurro di Lorenzo è ben meritato . A volte per vari motivi non ho il tempo per scrivere e leggere tutto ciò che voi del sito scrivete , prima con l’aiuto allo studio, ora con l’oratorio , poi ci sarà altro perché cerchiamo di dare sempre qualcosa ai bambini della comunità , comunque sono sempre grata a chi con interesse legge le mie parole e le commenta . Grazie a tutti , Piero , Santi , e come ben dice Simone al grande regista Lorenzo. Un sincero e affettuoso grazie
Antonia Scaligine
 

19/20 Luglio
Un plauso sincero all'amica Antonia, che stasera con "Il primo passo è sempre il più difficile" mi ha colpito molto. Poesia di spessore che ho seguito con rapimento, sulla quale mi sono soffermato più volte, perché metafora del difficile cammino della vita.
Ho scoperto poi una meravigliosa dedica a un calciatore, parlo della poesia di Michael Santhers, che di questo campione ingiustamente dimenticato, ne ha ritratto un eroe comune, complimenti.
Un grazie a tutti i poeti sitani e alla regia di Lorenzo per avermi offerto un posto in questo cielo azzurro.
Con gratitudine immensa e un saluto speciale ai miei amici Sandra e Piero.
Simone

 

17-18 Luglio

17 e 18 luglio 2017

Simonetta Ruggeri –Aride colline-: Benvenuta nell’azzurro, Simonetta! E’ bello questo esordio con una poesia che, con versi ricchi di sostanza poetica, omaggiano le stagioni per le loro affascinazioni. Suggestive sono le immagini che si rincorrono lungo tutta questa ottima poesia. Complimenti.

Marino Giannuzzo –Immortalità-: Le filosofiche riflessioni che ci sono nei versi di Marino, ci portano a ripensare al senso (ed al non senso) della religiosità, ed a quello della vita e della morte. Perfetta, appunto in questo senso, è la chiusa della poesia.

Nino Muzzi traduce Clément Marot-: Puntuale traduzione di quella che oggi sarebbe considerata una melensa dichiarazione d’amore. Come cambiano i tempi!

Maria Attanasio –Tu-: Decisamente ermetica, la leggo come un affettuoso, materno messaggio ad un figlio.

Maurizio Mazzotti –Li lascerò fare-: Guardarsi dentro e guardare il passare del tempo, quasi con tenerezza.  Belle le metaforiche immagini (tutte sembrano rappresentare se stesso ed il suo sentire) e piena di  dolce sentire la chiusa. Complimenti.

Claudio Badalotti –Languore della bellezza-: La percezione della bellezza muta col passare degli anni e quel che prima ci incantava dopo può deluderci. Questa la riflessione che muove la penna di Claudio che così invia il suo messaggio.

Bruno Castelletti –Tempi de carestia-: Affilati versi di Bruno, che riveste i panni di Marziale e ci racconta del suo disincantato e, in definitiva, malinconico guardare alla realtà politica di quest’Italia. Robe da ciodi, appunto.

Bruno Amore -…all’orientale-: Oggi Bruno ci regala cinque simpatici quadretti in versione haiku.

Tinti Baldini-Fantasmi-: Decisamente ermetica, in questa occasione, è la nostra ottima Tinti che inanella evocative e suggestive immagini, di complicata interpretazione.

Joseph68 –Non adesso-: C’è un tempo per ogni cosa: tempo di vivere e tempo di morire, per esempio. Non so se interpreto correttamente questa bella poesia di Joseph68 ma leggerla mi rammenta l’ineluttabilità della morte, assieme al desiderio dell’uomo di rinviarla più a lungo possibile. E l’estate è la stagione proprio sbagliata, come racconta il nostro amico.

Tiziana Cocolo -Papaveri su Monte Rovere-: E’ per me gran piacere rileggere Il Gabbiano, con questi suoi descrittivi che sapevano comunicare il suo intenso sentire e coinvolgere il lettore. Grazie Tiziana per questa rivisitazione di una bella poesia di tuo padre.

Laura Toffoli –Uno dei miei tanti pensieri-: Un’amara confessione di quel che non si è saputo fare della e con la poesia. L’incapacità di farla amare crea una sottile pena nell’anima del poeta e Laura la esprime col suo limpido poetare.                                                                   

Jacqueline Miu –Up II-: Un lungo e bell’aforisma che dice di audacia e di libertà.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti ed un grande grazie al nostro illuminato Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

16 Luglio

Caro Lorenzo,
da oggi sono tornato a Palermo e dispongo nuovamente del pc; ecco alcuni commenti:

"...poi non è stato sempre così semplice", di Maria Attanasio - L'amarezza di tante frustrazioni vissute in nome dell'amore, raccontata con notevoli versi che trasformano in musica le sofferenze provate.
"Addio", di Nino Silenzi - Simpatico e commovente componimento dedicato dal nostro collega alla compagna inanimata di tantissimi eventi; la propria autovettura che purtroppo mostra i segni di vecchiaia; e giunge l'ora del cambio e del rimpianto.
"Haiku", di Salvatore Cutrupi - Tre pennellate per dipingere un quadro animatissimo e suggestivo; complimenti!
"Quando un dettaglio fa la differenza", di Laura Toffoli - Due stati d'animo diversi raccontati con divertente semplicità da Laura; sembra una gemma che si apre.
Complimenti e ringraziamenti alle due colonne portanti del nostro sito: Piero e Lorenzo: ed un caro saluto per tutti,
Santi


Commento: Principi e principesse, giusto il dubbio sul titolo, sarebbe dovuto essere Prìncipi e principesse, i primi, i più giovani che partecipavano alla riunione le seconde, le sagge donne che cercavano di portare calma all'accesa discussione. Maurizio
 

15 e 16 luglio 2017

Michael Santhers –Caldo torrido-: Rassegnàti alla calura di provenienza africana, troviamo refrigerio negli umoristici quadretti che Michael appronta per noi. Il caldo di solito toglie forze e addormenta ispirazioni, al contrario, al nostro amico, stimola vieppiù la già esplosiva fantasia. E noi gliene siamo grati.

Marino Giannuzzo –Illusione-: Ricordi che portano consolazione ad una pena, ben descritti in questa poesia densa di malinconia.

Bruno Amore –salsedine-: Il sale del mare che si asciuga sulla pelle e le sensazioni che dona, in questi incisivi versi del nostro Bruno.

Nino Muzzi traduce Rostand-: Un raccontino mitologico di Rostand, con morale finale, tradotto al meglio da Nino.

Maria Attanasio -…poi non è mai stato semplice-: Cosa sia mai amore, se lo chiede Maria con questi intensi e bei versi, fatti di metaforiche immagini, senza trovare risposta se non dolorosa.

Maurizio Mazzotti –Principi e principesse-: Una riunione su di un balcone, al fresco della sera,  tra parenti che discutono di tutto un po’. Interpreto così il romanesco di Maurizio restando dubbioso per quel “Principi e principesse” che non mi pare sia il tema poi svolto. 

Corrado Cioci –L’istrione-: Lungo epitaffio, per ricordo ed omaggio ad un singolare personaggio, reso con prosa dai poetici accenti.

Claudio Badalotti –Il silenzio-: Profonda, malinconica riflessione sul silenzio e sul bisogno che, alla fine della strada, se ne sente.

Filosofiche, amare riflessioni su certe mancanze di regole ed il trovarsi a dover gestire insolubili problemi, portano a desiderare che quel vaso venga ancora aperto da Pandora, per punire, definitivamente, il mondo, ed alla fine trovare il silenzio. Leggo così gli intensi e riflessivi versi dell’ottimo Claudio.

Nino Silenzi –Addio-: Tra uomo ed automobile si può creare un rapporto (ma a senso unico, pare) d’affetto, e, quando avviene l’inevitabile distacco, una pena assale, quasi un rimorso. Così l’ottimo Nino esterna il suo sentire con questi  bei versi in sonanti settenari.

Jacqueline Miu –Up-: Istruzioni per l’uso dell’amore nella (e per la) vita, negli aforistici versi della nostra Jac.

Antonio Scalas –Ricordati del cielo-: Un invito a guardare al cielo ed alle stelle, per ridare ottimismo e speranza alla vita, in questi metaforici e bei versi di Antonio.

Salvatore Cutrupi –Haiku-: Una piacevole serata all’aperto con amici, bene narrata dai versi di Salvatore che ne rendono alla perfezione l’atmosfera.

Laura Toffoli –Quando un dettaglio fa la differenza-: Il confronto tra la timorosa fagianella e la divertita serenità di chi la osserva nascondersi, nei descrittivi versi di Laura.

Complimenti a S. A. Santoro per il lusinghiero risultato ottenuto nel bel concorso internazionale di letteratura e poesia “De finibus terrae”.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

15 Luglio

 

13-14 Luglio

13 e 14 luglio 2017

Bruno Amore –Le onde lunghe-: Bella descrizione dell’andare e venire delle onde sulla battigia che ci  regala un ipnotico incanto. Quindi una chiusa fatta di banali immagini che, confrontate con le romantiche onde, fanno pensare ad una metafora di bei sogni che, al risveglio, si dissolvono in prosaiche realtà.

Enrico Tartagni –Spazi & Spazi-: Surreali immagini che sembra dicano dell’incapacità di realizzare un progetto e della pena che, questa incapacità, genera, facendo desiderare una fuga dalla realtà.

Dario Menicucci –Un semplice uomo-: Inevitabile pensare a “Sono un poeta” di Ungaretti. Dario pare ampliarne il discorso, regalandoci intensi e bei versi.

Marino Giannuzzo –Il sogno-: E’ nei sogni che si appagano desideri inattuabili nella realtà. Questa la lezione, resa con ispirati versi, di Marino.

Nino Muzzi traduce Orazio-: Interessante traduzione di questa ode oraziana, rivolta ad Apollo quale preghiera.

Maria Attanasio –L’amore mio come acqua zampilla-: Bella serie di definizioni di come il poeta intende e dona il suo amore. Un amore dai contrastanti effetti, ben descritti dalla nostra Maria.

Laura Toffoli –Merletto come biglietto-: Pare magica apparizione quell’intarsio sul cartone e Laura si chiede, con apprensione, quale mai sia il messaggio che porta.

Sandra Greggio –Ribellione-: Un desiderio di libertà, espresso con forti immagini che evocano differenti stati d’animo (inverno/primavera, temporale/calma, pianto/riso) e si concludono con un ottimistica visione della vita.

Filippo Travaglini –E’……estate bollente-: La dolcezza dell’amore e la fresca visione di una “madonna” sono lenimento per questa torrida estate, per le noiose mosche, per le goccioline di sudore e , in definitiva, per tutto ciò che di negativo questa stagione bollente ci porta,  secondo gli ispirati versi di Filippo.

Jacqueline Miu –Promesse-: Come sempre sono spettacolari le immagini che Jac ci regala per narrare di un amore offerto a chi non pare maturo per accettarlo, né, forse, per intenderlo. “ti porto a volare ma tu gridi”, mi pare la sintesi esplicita di quella incapacità, ma ci sono altri versi significativi (per es.: “ali troppo piccole per una meta”) che la chiariscono dolorosamente.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

11-12 Luglio

11 e 12 luglio 2017

Poesie a tema: Le strade della vita

Maurizio Mazzotti –Le strade della vita sono scelte-: Bell’excursus sulle vie della nostra vita, strade festanti in giovanile età. E il tempo che passa porta consapevolezza e domande le cui risposte cerchiamo in una divinità. Intensa e bella è la poesia si Maurizio e potrebbe riguardare, più o meno,   noi tutti

Poesie a tema libero

Maria Attanasio –Tu sei di più-: Intensa ed ispirata dichiarazione d’amore dell’appassionata Maria.

Michael Santhers –Caldo di luglio-: Puntuale descrizione di questo torrido luglio, nell’originale e piacevole stile del nostro Michael.

Bruno Amore  -Un meriggio ancora-: “Vedo il disegno nell’accadimento” è la riflessione di Bruno nell’osservare quelle spighe piegate dal vento (immagine ben resa dai suoi  bei versi) che generano quasi un tremore, un inquietudine.

Bruno Castelletti –El far saver-: La pessimistica visione del mondo e l’impossibilità di poter cambiare le cose, ispirano a Bruno questo avvertimento, rivolto a chi immagina, illudendosi, di poter fare la rivoluzione (“Fermar col cul el treno”, dice il nostro).

Marino Giannuzzo –Il Creatore-: Ben sviluppato il tema sul Creatore creato. Concordo con Marino là dove afferma che è l’uomo ad aver creato Dio a sua immagine e somiglianza, per quel oltre mondo che genera timori. Questa teologico dilemma è dell’uomo dal tempo dei tempi, dilemma che troverà soluzione (o non la troverà per niente) al termine della strada.

Santi Cardella –L’orgia del potere-: Fumo negli occhi, dunque, sono le riunioni dei cosiddetti Grandi, e Santi, contro questi inutili , folcloristici spettacoli, scaglia i suoi affilati versi, che in profondità scavano sulla assoluta mancanza d’amore che c’è, appunto, in quei personaggi che hanno un potere, usato esclusivamente a difesa dei propri, personali interessi.

Antonietta Ursitti –Scie di fuoco-: Un apocalittico scenario di quel che potrà essere il nostro mondo, nella visione pessimistica della bravissima Antonietta, cui do il bentornata nell’azzurro, assieme ad un caro saluto.

Nino muzzi traduce Du Bellay-: Puntuale traduzione, resa da Nino, del poeta francese.

Jacqueline Miu –Filippo di Spagna aveva una gallina che amava ma un di la uccise-: La gallina dalle uova d’oro, per Filippo II°, era la Spagna e, in effetti, col suo ottuso, dittatoriale atteggiamento da integralista cattolico, la portò alla rovina. Rovina che toccò il fondo nella disastrosa sconfitta di quella che un tempo fu invincibile armata. Immagino che questo intenda dire la nostra Jac con i suoi sintetici versi.

Laura Toffoli –Una storia verde-: Deliziosa immersione nel verde, regalataci dalla fantasiosa Laura.

Marinella Addis –Parabola-: Una metafora che pare raccontare di uno stato d’animo e d’un tirar di somme della vita.

Probabilmente nati da crisi esistenziale, sono questi versi dall’amaro sapore, che lasciano poco spazio alla speranza. La chiusura sottolinea, ancora di più, la pessimistica visione, con quel rimpiangere l’aver sprecato le opportunità della vita.

Do il bentornata nell’azzurro all’amica  Marinella, assieme ad un caro saluto.

Roberto Soldà –Terosifoni ,,,viventi-: Caro Roberto, leggo nella tua poesia (che fa centro anche stavolta) il mescolarsi, con grande sentimento, di ricordi di tempi giovanili con sprazzi di scienza acquisita.

Sono emozioni che tornano, con riconoscenza,  i ricordi di quei "termosifoni"  salvifici che hanno favorito, con il loro tepore, l'acquisizione di cultura e, successivamente, di scienza.

C'è, nel tuo racconto, una vena d'umorismo che pare assolvere la dura vita contadina, ben resa dai versi, anche col ricordo di quei terribili inverni gelidi.

In definitiva hai composto un delizioso racconto poetico, per tutti piacevole a leggersi. Ancora complimenti.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

9-10 Luglio

9 e 10 luglio

Poesie a tema: Le strade della vita

Laura Toffoli –Le strade della vita-: Giusta considerazione di Laura sul nostro percorrere la vita con le sue strade.

Poesie a tema libero

Claudio Badalotti –Apparenza-: La leggo come una serie di  saggi aforismi, ben resi da precisi settenari, su ciò che appare e non è, o non è più.

Maria Attanasio –Non pensare a noi-: Un malinconico, rassegnato abbandono, narrato con intensi e amari versi.

Michael Santhers –In spiaggia-: Sarcastiche pennellate, a dipingere scenette estive in riva al mare, secondo la visione dell’ottimo Michael.

Bruno Amore –Ispirazioni appallottolate-:  Capita di scrivere con scarsa ispirazione e capita di fare, di quelle inutili carte, pallottole per il gioco di gatti. Così, questo pensiero, ispira il nostro Bruno che ci regala una poesia che noi tutti potremmo scrivere.

Giovanna Cardella –Il bacio-: Il senso che c’è nel bacio, l’emozione ed il desiderio, tutto concentrato nell’attimo che lo precede. Questo il messaggio che ci invia la bravissima Giovanna, con questi intensi e bei versi che del bacio sono apoteosi. Brava, Giovanna, e ben tornata!

Dario Menicucci -28 giugno-: Una banale, ma indispensabile giornata di lavoro, tanto noiosa da fare dimenticare persino un’importante ricorrenza, narrata da Dario con versi dal rassegnato, malinconico tono.

Giuseppe Gianpaolo Casarini –Vite del Ticino-: Una deliziosa, nostalgica descrizione del Ticino e dei boschi che attraversa, resa con l’aulico, gradevolissimo stile dell’ottimo Giuseppa.

Marianna Poerio –Sensazioni-: Un esistenziale timore e la rassegnazione nell’accoglierlo, ben raccontato dai sintetici versi di Marianna.

Marino Giannuzzo –Idioma natio-: L’indissolubile legame con la terra natia è, per chi ne è esule, l’idioma insegnato dai genitori. Questo il messaggio che c’è nei versi odierni di Marino

Filippo Travaglini –Scrutavo il tuo cuore-: “Allora vorrei essere una foglia,/
un soffio d'aria dentro il tuo respiro/o il volo del silenzio tra le ciglia/per annidarmi nel tuo sguardo scuro.” Versi che meritano d’essere ricordati, in una fremente poesia d’amore.

Luigi Preziuso –L’Italia che non c’è più-: Leggendo questo poetica prosa dell’amico Luigi, chissà perché, mi sono tornati in mente i cartelli che, negli anni ’50 e ’60 erano affissi sulle porte delle abitazioni sfitte, in Torino e dintorni. Sopra c’era scritto “Non si affitta a meridionali”, forse perché si temeva inquinassero la nobiltà piemontese.

Pensa un po’, questi che, disperatamente, oggi arrivano sono ancora più meridionali di quei meridionali!

Che accadrà alla nostra razza pura? Mi pare questa l’angosciosa domanda che lo scrittore ci invia, con questa sua composizione colma d’apprensione.

Fausto Busatta –Serpenti a mezzogiorno-: Un moraleggiante confronto tra impostori ed onesti, nei significativi versi di Fausto.

Jacqueline Miu –Aforisma-:  Mi permetto di completare Jac: …sperando valgano qualcosa. E non è detto.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

6-7 Luglio

Poesie del 6-7-8 luglio:
"La pagina web" di Claudio: poesia colma di saggezza, condivido appieno le verità che hai scritto.
Commovente, tenera, stupenda "Re Jack" di Dario. Mi hai fatto piangere un po', pensando a quando non ci sarà più il mio cane, anche se dire "il mio cane" non mi piace.
Simone
 

6 luglio 2017

Poesie a tema: Le strade della vita

Antonia Scaligine –Salita in discesa, la strada della vita-: Metafore limpide per descrivere le strade che si percorrono nella vita,  tra errori ed esatte scelte. Siamo sempre dubbiosi davanti a strade in salita che ci paiono in discesa. Questo afferma la nostra Antonia con questi suoi versi dal tono meditativo.

Poesie a tema libero

Nino Muzzi traduce de Ronsard-: Un bellissimo, romantico  sonetto di de Ronsard, bene reso dalla traduzione di Nino.

Michele Cristiano Aulicino –Metafisica del ferro e dell’uva-: Ricordi malinconici, di un giovanile tempo, narrati con qualche surreale immagine e tanto sentimento dall’ottimo Bibappalula.

Claudio Badalotti –La pagina web-: Esercizio d’ermetismo paiono questi versi di Claudio che spaziano da una metafora (la pagina del web, metafora della vita) ad immagini evocative di stati d’animo. La leggo come un’analisi, densa di malinconia, di una stressante giornata  che porta a riflettere su se stessi.

Maria Attanasio –L’amore degli altri-: Una riflessione, su l’amore degli altri, che porta a negative conclusioni (“ci fai un buco dentro/e dall’altra parte/non si vede né cielo/né mare”). Resta, buon ultima, la speranza “di beccare un cuore/in volo anche da rammendare”. In definitiva mi pare che Maria esprima grande pessimismo, con questi intensi versi.

Fabrizio Lama –Notti assenti-: La descrizione di una pena esistenziale, resa con ispirate e belle immagini e con versi densi di un malinconico guardare e guardarsi.

Dario Menicucci -Re Jack (dedicata a Jay, Patrizia e Vincenzo)-: Il commosso ricordo di un fedele amico, narrato con grande, commosso sentimento, bene comunicato dai coinvolgenti versi dell’ottimo Dario.

Marino Giannuzzo –Giustizia millantata-: Il nostro Marino si appella ad una giustizia superiore, per giustificare l’amore (e magari anche la stima) di figli nei confronti di padri che appaiono (e purtroppo sono) disumanamente criminali. La voce del sangue non si può zittire, è vero, soprattutto quando qualis pater, talis filius.  

A scanso di equivoci affermo che quel personaggio, cui il poeta si riferisce, può amare e stimare al massimo grado suo padre e non vedo chi possa negargli questi sentimenti.

Jacqueline Miu – nativo di Venere-: Ed ancora surreali, fascinose immagini, per descrivere, anche con l’uso del rumeno e dell’inglese, i bisogni e le voglie di un…nativo di Venere. Impagabile quel “inforchetti  fili di nuvole per la tua abulia sentimentale”.

Laura Toffoli –Sei tu il vento?-: Arrendersi al vento dell’amore è saggia decisione. E Laura lo racconta con la sua romantica descrizione di paesaggi incantati  e nascenti sentimenti, avvolti da un vento che spazza nubi e regala il sereno.

Roberto Soldà –Il suono del silenzio-: Splendida  questa poesia. Ne sono rimasto incantato ed ammirato; credo, a buona ragione, che Roberto meriti d’essere considerato un grande nel panorama della poesia d’oggi.

Vi ho trovato un alto lirismo che mi ha fatto pensare a Montale. Un lirismo non fine a se stesso ma quale vestito di un profondo sentire.

Vivissimi complimenti, assieme ad applausi convinti.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

5 Luglio

5 luglio 2017

Marino Giannuzzo –Giulio-: Un esempio di generosità del figlio nei confronti del padre, ben descritto nel racconto di Marino.

Nino Muzzi traduce de Ronsard-: Subdolo e suadente de Ronsard! Chi lo sa come andò a finire questo …assalto alla diligenza. Simpaticamente tradotti da Nino sono i versi, non ancora parnassiani, del poeta francese.

Filippo Genini –Cassiglio-: E’ un bell’immergersi in una incontaminata natura leggere questi freschi versi di Filippo che, con maestria, la descrivono.

Acquaviva –El Miedo-: Amara analisi di un vivere soggetti alla paura, resa con lunghi, prosastici versi ispirati da profonde, pessimistiche considerazioni.

Germano Fenu –E L’Italia-: L’Italia, con le sue glorie, la sua arte e la sua scarsa memoria della grandezza che fu, narrata da Germano con versi che a me paiono densi di malinconia e pena.

Francesco Soldini –Al risveglio-: Mi pare questa un’analisi critica del  suo Diario Poetico, resa con severità da Francesco.

Salvatore Cutrupi –Le mie mani-: Bella e poetica descrizione dell’attività delle mani, negli ispirati versi di Salvatore, chiusi da un velo di nostalgia.

Jacqueline Miu –Gli eroi sono pionieri senza mai buone circostanze con ombre solitudini e battaglie sulle loro orme-: Un lungo aforisma, reso con l’impagabile stile dell’ottima Jac.

A voi tutti il più cordiale dei saluti ed un grande grazie al nostro illuminato Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

4 Luglio

4 luglio 2017

Francesco Soldini –Zanzare-: Già, proprio così, sono spariti i simpatici ed utilissimi pipistrelli e l’uomo, Attila per la natura, anziché donare il sangue all’Avis, disseta zanzare. In pratica per questi noiosissimi insetti, è diventato l’elemento principale della scala alimentare. E Francesco lo racconta con amaro humor.

Marino Giannuzzo -Giardino-: Bella lezione d’ornitologia, negli ispirati versi di Francesco. Ci viene, dal suo racconto, una bella sensazione di pace.

Michael Santhers –Subbugli di pace-: Nel più bello stile santhersiano ecco la romantica, poetica descrizione degli astri che fanno da coperchio alla terra. Particolarmente ispirato, oggi il poeta ci regala surreali e piacevoli immagini.

Bruno Castelletti –Roba da pitochi-: La particolare attenzione che l’ottimo Bruno ha nei confronti dei diseredati, qui espressa con amaro sarcasmo. Robe da ciodi, appunto. Sempre complimenti a questo grande della poesia dialettale, per come sa esprimere, coinvolgendoci, il suo profondo sentire, le sue denuncie.

Nino Muzzi traduce Carole David-: Puntuale traduzione di Nino, di questo commovente omaggio alla grande Alda Merini.

Marco Lai –Nel giorno del dolore-: Molto ben espressa una pena esistenziale, nata da ricordi, che turba e confonde le idee.

Emilio Tasca –Passione e poesia-: Perfetto aforisma,del riflessivo Emilio, che pare anche ammonirci…

Jacqueline Miu –Ocean blue blues-: Un’affascinante invocazione all’amore ed alla solidarietà trab amanti, resa con tutta la passionalità e la fantasia di cui è dotata la nostra insuperabile Jac.

Laura Toffoli –Nel mare la mia espressione di sogno-: “Getto la rete/nelle profondità del mio essere/per pescare/qualche estate radiosa/disegnata nelle conchiglie”, sono versi d’alto lirismo, nati da una sensibile e romantica anima. Complimenti!

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

3 Luglio

3 luglio 2017

Poesie a tema: le strade della vita

Simone Magli –Le strade più corte finiscono sempre in un burrone-: Diffidate dalle scorciatoie! Questo il messaggio che l’ottimo Simo ci invia col suo saggio aforisma.

Poesie a tema libero

Francesco Soldini –Il disarmo-: Interessante considerazione sulla geopolitica, successiva alla caduta del muro di Berlino (1989) alla quale si potrebbe obiettare che, con quella caduta, (cioè con l’effettiva sconfitta del comunismo sovietico) si ruppe un equilibrio tra ovest ed est del mondo.

Il risultato è sotto gli occhi di tutti: l’elenco delle guerre, più o meno locali, da allora è lungo ed ancora tutto da  scrivere.

Marino Giannuzzo –Francesco-: Ecco un altro personaggio, nella galleria che ci regala Marino. Ben disegnato, come bene sono espressi i sentimenti dei teneri genitori.

Maria Attanasio –(Selfie con figlie)-: L’apprensione di una amorevole madre per le figlie, fortemente risalta in questi bei versi della nostra Maria che, con quel selfie esprime, metaforicamente, il bisogno, irrealizzabile, di legarle a sé.

Antonio Scalas –Dolci tentazioni-: WOW! Altro che iperbole! Invento una meta iperbolicissima descrizione, meta dolcestilnovistica, di un personaggio che sconvolge per le super divine caratteristiche che, in lei, vede il super romantico Antonio.  Ma, dopo lo scherzo, un complimento al poeta per questo poetare, denso di romanticismo, ma anche di corretta tecnica.

Jacqueline Miu –Path to Hollywood-: Ancora una volta mi immergo nelle surreali, metafisiche immagini che l’eccezionale Jac ci regala, ne godo il senso, rileggo e, sempre, trovo qualcosa di nuovo. C’è gran sentimento nelle poesie della nostra, talvolta nascosto sotto una vernice che pare frutto di un body painting, tanto le sue impronte vi restano.  Complimenti ancora, Jac!

Laura Toffoli –Una semplice poesia: Battiti estivi-: Un bucolico sentimento, dunque, generano quegli odori di campagna. Sentimento che poi non può che concretizzarsi in qualcosa denso d’amore. Sempre delizioso leggere le lievi descrizioni di Laura, che non usa, come la Jac precedente, la spatola, ma un delicato pennello per acquerelli dolcissimi.

Tiziana Cocolo –Spiaggia-: La bellissima descrizione di una spiaggia, con i sentimenti che genera, in accattivante e corretto stile che risente di influenze e ricordi montaliani. Piacevolissima a leggersi è questa poesia, dal sognante tono, della bravissima Tiziana.

Fausto Busatta –Silenziosi e rubati pensieri-: Bentornato nell’azzurro, Fausto! Intensa e bella questa poesia che narra, sostanzialmente, di un inappagato desiderio, come un qualcosa che volteggia nell’aria, eccita ed è imprendibile, con le metaforiche immagini che ci offre.                     

Carducci “Alle Fonti del Clitunno”, proposta da G. G. Casarini-: La più lunga, se ben ricordo, delle odi barbare, descrittiva di un angolo di paradiso della bellissima Umbria. Piena di classici e storici riferimenti e proponendo un confronto tra la serenità d’un tempo ed il nascere di un industria inquinante, è strutturata in strofe saffiche (tre endecasillabi chiusi da un quinario) dove accade spesso che  il primo verso di una strofa sia enjambement del quinario precedente, dando un effetto di lunga continuità delle due (talvolta tre) strofe, così tra loro legate. Leggerla è come immergersi in un sognante panorama di quell’affascinante terra. Grazie Giuseppe!

A voi tutti il più cordiale dei saluti, in primis al nostro illuminato Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

2 Luglio

2 luglio 2017

Francesco Soldini –E non sanno lavorare-: Francesco pare invitare ad un confronto tra quel che accadde in Albania, qualche decennio fa, e quel che accade oggi con l’esodo biblico, dall’Africa e dal Medio Oriente, verso l’Italia. Ma mi pare difficile questo paragone, date le dimensioni (e la popolazione) dell’Albania, dove, comunque, abbiamo investito pesantemente in termini di istituzioni democratiche e di attività economiche. Magari si svegliasse l’intero occidente, per fare in Africa (e in Medio Oriente) quel che l’Italia, recentemente, ha fatto nel paese delle aquile! (forse anche per un atavico rimorso di coscienza…)

Marino Giannuzzo –Fossili-: Giusta considerazione di Marino su quelle persone che vivono e muoiono dove sono nati. Radici atrofizzate, afferma il nostro, con limitata visione della società e della sua evoluzione.

Maria Attanasio –Ti sentivo fiato leggero sul collo-: Splendido quel primo verso (degno della Merini) ed intensa questa analisi di uno sconfortante rapporto, nella bella poesia di Maria.

Renzo Montagnoli –Passeggiata all’alba-: I versi di Renzo ci trasportano in un mondo incantato, in un tempo sospeso tra notte e giorno, dove pare di vivere la fiaba di un sogno. E, come i sogni svaniscono, così, veloce, cambia la dolcissima atmosfera narrata nei magistrali versi del nostro poeta.

Angelo Michele Cozza –Tardiva ospite del mio cuore-: E’ da applausi questa fremente invocazione per un amore salvifico, per come è stata costruita metricamente e per quanto sentimento riesce a comunicare, mediante un perfetto uso dell’italiano e di ritmici versi. Complimenti vivissimi, Angelo!

Carlo Chionne –Pasquinale-: Sagace e beffardo Carlo! Pasquino + Marziale, rinati in te, ci muovono al riso…amaro, amarissimo. Un caro saluto.

Antonio Scalas –Sulla mia giacca-: In compagnia di un bruco (metafora di desideri da realizzare) ecco il bel racconto della scalata (altra metafora) di un monte che avrà, quale risultato, la realizzazione di un sogno di libertà (…quella farfalla). Piacevolissima poesia dell’ottimo Antonio.

Salvatore Cutrupi –Haiku-: Non so se la composizione di Salvatore risponde ai canoni dell’haiku. Ma so che c’è alta poesia in questi descrittivi versi, decisamente metaforici di un desiderio di sogno.

Jacqueline Miu –grandina stelle-: Tra romanticismo e storia britannica, si svolgono i versi della nostra fantasiosa amica che continua ad allietarci col suo originale, intenso poetare.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti ed un grande grazie al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano

 

1 Luglio

1 luglio 2017

Dario Menicucci –Filo di vento-: Perfettamente descritta questa torrida estate che ci soffoca e pare farci mancare aria e lucidità. Pare sciogliersi la città e, con lei, i nostri pensieri. Unica oasi sognata è una voce amata, negli intensi versi di Dario.

Enrico Tartagni –Mare calmo. Ombrellone chiuso-: Il ricordo di un amore, nello scenario di un mare estivo, con suggestivi e bei versi, dal malinconico tono, che disegnano immagini piene di poesia.

Francesco Soldini –Silenzio-: Un nascere del giorno, immersi in un silenzio che pare sussurrare musica, nei descrittivi versi del poeta.

Marino Giannuzzo –Formicolio-: Beh, capita che, ogni tanto, si torni indietro nel tempo. E Marino, gradevolmente, pone rimedio a questa inversione.

Maria Attanasio –Mi piaceva l’appartenenza-: La rassicurante sensazione che può dare l’appartenere a qualcuno, svanisce nel tempo, lasciando delusione profonda. Questo nei versi, dall’addolorato tono, di Maria.

Jacqueline Miu –nightkiss-: C’è sempre grande suggestione nei fantasiosi versi di Jac. E’ come se dipingesse surreali, metafisiche immagini, quando si mette alla tastiera per narrare le sue emozioni, i ricordi, i desideri. Ed affascina sempre.

Laura Toffoli –Poesia…sempre poesia…-:  Appassionata analisi sul senso del fare poesia, resa con limpidi versi, quasi confessandosi, quasi chiedendo scusa. Ma la poesia, cara Laura, è proprio ciò che tu dici, un respiro dell’anima indirizzato ad altre anime.

Alda Merini “Io non ho bisogno di denaro”, proposta da Poetare-: Ed altra condivisibile risposta alla domanda di Laura, ecco porgerla la grandissima Merini quando afferma: “Ho bisogno di poesia/questa magia che brucia la pesantezza delle parole/che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.

Il più cordiale dei saluti a voi tutti, in primis al nostro generoso Lorenzo.

Piero Colonna Romano
 

1 luglio 2017
Ad Armando Bettozzi vivissimi complimenti per la vittoria ottenuta nel prestigioso concorso “Città di Martinsicuro” 2017.
Piero Colonna Romano
 

Comunicato

RIVIERA Oggi

Cultura e Spettacolo
Decretati i vincitori del Premio Letterario Internazionale "Città di Martinsicuro"
di Redazione - 29 giugno 2017 @ 14:23

La cerimonia di premiazione si svolgerà sabato 5 agosto alle 21.30 presso la Torre Carlo V di Martinsicuro e vedrà la partecipazione di numerose personalità del mondo della cultura.
Un Premio speciale alla Poesia verrà conferito allo scrittore palestinese Murad Sudani


Torre Carlo V
La giuria del Premio Letterario Internazionale "Città di Martinsicuro" (IX ed.) organizzato dalla Di Felice Edizioni e dal Comune di Martinsicuro, ha scelto la rosa dei vincitori che saranno premiati sabato 5 agosto alle 21.30 presso la Torre Carlo V di Martinsicuro, in una cerimonia che vedrà la partecipazione di numerose personalità del mondo della cultura.

La giuria è composta da Valeria Di Felice (segretario, senza diritto di voto), Fulvia Marconi (poetessa e critico), Vittorio Verducci (poeta e critico), Giovanna Albi (critico e scrittrice), Ivana Tamoni (poetessa e traduttrice), Anacleta Camaioni (scrittrice).

I vincitori sono:
Sezione Poesia verso libero: Loretta Stefoni (1° class.), Maria Rita Massetti (2° class.), Marco Cesare Roi (3° class.), Olga Merli (4° class.); Nando Pietro Tomassoni (5° class.);
Sezione Poesia in metrica: Luca Zechini (1° class.), Elisabetta Freddi (2° class.), Enrico Parravicini (3° class.);
Sezione Poesia in vernacolo: Armando Bettozzi (1° class.), Franco Ponseggi (2° class.), Antonietta Galofaro (3° class.);
Premio Magnificat a Marinella Paoletti;
Premio Il Faro a Enrico Maria Marcelli.
Un Premio speciale alla Poesia verrà conferito allo scrittore palestinese Murad Sudani, autore di numerosi libri di poesia e, attualmente, Segretario generale del Comitato nazionale Palestinese per l'Istruzione, Cultura e della Scienza e Segretario generale dell'Unione generale degli scrittori palestinesi.
Il Premio ha l'Alto Patrocinio della Regione Abruzzo, della Fondation Club du Livre au Maroc, dell'Associazione Editori Abruzzesi, dell'Associazione Magnificat e dell'Associazione Il Faro.
 

 



Pagina iniziale

Tematiche e testi


Poetare | Poesie | Licenze | Fucina | Strumenti | Metrica | Figure retoriche | Guida | Lettura | Creazione | Autori | Biografie | Poeti del sito

Torna su

Poetare.it  © 2002