Poesie di Carlo Festa


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche



Guardano l'orizzonte
Senza speranza
guardano l'orizzonte,
senza sognare
continuano a vivere,
a dare,
a subire occhi senza amore,
parole senza cuore,
a subire mani senza dolcezza,
senza pietà.
Senza speranza
guardano l'orologio,
senza fantasticare
fumano sigarette,
aspettano il prossimo cliente,
non s'illudono che la loro vita cambierà,
che arriveranno risvegli diversi,
tramonti importanti,
stelle indimenticabili.
Senza speranza
guardano l'orizzonte,
senza sognare
la sera sono pronte,
sono disponibili,
non s'illudono che questo inverno finirà,
che la felicità arriverà.

L'aereo parte
L'aereo parte,
pieno di speranze
s'invola verso l'orizzonte,
un aereo pieno di sogni,
di uomini contenti,
ma non appagati,
di uomini pronti a dare il massimo,
a scrivere un'altra pagina importante,
indimenticabile.
Qualcuno ha dimenticato il passaporto,
è costretto a rinunciare,
un altro è infortunato,
non viene convocato,
un altro ancora ha un impegno,
decide di non andare,
senza saperlo di continuare a vivere.
L'aereo parte,
pieno di speranze
s'invola verso la fine,
un aereo pieno di sogni,
di uomini contenti,
ma non appagati,
di uomini che volevano conquistare un'altra vittoria,
regalare un'altra gioia.
(Strage della Chapecoense 28/11/2016)

Sguardi senza nome
Sguardi senza nome,
indimenticabili,
sguardi che immortaliamo,
che non dimentichiamo,
che cerchiamo,
che non troviamo,
che non tradiamo.
Sguardi che accecano,
che assillano,
sguardi che fanno compagnia,
che interrogano,
ispirano,
la penna accontentano,
il foglio riempiono.
Sguardi senza nome,
indimenticabili,
sguardi a cui vorremo chiedere,
con cui vorremmo partire,
a cui vorremmo dare,
con cui vorremmo volare.

La prima pietra non scagliò
Osea perse la pazienza,
disse basta,
perché ancora una volta
era stato tradito,
perché ancora una volta
Gomer alla tentazione non aveva resistito,
decise di processarla,
di accusarla davanti a tutti.
Le pietre erano pronte,
la legge parlava chiaro,
ma quando arrivò il momento
di condannarla alla lapidazione,
si fermò,
domò la sua rabbia,
non poteva morire la madre dei suoi figli,
la donna che amava,
troppo grande il suo amore per permettere questo,
troppo grande la sua voglia di perdonarla,
di continuare ad amarla,
di darle un'altra possibilità.
Davanti a tutti i suoi tradimenti aveva elencato,
i suoi tradimenti aveva accusato,
ma arrivato al perciò si fermò,
la perdonò,
la prima pietra non scagliò,
comprese che non si sentiva amata,
che voleva di più.

"Perciò...ecco, la attirerò a me, la condurrò nel deserto. E avverrà in quel giorno che mi chiamerai:
Marito mio, e non mi chiamerai più: Mio padrone. Ti farò mia sposa per sempre, ti farò mia sposa
nella giustizia e nel diritto, nella benevolenza e nell'amore" Osea

Passano i giorni
Passano i giorni,
i giorni belli,
i giorni brutti,
i giorni pieni,
i giorni vuoti,
i giorni dove lottiamo,
i giorni dove ci arrendiamo,
abbandoniamo la scena,
il palco.
Passano i giorni,
i giorni in cui siamo soddisfatti,
altri in cui pensiamo ai progetti naufragati,
i giorni in cui abbiamo voglia di fare,
altri in cui non vogliamo uscire,
prendere aria,
in cui vogliamo stare lontani da tutti e da tutto,
in compagnia del silenzio,
dei nostri pensieri,
dei nostri nodi.
Passano i giorni,
arrivano e vanno via,
lasciano qualcosa,
delle domande o delle risposte.

Uomini dimenticati
Tutto,
hanno perso tutto,
non sanno cosa fare,
a chi rivolgersi,
a chi chiedere,
gli amici?
ma quali amici,
fanno parte del passato,
nel momento del bisogno
hanno dimenticato i momenti condivisi insieme,
hanno buttato via la maschera.
Tutto,
hanno perso tutto,
il lavoro,
la casa,
la famiglia,
ma soprattutto hanno perso la speranza,
la cosa più importante.
Tutto,
hanno perso tutto,
sono finiti sulla strada
a chiedere aiuto,
a fotografare sguardi indifferenti,
sono finiti sulla strada
a guardare le stelle,
a sperare di raggiungerle.

L'impero dei nostri occhi
Ognuno di noi ha un impero,
l'insieme dei posti che ha raggiunto,
che ha visto,
immortalato,
l'insieme dei posti dove ha vissuto,
dove ha passeggiato,
respirato,
lasciato qualcosa.
Ognuno di noi ha dei ricordi,
delle fotografie,
delle conquiste,
dei momenti che tornano all'improvviso,
che riportano indietro nel tempo,
dei momenti che fanno venire la voglia di partire,
di conquistare nuove terre,
di allargare i confini.
Ognuno di noi ha un impero,
l'insieme dei posti che ha raggiunto,
dove ha vissuto,
dove vorrebbe tornare.

La guerra
Il passato,
cosa ci ha insegnato il passato,
il passato ci ha insegnato
che la guerra non risolve nulla,
peggiora le cose,
che la guerra è una notte lunga,
una notte piena di dolore,
di lacrime,
una notte dove tutti perdono tutto.
Ancora oggi guerre senza senso,
ancora oggi persone indifese vengono umiliate,
massacrate,
uccise,
subiscono l'arroganza dei potenti,
i loro sogni di conquista,
di sottomettere la ribellione,
chi trova il coraggio di opporsi.
Ancora oggi ricordiamo le vittime,
diciamo mai più,
allo stesso tempo giochiamo con il fuoco,
rischiamo la terza.

Se questa non ci rimprovera
Della verità abbiamo voglia,
allo stesso tempo abbiamo paura,
se questa ci rimprovera,
non ci asseconda,
le diciamo bugiarda,
come ti permetti.
Abbiamo voglia di persone vere,
sincere,
ma se queste sottolineano qualcosa,
osano dire la verità,
ci trasformiamo,
le allontaniamo.
Della verità abbiamo voglia,
allo stesso tempo abbiamo paura,
se questa non ci rimprovera,
ci asseconda,
l'apprezziamo.

Le rose sboccino
Il tempo passi,
quel giorno arrivi,
il sole sorga,
le rose sboccino.

Non capisce perché
Ogni uomo è un'espressione,
se non scioglie le parentesi
non arriva alla conclusione,
non capisce perché.

Vivere senza arrivare
Eri stanco,
molto stanco,
stanco di respirare,
di vivere senza concludere,
di dare ascolto alle delusioni,
di essere rimproverato.
Eri stanco di provarci,
di vivere senza arrivare,
ogni volta di sbagliare strada,
di decollare
e poi precipitare,
di non raggiungere l'orizzonte.
Eri stanco di lottare,
di vivere senza vincere,
di vivere senza realizzare,
ogni volta di naufragare,
di andare oltre
e poi tornare a mani vuote,
di ingoiare bocconi amari.
Alla fine ti sei arreso,
alla fine hai detto basta,
hai lasciato i tuoi genitori,
hai lasciato i tuoi amici,
le strade che hai percorso,
le illusioni che ti hanno tormentato,
i campi di battaglia,
i duelli contro il vento,
contro il suo volere.

Ritrovarmi tra le stelle
E ritrovarmi tra le stelle
mentre l'orizzonte è incatenato,
prigioniero di una passione,
non ha senso immaginare
questa sua voglia di evadere,
di spezzare le catene
e placare questo mio tormento,
per sempre.
E ritrovarmi tra le stelle
mentre comincia la pubblicità,
non ha senso essere la sua metà,
allontanarmi dalla realtà,
devo prima liberarla,
cosa non facile,
direi impossibile,
purtroppo sono arrivato tardi.
E ritrovarmi tra le stelle
mentre la terra compie un altro giro,
al prossimo questa voglia sarà ancora incatenata,
da quanti giri mi ripeto non ha senso.

Fino alla fine
Sono tramonto e alba,
brucio e risorgo,
fino alla fine.

Siamo conseguenza
Siamo conseguenza
di quello che subiamo,
delle prove che affrontiamo e superiamo,
del nostro essere pronti
quando abbiamo un bivio davanti,
quando la vita ci mette alla prova.
Siamo conseguenza
dell'irrompere delle avversità,
entrate da dietro improvvise
quando a rete siamo lanciati,
quando stiamo per concludere,
per dare un sapore diverso ai nostri giorni.
Siamo conseguenza
del tempo che cambia,
del volere del vento
che soffia forte all'improvviso,
quando l'est stiamo per raggiungere,
quando manca poco per voltare pagina.
Siamo conseguenza
delle strade che decidiamo di intraprendere,
dei sogni che abbiamo voglia di realizzare,
degli ostacoli che riusciamo a superare,
se abbiamo la meglio,
diventiamo più forti,
accettiamo nuove sfide,
se abbiamo la peggio,
diventiamo spettatori,
abbandoniamo la scena.

Seduto e abbattuto
Seduto e abbattuto
ricorda il tempo che ha vissuto,
seduto e molto stanco
vorrebbe uscire da questa stanza,
riabbracciare sua moglie
e tornare a passeggiare,
sentire di nuovo i raggi del sole.
Le gambe sono stanche,
non l'accontentano più,
gli concedono al massimo
di camminare per la casa,
sono lontani i giorni
in cui andava dove voleva,
in cui partiva e tornava,
in cui niente lo fermava.
Seduto e abbattuto
guarda le lancette,
seduto e molto stanco
aspetta la badante,
quante cose sono cambiate,
i suoi figli sono cresciuti,
hanno sempre da fare,
il desiderio di raggiungerla,
di lasciare questo mondo,
è sempre più grande.

Questo grande amico blu
Quanti tramonti ha visto e vedrà
questo grande amico blu,
quanti amori ogni giorno
decidono di stare con lui,
quante persone sole ogni notte
cercano ispirazione e forza nelle sue acque,
che vita sarebbe senza la sua compagnia.
Quante persone riposano in pace
sotto questo grande manto blu,
partiti con grande speranze dall'Africa
sono adesso colpa dell'umanità,
colpa che nessuno vede
perché nascosta nelle sue profondità,
dove la coscienza non ha voglia di arrivare.
Quanti uomini ha conquistato
questa grande distesa blu,
chi riesce a fare resistenza
è forse uno pieno di solitudine,
che forza di vivere non ha
e forse domani non ci sarà.
Quanta gelosia prova verso il cielo
questo grande amico blu,
quante persone con lui il giorno prima
ha visto andare via,
come si consola pensando
che nuove vite lo conosceranno,
il suo abbraccio mai farà mancare.
Quanta emozione si prova
a raggiungere il suo orizzonte,
quante volte ruba la luna
facendo scendere così il cielo sulla terra,
quando rimani in silenzio
come ti conquista la sua voce,
se lo conosci non lo lasci più.

Naufraga il rapporto
Tutti vogliono degli amici veri,
delle persone di cui fidarsi,
da chiamare nei momenti difficili,
ma pochi vogliono sentire la verità,
pochi vogliono essere corretti,
basta una parola dura
che smettono di sorridere,
basta sottolineare qualcosa
che cambiano opinione,
che decidono di allontanarsi.
Se assecondi,
tutto va bene,
se vai contro,
se sbagli a parlare,
finisce tutto,
naufraga il rapporto,
cosa che non ha senso,
l'amico non può tacere,
l'amico devo consigliare,
diventare antipatico,
impedire che l'errore sia commesso di nuovo.

Dici Italia
Dici Italia e ti vengono in mente tante pagine di storia,
dalle guerre d'indipendenza alla fine della monarchia,
dal "sovrano per grazia di Dio e per volontà del popolo"
alla nascita della repubblica italiana,
quanti uomini hanno dato la vita per lei,
uomini che avevano un sogno
e contro tutti e tutto lo hanno realizzato.
Italia e torni indietro nel tempo,
al 26 ottobre 1860,
al "saluto il primo re d'Italia"
di Garibaldi a Vittorio Emanuele II,
a questo incontro di Teano
dove si concluse la spedizione dei mille.
Italia e pensi a Volta, Meucci e Marconi,
a queste loro invenzioni
che hanno cambiato il nostro modo di vivere,
invenzioni come la pila elettrica,
il telefono e la radio a cui dobbiamo il mondo d'oggi,
senza le quali tante cose come il telefonino e la televisione
non ci farebbero compagnia.
Dici Italia e ti ricordi il boom economico,
anni di grande benessere
che hanno ispirato "la dolce vita" e "il sorpasso",
anni in cui corrono le Fiat 500 e le 600,
in cui ascoltiamo "Nel blu dipinto di blu",
in cui le persone si danno appuntamento nei bar
per non perdere "lascia o raddoppia",
in cui si diffonde sempre di più la televisione.
Italia e pensi alla vittoria di Primo Carnera,
ai duelli sulla montagna di Bartali e Coppi,
ai 200 metri di Pietro Mennea,
ai goal di Rossi
e al "il cielo è azzurro sopra Berlino",
e a tante altre imprese
che ci hanno fatto cantare l'inno di Mameli.

Non trovi pace
All'improvviso il conto,
purtroppo sei al tramonto,
si ribella il tuo spirito,
si ribella a questa strada in salita,
ma poco può fare,
può solo ricordare,
smettere di partire,
apprezzare quello che è rimasto.
Hai sentito quello che non volevi sentire,
parole che ti hanno tolto il sorriso,
che ti hanno ucciso la speranza,
disteso sul letto ti chiedi perché,
disteso sul letto non trovi pace,
tu che non ti arrendevi mai,
tu che in ogni campo davi tutto,
sei costretto a mollare.
All'improvviso il conto,
purtroppo sei al tramonto,
in tanti provano a consolare il tuo spirito,
ma nessuno ci riesce.

I libri più interessanti
I libri più interessanti,
da leggere con attenzione,
sono le menti di quelli che ci odiano,
leggere e capire dove abbiamo sbagliato,
leggere e capire
quali reazioni abbiamo sottovalutato,
quali espressioni dietro le loro conclusioni,
le parentesi sciolte.
I libri più affascinanti,
da leggere più volte,
sono le menti di quelli che ci giudicano,
capire quale criterio usano
per giudicare il nostro modo di fare,
perché ci guardano
e sottolineano i nostri errori,
perché si credono migliori.
I libri più appassionanti,
a cui dedicare del tempo,
sono le menti di quelli che sanno tutto,
di quelli che non sbagliano mai,
sempre pronti a giudicare,
a dire questo non vale niente

L'aquila dorme
L'aquila dorme,
al sorgere del sole
volerà di nuovo,
al tramonto dell'oscurità
soddisferà la sua voglia,
ha detto che sarà sua
e così sarà.
L'aquila riposa,
al sorgere del sole
la preda sarà sua,
al tramonto dell'oscurità
la preda sentirà i suoi artigli,
il suo becco potente ed uncinato,
stavolta non riuscirà a scappare,
dirà di sì al suo destino,
accetterà di essere stata scelta.
L'aquila ha chiuso gli occhi,
quando si sveglierà
ricomincerà a cercarla,
quando la troverà
non avrà pietà,
ha detto che sarà sua
e così sarà.

Azzera tutto e riparti
Azzera tutto e riparti,
azzera tutto e vai avanti,
basta vivere di rimpianti,
di orizzonti sognati e mai raggiunti,
rispetta la vita,
ogni giorno che arriva.
Azzera tutto e riparti,
azzera tutto e non voltarti,
basta pensare al passato,
a quello che non è stato,
ama il presente,
non ti sentire un perdente.
Ci hai provato,
a mani vuote sei tornato,
hai sognato,
all'improvviso ti sei svegliato,
ma la vita continua,
ci sono nuove strade da percorrere,
nuove sfide da affrontare,
quindi fai pace con te stesso,
che i tuoi tormenti tacciano
prima che la depressione abbia la meglio,
che inizi una notte senza fine.
Azzera tutto e vai avanti,
azzera tutto e non voltarti,
basta rimproverarti,
basta vivere di rimpianti.

Quante notti
Ogni alba ha bisogno della notte,
ogni uomo ha bisogno della crisi,
quante notti per capire chi siamo,
cosa dalla vita vogliamo,
per sciogliere le parentesi
e giungere alla conclusione,
per uscire dal labirinto
e salutare le stelle.
Quante notti per capire
dove dobbiamo andare,
se la strada presa è quella giusta,
oppure dobbiamo cambiarla,
per capire se continuando
arriviamo alla felicità,
se continuando perdiamo tempo prezioso,
nella seconda ipotesi fermarci,
azzerare tutto e ripartire.
Quante notti per capire
cosa dobbiamo fare,
se staccare la spina,
mettere tutto in discussione,
oppure insistere,
affrontare l'ennesima tempesta
sperando che sia l'ultima.

Attratto dall'impossibile
Attratto dall'impossibile,
continui ad essere cieco,
attratto dall'irrealizzabile,
continui ad essere sordo,
non ti accorgi che quello che cerchi,
che credi lontano,
è vicino,
molto vicino,
che ti basta aprire le braccia
per essere spazzato via,
per ritrovarti tra le stelle.
Attratto dall'impossibile,
rifiuti la proposta,
attratto dall'irrealizzabile,
uccidi l'evidenza,
invece di approfondire,
di concedere una possibilità,
preferisci aspettare,
perché a questo sogno non sai rinunciare,
non ti accorgi di sbagliare.
Attratto dall'impossibile,
torni a sederti,
attratto dall'irrealizzabile,
il treno s'allontana,
la tua vita non cambia.

Il corridoio
Vado avanti e indietro,
il tempo non passa,
vado avanti e indietro,
divento piccolo e ritorno grande,
era ieri che imparavo a camminare,
era ieri che incontravo il primo bivio.
Vado avanti e indietro,
piove e torna il sereno,
vado avanti e indietro,
cado e mi rialzo,
era ieri che aspettavo il sole,
era ieri che affrontavo la depressione,
che duello,
che notte senza fine.
Vado avanti e indietro,
partono e ritornano le rondini,
vado avanti e indietro,
inizia e finisce l'inverno,
era ieri che m'interrogava una stella,
era ieri che m'allontanavo dall'oscurità.

Voleva amarti
Voleva amarti,
con le sue piccole mani consolarti,
invece no,
chiuso in un sacchetto,
finito in un cassonetto,
senza pensarci troppo.
Voleva amarti,
asciugare le tue lacrime,
perché hai avuto paura,
che male poteva farti,
ti avrebbe sorriso nei momenti difficili,
ti avrebbe abbracciato,
ti avrebbe amato,
invece no,
hai preferito il vuoto alla sua compagnia,
il tormento al suo crescere giorno dopo giorno.
Voleva amarti,
aiutarti a voltare pagina,
perchè hai avuto paura,
che male poteva farti,
adesso sarà più difficile andare avanti.

Quelli veri
Che bello gli innamorati,
quelli felici,
quelli che litigano e fanno subito pace,
quelli che si allontanano dalla gente
per diventare una cosa sola,
quelli che si abbracciano di più
quando il freddo è insopportabile,
quelli a cui il tempo non basta mai.
Fortunati gli innamorati,
quelli veri,
quelli che sanno aspettare
prima di lasciarsi andare,
quelli che sono vicini
anche quando sono lontani,
che resistono alla tentazione
quando capita l'occasione.
Che bello gli innamorati,
quelli felici,
quelli che vanno contro tutti e tutto,
quelli che non hanno paura
e si prendono le loro responsabilità,
quelli che si guardano negli occhi
e non sanno mentire,
che perdonano anche il tradimento,
che sanno ascoltare il cuore.
Fortunati gli innamorati,
quelli veri,
quelli che superano ogni avversità,
che arrivano davanti a Dio.

Ci vorrebbe una donna
Soli non si può stare,
camminare senza occhi da guardare
non è possibile,
vivere ogni giorno le stesse cose
addormenta il battito del cuore.
Soli non si può capire,
ogni cosa fatta
non basta mai,
si urla nel buio della notte
perdendo la voglia di dormire.
Ci vorrebbe una donna,
provare il senso della vita
partendo dalla cosa più semplice,
cercare la propria metà
per poi guardarla negli occhi.
Ci vorrebbe una donna,
avere un'immagine
per cui combattere,
avere un angelo in più
per rialzarsi ogni volta.
Perdere la voglia di studiare
ogni volta che squilla il telefonino,
sentire la sua voce
e correre da lei.
Perdere la voglia di lasciare tutto
ogni volta che mani dolci ti sfiorano,
sentire l'anima stanca
ricominciare a bruciare.
Ci vorrebbe una donna,
avere un cuscino morbido
su cui appoggiare le proprie paure,
sentirsi amati
per non mollare mai.

Follia che nessuno sa
Una follia che nessuno sa
e che non so dove mi porterà,
una follia che fa premere sull'acceleratore
e che tornato a casa non fa dormire,
una follia che tormenta la mia mente
e che vuole una cosa sola,
che diventi la mia donna.
Anche se bellissima sei una follia
che non dovevo incontrare,
non puoi immaginare
adesso quanto è difficile non averti vicino,
davvero non sai
quanto i tuoi occhi ora mi fanno compagnia.
Una follia che inutilmente
provo a mandare via,
un interrogativo che m'assilla ogni giorno
senza riuscire a trovare un risposta,
ci provo o lascio perdere
questo mi chiedo quando mi chiudo nella stanza,
concludo ogni volta che dirai di no.
Anche se meravigliosa sei una follia
che non dovevo conoscere,
non puoi immaginare adesso
quanto ho bisogno di te,
davvero non sai
quanta voglia ho ora di accarezzare il tuo viso.
Una follia che nessuno sa
e che non so dove mi porterà,
una follia che voglio vivere
e che non so quanto durerà,
una follia che non dovevo incontrare,
una follia che non dovevo conoscere,
adesso è impossibile fare finta di niente.

Bello essere liberi
Bello essere liberi,
andare dove vogliamo,
ancora più bello
essere prigionieri di qualcosa,
prigionieri dell'amore,
prigionieri della passione,
non avere voglia di evadere.
Bello essere così,
ancora più bello
essere condannati per sempre,
condannati ad avere preoccupazioni ogni giorno,
condannati a vivere tramonti diversi,
a mettere da parte ogni perplessità,
a raggiungere le stelle più lontane.
Bello essere libero,
andare dove voglio,
ancora più bello
essere tuo prigioniero,
prigioniero del tuo chiedermi di più,
prigioniero del tuo lasciarti andare,
non avere voglia di smettere.
Bello essere così,
ancora più bello
essere condannato a darti ogni istante della mia vita,
condannato a litigare e fare pace,
condannato a proteggere il tuo corpo
da tutti quelli che ci proveranno,
da quelli che verranno dopo di me,
da quelli che cercheranno di prendere il mio posto.

Olé!
Olé,
la vita è questa qua,
entrare in un'arena chiamata mondo
e lottare ogni giorno,
affrontare senza paura le prove che ci capitano
e rialzarsi ogni volta che si cade,
prendere il toro per le corna
e cercare di avere la meglio.
Olé,
la vita è questa qua,
entrare in un'arena
dove nessuno crede in te,
entrare in un'arena
dove tutti sono pronti a scommettere che perderai,
che il toro avrà la meglio,
che scapperai solo a vederlo.
Olé,
la vita è questa qua,
cercare di superare
tutti gli ostacoli che incontriamo nel nostro cammino,
non scappare alle prime difficoltà,
non dire mai non sono capace
senza aver prima provato,
non scoraggiarsi mai.
Olé,
al vita è questa qua,
non ci possiamo permettere
di fare un passo indietro,
non ci possiamo permettere di mollare,
il vero torero non lo fa,
il vero torero non scappa mai.

Olé!
Olé,
la vita è questa qua,
entrare in un'arena chiamata mondo
e lottare ogni giorno,
affrontare senza paura le prove che ci capitano
e rialzarsi ogni volta che si cade,
prendere il toro per le corna
e cercare di avere la meglio.
Olé,
la vita è questa qua,
entrare in un'arena
dove nessuno crede in te,
entrare in un'arena
dove tutti sono pronti a scommettere che perderai,
che il toro avrà la meglio,
che scapperai solo a vederlo.
Olé,
la vita è questa qua,
cercare di superare
tutti gli ostacoli che incontriamo nel nostro cammino,
non scappare alle prime difficoltà,
non dire mai non sono capace
senza aver prima provato,
non scoraggiarsi mai.
Olé,
al vita è questa qua,
non ci possiamo permettere
di fare un passo indietro,
non ci possiamo permettere di mollare,
il vero torero non lo fa,
il vero torero non scappa mai.Povero cuore
Povero cuore,
in questo momento
hai bisogno d'amore,
in questo momento
hai bisogno di una donna,
di abbracciare l'immenso,
di qualcosa che faccia tacere il tuo tormento,
restare solo,
ingiallire senza trovare un senso.
Povero cuore,
in questo momento
hai bisogno di lei,
in questo momento
hai bisogno di essere amato,
di allontanarti dal mondo,
di qualcosa che ti faccia sentire importante,
di una passione che pensi solo a te,
di una passione che travolga ogni tua insicurezza.
Povero cuore,
in questo momento
hai bisogno di respirarla,
in questo momento
hai bisogno di una realtà diversa,
di qualcosa che ricambi la tua voglia di amare.

Crescerai
Crescerai senza sapere mai
cosa ti succederà,
ogni giorno che verrà
sarà un regalo da scartare,
sperando di trovare
quello che ti piacerà.
Crescerai,
ti chiederai se è giusto o sbagliato
quello che fai,
dirai perché proprio a me
che male non faccio,
alzerai lo sguardo verso il cielo
chiamando Dio per la prima volta.
Crescerai,
incontrerai un giorno
colei che ti conquisterà,
cercherai di cambiare
dimenticando chi sei,
quante notti resterai sveglio
pensando solo a lei.
Crescerai,
quante volte toccherai il fondo
per poi risalire,
quante volte ti sembrerà finita
e vorrai chiudere gli occhi per sempre,
quante volte ritornerai a vivere
gridando al mondo ci sono ancora.
Crescerai,
arriverà il giorno
in cui tutto lascerai,
se pronto sarai
il volo prenderai,
quanti ricordi porterai con te.

Amici (Amici Veri)
Ai nostri tempi non è facile trovarte un amico,
un amico vero,
non quello che ti sorride perché dici sempre si,
non quello che finge di apprezzare il tuo pensiero,
di accettare come sei.
Noi abbiamo amici particolari,
il finto astemio,
l’irrascibile impaziente,
il perverso professore,
ma sono amici veri,
amici rari.
L’amicizia è come il vino,
ti ubriaca ma ti da gioia,
ti da piacere;
è una buona compagnia,
quando hai intenzione di fare una follia,
di abbandonare questa agonia.
Raffaele Ciriello e Carlo Festa

Manca qualcosa
Nei miei giorni
manca qualcosa,
nei miei giorni
manchi tu,
sarebbe meraviglioso,
aprire gli occhi
e averti accanto,
accarezzare il tuo volto
e respirare il tuo profumo,
impossibile chiedere di più.
Nei miei giorni
manca il tuo volto,
nei miei giorni
manca il tuo sguardo,
sarebbe meraviglioso,
scoprire
che anche tu provi lo stesso,
scoprire
che anche tu hai voglia di iniziare,
che ogni giorno tormento la tua mente.
Nelle mie notti
mancano le tue mani,
nelle mie notti
mancano le tue braccia,
sarebbe meraviglioso,
scoprire
che hanno voglia d'incatenarmi,
scoprire
che sono stanche di aspettare.

La nostra America
Perché non vi trovate un lavoro
invece di chiedere,
perché ci avete costretto a venire qui
possono rispondere,
che delusione,
siamo partiti pieni di speranze,
sarà la nostra America,
invece ci ritroviamo con un cappello in mano.
Ci guardate in questo modo,
ma sapete benissimo
perché stiamo qui,
quello che abbiamo passato,
quindi non fate finta di niente,
anche noi vogliamo lavorare,
avere una vita diversa,
non è piacevole elemosinare un caffè.
Ci guardate con indifferenza,
ma perché,
cosa vi abbiamo fatto,
non è stato facile lasciare la nostra terra,
vedere i nostri fratelli cadere in mare,
se invertiste le parti
capireste tante cose,
ci guardereste in modo diverso,
cerchereste di aiutarci.

Sapessi cosa fare
Sapessi dove andare,
quale strada prendere,
cercherei
di arrivare prima possibile,
di raggiungerti
prima che tramonti il sole,
che finisca un altro giorno.
Sapessi cosa fare,
cosa pensi di me,
cercherei
di non perdere altro tempo,
di raggiungerti
prima che arrivino le stelle,
che inizi il solito tormento.
Sapessi dove andare,
dove sono gli occhi tuoi,
cercherei
di non dare ascolto alla timidezza,
di raggiungerti
prima che sia troppo tardi,
che cada l'ultimo granello.
Sapessi cosa fare,
cosa vuole il tuo cuore,
cercherei
di convincerti,
di raggiungerti
prima che entri un altro nella tua mente,
che conquisti la vetta dei tuoi pensieri.

Opporre resistenza
Opporre resistenza
quando alla fine ogni tentativo è inutile,
opporre resistenza
quando alla fine cedi sempre,
più ti opponi e più capisci
che non puoi fare a meno della sua immagine,
che lascia un grande vuoto
come cerchi di allontanarla.
Opporre resistenza
quando alla fine è evidente,
opporre resistenza
quando alla fine ti piace pensarla,
più cerchi di allontanarla
e più ti rendi conto che non puoi mandarla via,
che hai bisogno di lei,
che hai voglia di amarla.
Ormai è tardi,
vuoi solo lei,
cerchi lo stesso
di resistere,
cerchi lo stesso
di negare quello che provi,
ma sai bene
che cederà subito il tuo intento,
che ti travolgerà al prossimo incontro.
Ormai è tardi,
ti ha sedotto,
ti ha conquistato,
nella tua mente
ci sono solo le sue immagini,
per altre passioni non c'è posto,
solo questa ti toglie il respiro,
solo questa ti fa prendere il volo.

Diverse e intense
Sto sognando
di vivere giorni diversi e intensi,
di aprire gli occhi
e sapere che mi stai aspettando,
di prepararmi prima possibile
e correre verso le tue braccia,
di assaporare l'emozione
di iniziare una giornata insieme a te.
Sto sognando
di vivere serate diverse e intense,
di comprarti qualcosa di speciale
e non sopportare la lentezza delle lancette,
di prendere la macchina
e arrivare in anticipo sotto casa tua,
di assaporare l'emozione di vederti arrivare.
Sto sognando
di vivere giorni diversi e intensi,
di aspettare l'estate
e andare al mare,
di aspettare l'inverno
e andare in montagna,
di fare con te sempre cose nuove,
di non conoscere l'abitudine.
Sto sognando
di vivere serate diverse e intense,
di sentire per telefono
che non hai impegni,
di sentire per telefono
che hai voglia di stare con me,
di vedere un film
o di passeggiare mano nella mano sotto la luna di questa città,
di condividere delle ore insieme.

Apparentemente sono tranquille
Apparentemente sono tranquille,
salutano e non fanno capire,
tutto a posto
se chiediamo come stanno,
non ci sono problemi
se vogliamo andare oltre,
ma dentro hanno dei tormenti,
delle delusioni difficili da gestire,
e quando le delusioni sono gestite male
portano a fare gesti senza senso.
Molte persone devono aprirsi,
chiedere aiuto,
e chi ascolta
non deve restare indifferente,
deve fare qualcosa,
altrimenti sarà colpevole anche lui.
Apparentemente sono tranquille,
con il loro sorridere
riescono a nascondere,
nessuno riesce a immaginare
quello che portano dentro,
il grande dolore che provano,
la voglia di arrendersi,
di respirare il vuoto.
Alla fine il gesto,
l'addio a questo mondo,
tutti senza parole,
tutti a chiedersi perché,
perché l'ha fatto,
perché non ha detto niente.

Quello che succede nella mia mente
Cosa sai di me,
di quello che succede nella mia mente
ogni volta che t'incontro,
di quei battiti che ogni giorno faccio fatica
a controllare,
di quei battiti che ogni giorno mi costringono
a cercarti,
a dimenticare tutte le altre.
Cosa sai di me,
di quello che succede nella mia mente
ogni volta che ti parlo,
di quella paura di perderti che ogni giorno faccio fatica
a negare,
di quella paura di perderti che ogni giorno mi costringe
a correre da te,
a lasciare le cose che sto facendo.
Cosa sai di me,
di quello che succede nella mia mente
ogni volta che t'allontani,
di quella voglia di amarti che ogni giorno faccio fatica
a spiegare,
di quella voglia di amarti che ogni giorno mi costringe
a dimenticare il passato,
a pensare solo ai tuoi occhi.
Cosa sai di me,
di quello che succede nella mia mente
ogni volta che devo andare a dormire,
di quella fantasia che ogni notte faccio fatica
a mandare via,
di quella fantasia che ogni notte mi costringe
a litigare con la razionalità,
a lasciare la mia stanza.

Salutare il mondo
La morte non è un punto d'arrivo,
il verbo morire non mi piace,
preferisco cambiarlo,
preferisco partire,
perché alla fine di questo si tratta,
salutare il mondo
e abbracciare una nuova realtà.
Tutti si preoccupano per il lavoro,
per la pensione,
per la casa e altro ancora,
ma nessuno riflette mai sulla sua anima,
su cosa fare
per renderla più bella,
su cosa fare
per raggiungere il paradiso,
per raggiungere Dio.
Molti credono
che con essa finisce tutto,
non è così,
è l'inizio del secondo tempo,
andare incontro alla verità,
andare incontro
a colui che è andato in croce per noi.
Molti credono
che dopo la vita non c'è niente,
non è così,
che brutta sorpresa
per chi è impreparato,
che grande emozione
per chi ha percorso la via stretta.

Periodo di riflessione
La vita è come un'espressione matematica,
per giungere a capire chi siamo veramente
ci sono degli ostacoli da affrontare e da superare,
così anche l'espressione,
per giungere al risultato
bisogna risolvere prima le parentesi tonde,
poi quelle quadre e infine quelle graffe,
impossibile fare il salto,
ogni periodo ti permette di maturare
e quindi di crescere.
Stesso discorso per l'amore,
per giungere a capire cosa vogliamo veramente
ci sono delle domande a cui dobbiamo rispondere,
domande che ci fanno compagnia durante la giornata
e che non ci permettono di dormire,
domande che ci facciamo quando la persona si allontana
e ne sentiamo la mancanza,
proprio perchéè cresciuta dentro di noi questa voglia di lei,
voglia che viene fuori una volta
che abbiamo sbattuto la testa contro l'evidenza.
E' finito da poco un lungo periodo di riflessione
in cui ho pensato solo a te,
sono giunto alla conclusione
che sei molto importante per me,
che era troppo evidente
per continuare a negarlo,
alle domande che mi sono fatto
le tue labbra sono state la risposta.

Vivere sotto la stessa luna
Se tu non provi lo stesso,
se nella tua mente c'è un altro,
vivere sotto lo stesso cielo
non è possibile,
posso anche provarci,
ma è difficile,
ogni volta vederti arrivare
e cercare di essere indifferente.
Se t'accontenti di una amicizia,
se da me non vuoi di più,
vivere nella stessa città
non è possibile,
posso anche provarci,
ma non ha senso,
ogni volta incontrare i tuoi passi
e fingere di non provare qualcosa.
Il tuo sguardo mi ha sedotto,
il tuo sguardo mi ha convinto,
è stato all'improvviso,
un giorno d'estate,
da quel momento
ho pensato solo a te,
a cosa fare
per averti tra le mie braccia,
per avvicinarti alle mie labbra.
Se un altro è arrivato prima di me,
se non hai intenzione di amarmi,
vivere sotto la stessa luna
non è possibile,
posso anche provarci,
ma è difficile.

Almeno provarci
Fare i genitori
non è facile,
quanti hanno perso i loro figli,
quanti si sentono in colpa,
quanti si chiedono dove abbiamo sbagliato,
tanti sacrifici
per avere un posto vuoto a tavola,
tanti sacrifici
per avere un silenzio insopportabile.
La colpa è soprattutto della società,
non possiamo dire sì
a tutto quello che propone,
dobbiamo insegnare ai giovani
che la violenza non serve a nulla,
che devono stare lontani dall'alcool e dalla droga,
da tutto quello che uccide lentamente,
che devono rispettare quelle ragazze
che ogni notte sono costrette a lavorare,
provare ad aiutarle,
non approfittare della loro situazione.
I genitori fanno quello che possono,
tocca a noi
aiutare i frutti del loro amore,
tocca a noi
riportarli sulla retta via,
quando c'incontrano,
quando ci chiedono,
andare contro le loro certezze,
costringerle alla resa,
almeno provarci.

Farmi illusioni
Farmi illusioni
era un lavoro che non m'interessava,
illudermi così
non era nel DNA del mio essere razionale,
eppure mi ritrovo ad abbracciare quel motivo per volare
che in questo momento non c'è,
eppure mi ritrovo a fantasticare ascolti di silenzi
vicino al mare prima di lasciarmi andare.
Farmi illusioni
è un posto che ho preso da poco,
illudermi è un mestiere purtroppo
a tempo determinato,
un mestiere che posso perdere ll'improvviso,
un mestiere che mi fa vedere
cose che nella realtà difficilmente succederanno,
cose che possono lasciare un vuoto difficile da colmare.
Farmi illusioni
era un lavoro a cui non pensavo,
illudermi così
non mi era mai successo,
eppure mi ritrovo a sfiorare quelle tue labbra
che in questo momento non ci sono,
eppure mi ritrovo a perdermi negli occhi tuoi
dopo averti sussurrato ti amo.
Farmi illusioni
è un mestiere che impegna molte delle mie ore,
illudermi è un mestiere
che prima non m'attirava,
un mestiere che lentamente mi ha appassionato,
un mestiere dove è facile essere licenziati,
un mestiere dove ogni giorno può essere l'ultimo.

Da te vorrei
Da te vorrei
quella forza per rialzarmi ogni volta che cado,
quegli occhi dove specchiarmi
tutte le volte che ne ho bisogno,
quel senso che cerco da molto tempo
per avere una marcia in più,
quello stimolo che mi faccia superare ogni ostacolo.
Con te vorrei voltare pagina
e prendere il volo,
abbandonare la vita di tutti giorni
e respirare nuove emozioni,
aprire la porta al domani
e vivere una nuova storia,
senza scrivere mai l'ultima pagina.
Da te vorrei
delle mani dolci sempre pronte ad accarezzarmi,
delle braccia che mi stringono forte
e delle labbra che s'avvicinano sempre di più,
delle stelle da guardare
prima che arrivi l'alba,
dei brividi forti da fotografare e da ricordare.
Con te vorrei
condividere ogni giorno che arriva,
sentire l'odore del caffè
prima di andare a lavorare,
aspettare che si faccia sera
per decidere dove provare nuove emozioni,
crescere il frutto del nostro diventare indivisibili.
Da te vorrei
quella spinta per cambiare quello che sono e andare oltre,
quella mano che mi tiri su dalle sabbie mobili della solitudine,
quelle ali per volare come le aquile
e raggiungere le nuvole del cielo,
quel sì che ti unisca a me per sempre.

Libero o schiavo
Sono libero
di toccare le nuvole,
o sono schiavo
di queste fantasie che non mi lasciano un momento,
sono libero
di pensarti,
o sono schiavo
di questo illudermi sempre,
di questo non allontanarmi da te,
di questo starti accanto in ogni momento della giornata.
Sono libero
di sognarti,
o sono schiavo
di una realtà che non respiro mai,
sono libero
di lasciare quello che mi circonda,
o sono schiavo
di questo avvicinarti sempre,
di questo vivere contemporaneamente due mondi diversi,
di questo ascoltare all'improvviso la voce del mare.
Sono libero
di immaginare,
o sono schiavo
di queste emozioni che non ho vissuto ancora,
sono libero
di raggiungere le stelle più lontane,
o sono schiavo
di questa voglia che aumenta sempre di più,
di questa voglia che non si stanca di aspettarti,
di questa voglia che non vuole vederti con un altro.
Sono libero
di sognarti,
o sono schiavo
di questo fantasticare sempre,
di questo mettere da parte la razionalità,
di questo avvicinarmi in ogni momento della giornata,

Sotto lo sguardo dell'Universo
Sotto lo sguardo dell'Universo
continua la mia vita,
come il fiume è diretto verso il mare
così io vado incontro al mio domani,
chiedendomi cosa succederà,
cosa farò,
dove andrò,
e soprattutto se ci sarò.
Sotto lo sguardo dell'Universo
è arrivato un altro giorno,
mentre faccio colazione
mi domando come sarà,
se incontrerò qualcosa d'intenso,
se incontrerò il suo sguardo,
comunque sia avrà il suo valore,
comunque sia non ho intenzione di sprecarlo.
Sotto lo sguardo dell'Universo
ho scelto questa direzione,
giusta o sbagliata
non ho intenzione di tornare indietro,
se sarà un no
riprenderò a cercare,
se tornerò a braccia vuote
ripartirò dalle vecchie abitudini,
cercherò di non pensarci più.
Sotto lo sguardo dell'Universo
continuo a pensarla,
come la terra ha bisogno del sole
così io ho bisogno di averla davanti,
altrimenti questo foglio rimane bianco,
senza parole.

La liberalizzazione del sesso
Con chi
e quando vuoi,
prima o dopo il matrimonio
non è importante,
quanti danni ha fatto
e continua a fare questo modo di pensare.
Con chi
e quando vuoi,
in macchina o sotto le lenzuola
non è importante,
se arriverà il frutto di questa passione
l'aborto sarà la soluzione,
molto semplice,
se non vuoi rischiare
ci sono le precauzioni,
il problema non c'è.
Con chi
e quando vuoi,
prima o dopo il matrimonio
non è importante,
quanti bambini hanno pagato
e continuano a pagare per questo modo di fare.
Con chi
e quando vuoi,
in macchina o sotto le lenzuola
non è importante,
il piacere,
questo è importante,
solo questo,
ogni occasione è buona per provarlo.
Con chi
e quando vuoi,
verrà il giorno in cui Dio dirà basta
e questa strage di innocenti finirà.

Solo nel silenzio
Solo nel silenzio
si possono comprendere tante cose,
in quelle notti dove la voglia di trovare delle risposte
non ti permette di chiudere gli occhi,
in quelle notti dove tante immagini
assillano incessantemente la tua mente,
dove tanti ricordi
ti fanno tornare indietro nel tempo.
Solo nel silenzio
ho capito di amarti,
in quelle notti dove la voglia di scrivere
aveva bisogno di accendere la luce,
in quelle notti dove il tuo sguardo
mi chiedeva cosa provi nell'avermi davanti,
dove tante parole
litigavano con la stanchezza,
dormi dopo,
adesso scrivi.
Solo nel silenzio
si possono sciogliere tanti nodi,
in quelle notti dove il buio della stanza
aiuta il tuo pensare,
in quelle notti dove qualcosa di forte
vuole che arrivi ad una conclusione,
dove tante emozioni
ti chiedono di non mentire.
Solo nel silenzio
ho capito di amarti,
in quelle notti dove la voglia di nuovi orizzonti
mi convinceva sempre di più,
in quelle notti dove le tue labbra
non smettevano un secondo di provocarmi,
dove la razionalità
non riusciva a respingerle.

Ti ha messo alla prova
Vorrei fare qualcosa per te,
cosa non lo so,
è un problema così grande
che trovare una soluzione non è facile,
eppure ci sarà un modo
per allontanarti da questa strada,
per liberarti da questi uomini
che approfittano della tua condizione.
La vita ti ha messo alla prova,
una prova durissima,
ti chiedi perché
senza trovare una risposta,
ti chiedi perché
mentre accendi un'altra sigaretta,
mentre arriva un'altra prestazione,
un'altra lama nel cuore,
altre lacrimi invisibili da asciugare.
Tutte le notti
sei costretta a prendere freddo,
tutte le notti
sei costretta a dare il tuo corpo,
a soddisfare l'insensibilità degli uomini,
molte volte sposati,
come una foglia al vento
non opponi resistenza,
come una foglia al vento
subisci questa triste realtà.
Vorrei fare qualcosa per te,
cosa non lo so,
le parole non servono a niente.

E' vero
Non sarà questa poesia
a farti capire cosa sei in questo momento per me,
non sarà un'altra notte insonne
che adesso inizio a distendere,
non saranno questi pensieri
che adesso cerco di mettere insieme,
questi pensieri che adesso sono foglie al vento della razionalità,
foglie al vento del mattino.
Non sarà questa poesia
a convincerti che devo essere io,
non sarà un'altra notte passata a immaginare
che adesso ha voglia di un foglio bianco,
non saranno queste fantasie
che adesso hanno voglia di sfogarsi,
queste fantasie che mi fanno rispondere di sì,
è vero,
voglio soltanto lei,
Non sarà questa poesia
a farti cambiare idea,
non sarà un'altra notte insonne
che forse farò arrivare tra le tue mani,
non saranno questi pensieri
che forse i tuoi occhi avranno davanti,
questi pensieri che per l'ennesima volta escono dalla mia mente.
Non sarà questa poesia
a farti dire il mio nome,
non sarà un'altra notte passata a immaginare
che adesso mi sta facendo scrivere di te,
non saranno queste fantasie
che mi costringono sempre alla resa,
queste fantasie che non sono capace di respingere,
queste fantasie che mi fanno dire quando succederà.

Tutti sogniamo di raggiungerla
Tutti sogniamo
di raggiungerla
tutti cerchiamo
di avvicinarla,
è qualcosa
a cui pensiamo sempre,
è qualcosa
a cui non si può rinunciare.
E' attraente,
vuole che la respiri,
ma quanto costa raggiungerla,
e quanto basta poco
per vederla andare via.
Tutti sogniamo
di raggiungerla,
tutti cerchiamo
di conquistarla,
spesso è quella donna
che abbiamo voglia di amare,
quella donna che entra nella tua mente
e ci rimane per sempre.
E' attraente,
vuole che la cerchi,
ma quanto costa
riuscire a trovarla,
e quanto basta poco
per avere un vuoto difficile da riempire.
Tutti sogniamo
di raggiungerla,
tutti cerchiamo
di capire dove si trova,
spesso è quella donna
che ci compagnia tutte le notti,
quella donna che entra nella tua vita
e a cui non puoi dire di no.

Amarti alla follia
Amarti alla follia
e illudermi di essere ricambiato,
amarti alla follia
e illudermi di avere una possibilità per dimostrartelo,
amarti alla follia
e illudermi che questa volta non sarà la solita fantasia di passaggio,
che questa volta andrà diversamente.
Amarti alla follia
e sperare di non aver all'improvviso un vuoto da colmare,
amarti alla follia
e sperare di non essere costretto a voltare pagina,
amarti alla follia
e sperare di non vederti tra le braccia di un altro,
di tornare quindi alla vita di prima.
Amarti alla follia
e sognare di portarti al mare,
amarti alla follia
e sognare il momento in cui tutto sarà realtà,
amarti alla follia
e sognare quel silenzio prima di iniziare,
quel silenzio prima di staccarmi dalle cose di tutti i giorni.
Amarti alla follia
e immaginare la risposta che dirai,
amarti alla follia
e immaginare le due lettere che ascolterò,
le due lettere che ho voglia di sentire,
le due lettere che cambieranno le mie giornate.
Amarti alla follia
anche se non sarò ricambiato,
amarti alla follia
anche se non mi darai una possibilità,
amarti alla follia
anche se sarò l'ultimo dei tuoi pensieri.

Sai dove trovarmi
Chi è arrivato prima di me,
chi ha occupato il posto più importante,
chi ti ha convinto
a dire di sì,
a chiudere la porta,
a dire di no
al prossimo che vuole entrare.
Chi ha conquistato il tuo cuore,
chi ti ha convinto
a dire lo amerò alla follia,
a rifiutare altre braccia,
a dire con un altro
non proverò lo stesso,
solo lui avrà il mio amore,
solo lui avrà il mio corpo.
Chi è arrivato prima di me,
chi ha sedotto il tuo sguardo,
chi ti ha convinto
a dire sarò tua,
a non concedere una possibilità,
a dire è il senso
che ho sempre cercato,
il senso che voglio respirare,
solo lui avrà i miei giorni,
solo lui avrà le mie labbra.
Sei sicura
di quello che provi,
sei sicura
di quello che hai deciso,
se cambi idea
sai dove trovarmi.

Vai oltre
Vai oltre,
non fermarti
a quello che ti faccio vedere,
c'è qualcosa
che devi sapere,
c'è qualcosa
che devi scoprire.
Non limitarti
a salutarmi,
a scambiare poche parole
quelle rare volte che capita,
c'è qualcosa
che ti può sorprendere,
c'è qualcosa
che ti può travolgere.
Vai oltre,
non accontentarti
delle abitudini che respiri,
c'è qualcosa
che non puoi allontanare,
c'è qualcosa
che non puoi rifiutare,
un aereo che devi prendere
senza pensarci troppo.
Non hai capito
che ti penso sempre,
non hai capito
che in questo momento voglio solo te,
non hai capito
che ti sto aspettando,
che ho voglia di iniziare,
che ho voglia di lasciarmi andare.
Vai oltre,
non andare via
senza chiedermi cosa provo,
non andare via
senza darmi una possibilità.

Essere protagonista
Scusami se su tante
voglio amare proprio te,
se su tante braccia
voglio stringere le tue,
se su tanti occhi
voglio specchiarmi nei tuoi.
Da te voglio di più,
non mi posso accontentare di vederti ogni tanto
e scambiare due parole,
non mi va di essere spettatore
e magari vedere questa scena,
che cammini mano nella mano con un altro
con le tue labbra che all'improvviso s'avvicinano alle sue,
sarebbe difficile da sopportare.
Scusami se su tante
ho perso la testa proprio per te,
se su tanti visi
voglio accarezzare il tuo,
se su tante mani
voglio avere le tue.
Da te voglio di più,
non mi posso accontentare
di avere solo un'amicizia,
non mi va di rinunciare alla protagonista
di questo film che ho pensato,
non mi va di arrendermi
e di essere un semplice spettatore dei tuoi giorni.
Scusami se adesso
sto scrivendo di te,
se adesso sto immaginando
di averti davanti,
di avvicinarmi sempre di più,
se sto immaginando
di essere protagonista nella tua vita.


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche