Inizio

Poetare

Poesie

Licenze

Fucina

Lettura

Creazione

Autori

Biografie

Poesia fantastica

Poesia realistica

Poesia dissacratoria

Metrica

Figure retoriche

Strumenti


Divertimento

Indice dei temi

Esci

 
Antologia poetica
L'amore - La donna - Morte dei propri cari - Affetto per i propri cari- Tristezza e solitudine - Il dolore - La nostalgia - Racconto di un episodio - La natura - Gli animali - Gli oggetti - I desideri - I ricordi - Il poeta e se stesso - Il poeta e i luoghi - Il poeta si diverte - La poesia per i poeti -

LA POESIA PER I POETI



Congedo
Il poeta, o vulgo sciocco,
Un pitocco
non Ŕ giÓ, che a l'altrui mensa
Via con lazzi turpi e matti
Porta i piatti
Ed il pan ruba in dispensa.

E nÚ meno Ŕ un perdigiorno
Che va intorno
Dando il capo ne' cantoni,
E co 'l naso sempre a l'aria
Gli occhi svaria
Dietro gli angeli e i rondoni.

E nÚ meno Ŕ un giardiniero
Che il sentiero
De la vita co 'l letame
Utilizza, e cavolfiori
Pe' signori
E viole ha per le dame.

Il poeta Ŕ un grande artiere,
Che al mestiere
Fece i muscoli d'acciaio:
Capo ha fier, collo robusto,
Nudo il busto,
Duro il braccio, e l'occhio gaio.

Non a pena l'augel pia
E giulÝa
Ride l'alba a la collina,
Ei co 'l mantice ridesta
Fiamma e festa
E lavor ne la fucina;

E la fiamma guizza e brilla
E sfavilla
E rosseggia balda audace,
E poi sibila e poi rugge
E poi fugge
Scoppiettando da la brace.

Che sia ci˛, non lo so io;
Lo sa Dio
Che sorride al grande artiero.
Ne le fiamme cosÝ ardenti
Gli elementi
De l'amore e del pensiero

Egli gitta, e le memorie
E le glorie
De' suoi padri e di sua gente.
Il passato e l'avvenire
A fluire
Va nel masso incandescente.

Ei l'afferra, e poi del maglio
Co 'l travaglio
Ei lo doma su l'incude.
Picchia e canta. Il sole ascende,
E risplende
Su la fronte e l'opra rude.

Picchia. E per la libertade
Ecco spade,
Ecco scudi di fortezza:
Ecco serti di vittoria
Per la gloria,
E diademi a la bellezza.

Picchia. Ed ecco istor´ati
A i penati
Tabernacoli ed al rito:
Ecco tripodi ed altari,
Ecco rari
Fregi e vasi pe 'l convito.

Per sÚ il pover manuale
Fa uno strale
D'oro, e il lancia contro 'l sole:
Guarda come in alto ascenda
E risplenda,
Guarda e gode, e pi¨ non vuole.
(GiosuŔ Carducci)
 

 

La poesia

I
Io sono una lampada ch'arda
soave!
la lampada, forse, che guarda,
pendendo alla fumida trave,
la veglia che fila;
e ascolta novelle e ragioni
da bocche
celate nell'ombra, ai cantoni,
lÓ dietro le soffici rˇcche
che albeggiano in fila:
ragioni, novelle, e saluti
d'amore, all'orecchio, confusi:
gli assidui bisbigli perduti
nel sibilo assiduo dei fusi;
le vecchie parole sentite
da presso con palpiti nuovi,
tra il sordo rimastico mite
dei bovi:

II
la lampada, forse, che a cena
raduna;
che sboccia sul bianco, e serena
su l'ampia tovaglia sta, luna
su prato di neve;
e arride al giocondo convito;
poi cenna,
d'un tratto, ad un piccolo dito,
lÓ, nero tuttor della penna
che corre e che beve:
ma lascia nell'ombra, alla mensa,
la madre, nel tempo ch'esplora
la figlia pi¨ grande che pensa
guardando il mio raggio d'aurora:
rapita nell'aurea mia fiamma
non sente lo sguardo tuo vano;
giÓ fugge,è giÓ, povera mamma,
lontano!

III
Se giÓ non la lampada io sia,
che oscilla
davanti a una dolce Maria,
vivendo dell'umile stilla
di cento capanne:
raccolgo l'uguale tributo
d'ulivo
da tutta la villa, e il saluto
del colle sassoso e del rivo
sonante di canne:
e incende, il mio raggio, di sera,
tra l'ombra di mesta viola,
nel ciglio che prega e dispera,
la povera lagrima sola;
e muore, nei lucidi albori,
tremando, il mio pallido raggio,
tra cori di vergini e fiori
di maggio:

IV
o quella, velata, che al fianco
t'addita
la donna pi¨ bianca del bianco
lenzuolo, che in grembo, assopita,
matura il tuo seme;
o quella che irraggia una cuna
- la barca
che, alzando il fanal di fortuna,
nel mare dell'essere varca,
si dondola, e geme -;
o quella che illumina tacita
tombe profonde - con visi
scarniti di vecchi; tenaci
di vergini bionde sorrisi;
tua madre!... nell'ombra senz'ore,
per te, dal suo triste riposo,
congiunge le mani al suo cuore
giÓ rˇso! -

V
Io sono la lampada ch'arde
soave!
nell'ore pi¨ sole e pi¨ tarde,
nell'ombra pi¨ mesta, pi¨ grave,
pi¨ buona, o fratello!
Ch'io penda sul capo a fanciulla
che pensa,
su madre che prega, su culla
che piange, su garrula mensa,
su tacito avello;
lontano risplende l'ardore
mio casto all'errante che trita
notturno, piangendo nel cuore,
la pallida via della vita:
s'arresta; ma vede il mio raggio,
che gli arde nell'anima blando:
riprende l'oscuro viaggio
cantando.
(Giovanni Pascoli)

Le lÓmine de 'l verso aurŰe batto
io faticosamente co 'l martello,
e per voi, musa da li occhi di gatto,
ogni lÓmina d'or piego ad anello.

Tacito, su la vana opera, in atto
di artefice chinato su 'l gioiello,
per voi, madonna, vigilando, io tratto
ogni lÓmina a punta di cesello.

Le gemmee rime sprizzano barbagli
d'iride, in mezzo a i toni opachi d'oro,
su 'l molle raso ov'Ŕ trapunto il gallo...

Impetuosamente io su i fermagli
de l'ultima terzina ancor lavoro;
e mi stride ne l'impeto il metallo.
(Gabriele D'Annunzio, Madrigali, I)     

 

  Poesia
è come a un uomo battuto dal vento,
accecato di neve - intorno pinge
un inferno polare la cittÓ-
l'aprirsi, lungo il muro, d'una porta.

Entra. Ritrova la bontÓ non morta,
una dolcezza di un caldo angolo. Un nome
posa dimenticato, un bacio sopra
ilari volti che pi¨ non vedeva
che oscuri in sogni minacciosi.
                                                  Torna
egli alla strada, anche la strada Ŕ un'altra.
Il tempo al bello si Ŕ rimesso, i ghiacci
spezzano mani operose, il celeste
rispunta in cielo e nel suo cuore. E pensa
che ogni estremo di mali un bene annuncia.
(Umberto Saba)

La poesia

I
L'angosciante questione
se sia a freddo o a caldo l'ispirazione
non appartiene alla scienza termica.
Il raptus non produce, il vuoto non conduce,
non c'Ŕ poesia al sorbetto o al girarrosto.
Si tratterÓ piuttosto di parole
molto importune
che hanno fretta di uscire
dal forno o dal surgelante.
Il fatto non Ŕ importante. Appena fuori
si guardano d'attorno e hanno l'aria di dirsi:
che sto a farci?

II
Con orrore
la poesia rifiuta
le glosse degli scoliasti.
Ma non Ŕ certo che la troppo muta
basti a se stessa
o al trovarobe che in lei Ŕ inciampato
senza sapere di esserne
l'autore.
(Eugenio Montale)
 

  La poesia
Appena se ne va l'urtima stella
e diventa pi¨ pallida la luna
c'Ŕ un Merlo che me becca una per una
tutte le rose de la finestrella:
s'agguatta fra li rami de la pianta,
sgrulla la guazza, s'arinfresca e canta.

L'antra matina scesi gi¨ dar letto
co' l'idea de vedello da vicino,
e er Merlo furbo che capý el latino
spalanc˛ l'ale e se n'ann˛ sur tetto.
- Scemo! - je dissi - Nun t'acchiappo mica...-
E je buttai du' pezzi de mollica.

- Nun è - rispose er Merlo - che nun ciabbia
fiducia in te, chÚ invece me ne fido:
lo so che nu m'infili in uno spido,
lo so che nun me chiudi in una gabbia:
ma sei poeta, e la paura mia
è che me schiaffi in una poesia.

è un pezzo che ce scocci co' li trilli!
Per te, l'ucelli, fanno solo questo:
chiucchi¨, ciccý, pipý... Te pare onesto
de facce fa la parte d'imbecilli
senza capý nemmanco una parola
de quello che ce sorte da la gola?

Nove vorte su dieci er cinguettio
che te consola e t'arillegra er core
nunè pe' gnente er canto de l'amore
o l'inno ar sole, o la preghiera a Dio:
ma solamente la soddisfazzione
d'avŔ fatto una bona diggestione.
(Trilussa)

Fu questo un poeta - colui che distilla
un senso sorprendente da ordinari
significati, essenze cosý immense
da specie familiari

morte alla nostra porta
che stupore ci assale
perchÚ non fummo noi
a fermarle per primi.

Rivelatore d'immagini,
è lui, il poeta,
a condannarci per contrasto
ad una illimitata povertÓ.

Della sua parte ignaro,
tanto che il furto non lo turberebbe,
è per se stesso un tesoro
inviolabile al tempo
(Emily Dickinson, trad. Margherita Guidacci)
 

  La poesia
Accadde in quell'etÓ... La poesia
venne a cercarmi. Non so da dove
sia uscita, da inverno o fiume.
Non so come nÚ quando,
no, non erano voci, non erano
parole nÚ silenzio,
ma da una strada mi chiamava,
dai rami della notte,
bruscamente fra gli altri,
fra violente fiamme
o ritornando solo,
era lý senza volto
e mi toccava.

Non sapevo che dire, la mia bocca
non sapeva nominare,
i miei occhi erano ciechi,
e qualcosa batteva nel mio cuore,
febbre o ali perdute,
e mi feci da solo,
decifrando
quella bruciatura,
e scrissi la prima riga incerta,
vaga, senza corpo, pura
sciocchezza,
pura saggezza
di chi non sa nulla,
e vidi all'improvviso
il cielo
sgranato
e aperto,
pianeti,
piantagioni palpitanti,
ombra ferita,
crivellata
da frecce, fuoco e fiori,
la notte travolgente, l'universo.

Ed io, minimo essere,
ebbro del grande vuoto
costellato,
a somiglianza, a immagine
del mistero,
mi sentii parte pura
dell'abisso,
ruotai con le stelle,
il mio cuore si sparpagli˛ nel vento.
(Pablo Neruda, trad. Roberto Paoli)

Il poeta
                           dedicato ad Hilde Schoeck

Solo a me, il solitario,
luccicano le infinite stelle di notte,
mormora la fonte di pietra il suo magico canto,
solo a me, a me il solitario,
le ombre colorate delle nuvole passeggere,
muovono come sogni sopra la campagna.
Niente mi Ŕ dato:
nÚ casa, nÚ campo, nÚ caccia, nÚ bosco, nÚ mestiere,
mio Ŕ solo ci˛ che non Ŕ di nessuno,
mio Ŕ il ruscello che precipita dietro il velo del bosco,
mio Ŕ il mare terrificante,
mio il garrire del gioco dei bimbi,
lacrime e canzoni di chi ama, solo, nella sera.
Miei sono pure i templi degli dei,
mio il venerabile giardino del passato.
E non meno la volta celeste e luminosa
del futuro Ŕ la mia patria:
spesso nei voli del desiderio
la mia anima s'innalza e rimira
il futuro d'un'umanitÓ beata,
amore che trionfa sulla legge,
amore da gente a gente.
Tutti io ritrovo nobilmente mutati:
contadini e re, mercanti e solerti marinai,
pastori e giardinieri e tutti
festeggiano grati la festa universale del futuro.
Solo il poeta manca,
il poeta contemplatore e solitario,
portatore ed immagine sbiadita dell'umana nostalgia.
Per compiersi
nÚ il mondo nÚ il futuro hanno bisogno di lui.
Molte corone appassiscono sulla sua tomba,
ma la sua memoria Ŕ giÓ svanita.
(Hermann Hesse, trad. Brunamaria Dal Lago Veneri)
 

 

 

 
Vola alta parola
Vola alta, parola, cresci in profonditÓ,
tocca nadir e zenith della tua significazione,
giacchÚ talvolta lo puoi --sogno che la cosa esclami
nel buio della mente--
per˛ non separarti
da me, non arrivare,
ti prego, a quel celestiale appuntamento
da sola, senza il caldo di me
o almeno il mio ricordo, sii
luce, non disabitata trasparenza...

La cosa e la sua anima? o la mia e la sua sofferenza?
(Mario Luzi)

Divertimento

Indice dei temi

Esci


Inizio

Poetare

Poesie

Licenze

Fucina

Lettura

Creazione

Autori

Biografie

Poesia fantastica

Poesia realistica

Poesia dissacratoria

Metrica

Figure retoriche

Strumenti