Poesie di Bruno Castelletti


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche

                                       

Bruno Castelletti (Bruno da Orsa) è nato nel piccolo paese di Ferrara di Monte Baldo (VR).
Avvocato, prestato alla politica e all'amministrazione della cosa pubblica fino al 1990 ricoprendo, fra l'altro, la carica di Presidente della provincia, continua la sua attività professionale, assieme ai figli Davide e Giuliana, nel suo studio di Verona, città in cui abita, riservando per altro qualche scampolo del suo tempo a lunghe passeggiate sul Garda e sul Baldo e alla coltivazione del suo orto nella natia "contrada Castelletti" che frequenta assiduamente.
Ha pubblicato nel 2010 per il Segno dei Gabrielli Editori la raccolta di poesie in lingua veronese "Stéle da l'Orsa" che è risultata vincitrice per il Veneto del primo concorso nazionale "Premio Quinquennale Città di Bassano del Grappa" per opere edite di poesia nei linguaggi dialettali delle Regioni organizzato dalla "Accademia Aque Slosse" e dall'An. po. S. Di." (Associazione Nazionale Poeti e scrittori Dialettali)


                                          Stéle da l'Orsa
                                         
 http://gabriellieditori.it/shop/narrazioni/stele-da-lorsa/
 

La me val

Mi canto
Mi canto la me Val, el me paese,
el Monte Baldo, el Lago, i so colori.
E canto la me tera, la me zente
e tuto el tribular per nar avanti.

Canto le stéle, el vento. le nugole
che zuga co la luna, le ròndene
che sgola ne l'asuro, su nel cel
i fiori, i boschi, i pra, l'udor de i mughi.

Mi canto le caresse, i primi basi
el tempo che no pol tornar endrio
i passi de l'autuno che se sfanta
en cao a l'oridel de la me bina.

Canto la poesia e la speransa
i pori desgrassiè che no gà gnente.
Canto l'amor de i fioi, de la fameia
canto l'Amor, paron del mondo entiero.
 

Me presento
Son nato a la Ferara¹
contrà de i Casteleti
ma po son vegnù grando
zo ne la Val de Orsa
che l'è soto a Brentin.

Quando da puteleto
naséa a far en giro
en de sti du paesi,
a ci me domandava
ci séra e ci no séra
la scola che faseva
ci l'era me pupà
da 'ndove che vegneva
tute ste robe qua,
ciapàndola a la larga
seitava a scantonar
e no ghe rispondeva

perché me vergognava
a dir: mi son da Orsa
en posto for dal mondo
da Dio desmentegà.

Sì,l'era come dirghe
a quei che stava en piassa
-entendopiassa Brà-
mi vegno da la Giassa.
Ma adesso che la Val
l'è deventà famosa
e l'è fotografà
su 'n mucio de riviste
per via de sto sport
che i ciama torentismo
-metendo ensieme l'acqua
co 'n poco de alpinismo-
a quei che me domanda:
ma ti ci sétu ci?
de bota ghe rispondo:

mi son da Orsa
mi son da Orsa, mi...

¹ Ferrara di Monte Baldo
 

Tra senge e sgrèbani
Tra senge e sgrèbani
zo ne la val de Orsa
e sensa me pupà
da poder darghe man,
mi ò dovù 'nparar
a caminar mi solo
de giorno col bel tempo
o soto el temporal
de note col lampion
se l'era massa strovo

a star atento
de no scarpussar
alsàndome de bota
drito en pié
se qualche olta
mi me son catà
mane e zenoci
tuti sbrogolè

a saludar per primo
quei pochi che 'ncontrava
a drio el me sentér

a darghe la carega
e farghe bela cera
se qualchedun passava
darente la me casa

a verghe per compagni
putei che combateva
per fede e libertà
e a spartir con lori
en toco de fogassa
na feta de polenta
na grosta de formaio
ensoma quel che gh'era.

Ma ò anca 'nparà
a léser e studiar
al ciar de la lucerna
a verghe confidensa
col vento e co la luna
a farme compagnia
col pianto de le stéle

tra senge e sgrèbani
zo ne la val de Orsa.
 

Do lagrime nel cel
Mi me ricordo
come fusse geri
du oci ciari
pieni de paura
e na polenta
sora na panara
che te scondeve
soto el tosial nero.

Mi me ricordo
come se fusse geri
en putel biondo
vegnù grando 'n pressia
da i oci ciari
sconti en le patele
de 'n pastran griso
che 'l tocava en tera.

Quando el t'à visto
l'à piegà i zenoci
strucando la to man
ne le so mane
e lì su la to pèl
segnà da le fadighe
è croà zo pian pian
do lagrime dal cor
che le sluseva
del color de l'oro.

En ventesel liser
fasendo vissinel
l'à ciapà en brasso
tute e do le perle
portàndole nel cel
ensieme co le stéle.
 

Nota:  Val d'Orsa, autunno 1944. Un partigiano giovanissimo e biondo (mi pare un polacco) veniva vicino a casa a prendere una polenta che mia madre aveva preparato per portarla alla grotta dove si trovavano i suoi compagni.
 

Nadal 1944
En cucio scalcagnà
fato de foie
de soto a 'n baitel
cuertà de tera.
Te pense e te ripense
al giorno maledeto
che t'è dovù scapar
e caminar per ore
descalso ne la neve.
Te pense a la fameia
to mama, to pupà
lontani, cissandove.
Te pense al to destin
sensa speransa.

Ma eco la Lucia
che riva co la sporta
e la te ride.

Te varde la Lucia
i oci che ghe sluse
el so vestito novo:
na cotoleta verde
na camiseta bianca
e sora en golfin rosso
de lana petenà.

Ancò l'è Festa Granda.

Te varde la Lucia
e te gh'è dito a pian
co 'n fil de osse:
mon Dieu, que tu es belle
che bela che te sé!

L'era Nadal
e ti vint'ani apena.

Dedicata al partigiano francese col nome di battaglia Pantagruel. morto a vent'anni per cancrena a seguito di congelamento dei piedi e a Lucia, una graziosa giovinetta del paese che si recava tutti i giorni al suo nascondiglio per portargli un po' di cibo e il suo sorriso.


La luna
Tirà da 'n fil de lana
ràmpega lenta
drio la montagna
na luna granda
come na polenta.

Adesso la se ferma
la polsa chieta
la se varda entorno
e tuto se fa ciaro
come el giorno.

Ma po de colpo
sgrendenà dal vento
la core e la se sconde
tra nugoloni neri
en meso a i me pensieri.

Eco, la ricompare!
Me par che la me parla
e che la me sorida.

Picola luna
luna desembrina
resta a zugar con mi
fin a doman matina.


Enamorarse
L'è stà come el primo
spiansiso a primavera
chel' te desgiassa el cor
che 'l te desliga el sangue.

E sempre ensieme
émo brusà l'istà
con basi pieni
longhi
sensa fine.


El saor de l'autuno
Me sento ancora
drente le scarsele
sgionfe de pomi,peri
nose e ninsole
el saor de l'autuno.

Me sento ancora
drente le miole
el tiepido sol
de le sute
giornade de otobre
sospese a 'n fil
de asuro.


L'amor
L'amor l'è come 'l vento
anca vardando ben no se lo vede
però te 'l sente soto la to pèl
che 'l score caldo drento ne le vene.
L'amor l'è sgolar su nel paradiso.


El primo baso
El giorno che t'ò dato el primo baso
drio el sentér darente la contrada
gh'era 'n silensio che savea de fraga
n'arieta fresca che ne caressava,

Nel verde de i to oci se perdeva
i fiori, l'erba, sgol de rondenele
na nugoleta en cel che la zugava
scondéndose tra i pigni e le so dase.

El sol sul Monte Baldo slusegava
sora le greste perse ne l'asuro
ne l'Adese che core e drento el Lago.

E desso che scomensia a vègner sera
sento la testa che me gira ancora
pensando a quel s-ciantin de primavera.

 

Io canto
Io canto la mia valle, il mio paese,
il Monte Baldo, il Lago, i suoi colori.
E canto la mia terra, la mia gente
e tutte le tribolazioni per sopravvivere.

Canto le stelle, il vento, le nuvole
che giocano con la luna, le rondini
che volano nell'azzurro, su nel cielo
i fiori, i boschi, i prati, l'odore dei mughi.

Io canto le carezze, i primi baci
il tempo che non può tornare indietro
i passi dell'autunno che si dileguano
all'estremo limite del mio cammino.

Canto la poesia e la speranza
i poveri disgraziati che non hanno nulla.
Canto l'amore per i figli, per la famiglia
canto l'Amor, padrone del mondo intero.
 

Mi presento
Sono nato a Ferrara¹
contrada dei Castelletti
ma poi sono cresciuto
giù nella Valle di Orsa
che è sotto il Comune di Brentino.

Quando da ragazzino
andavo a fare un giro
in questi due paesi,
a chi mi domandava
chi ero e chi non ero
la scuola che frequentavo
chi era mio padre
da dove venivo
tutte queste cose insomma
prendendola alla larga
continuavo a scantonare
e non gli rispondevo

perché mi vergognavo a dire:
io sono da orsa
un posto fuori dal mondo
da Dio dimenticato.

Sì, era come dire
a quelli che abitavano in piazza
-intendo Piazza Brà-
io vengo da Giazza.
Ma adesso che la Valle
è diventata famosa
ed è fotografata
su molte riviste
grazie a quello sport
che chiamano torrentismo
-mettendo insieme l'acqua
con un po' di alpinismo-
a quelli che mi domandano:
ma tu chi sei chi?
subito rispondo:

io sono da Orsa
io sono da Orsa, io...

¹ Ferrara di Monte Baldo


Tra rocce e dirupi
Tra rocce e dirupi
giù in val d'Orsa
e senza mio padre
da poter dargli mano
io ho dovuto imparare
a camminare da solo
di giorno con il bel tempo
o sotto il temporale
di notte con la lanterna
se era troppo buio

a stare attento
di non inciampare
alzandomi di colpo
dritto in piedi
se qualche volta
io mi sono trovato
mani e ginocchia
tutte sbucciate

a salutare per primo
quei pochi che incontravo
lungo il mio sentiero

a dargli la sedia
e a fargli bella cera
se qualcuno passava
vicino alla mia casa

ad avere per compagni
ragazzi che combattevano
per fede e libertà
e a dividere con loro
un pezzo di focaccia
una fetta di polenta
una crosta di formaggio
insomma quel che c'era.

Ma ho anche imparato
a leggere e studiare
al chiaro della lucerna
ad avere confidenza
con il vento e con la luna
a farmi compagnia
con il pianto delle stelle

tra rocce e dirupi
giù nella Val d'Orsa.


Due lacrime nel cielo
Io mi ricordo
come fosse ieri
due occhi chiari
pieni di paura
e una polenta
sopra una tafferia
che nascondevi
sotto il tuo scialle nero.

Io mi ricordo
come fosse ieri
un ragazzo biondo
cresciuto in fretta
dagli occhi chiari
nascosti nei risvolti
di un pastrano grigio
lungo fino a terra.

Quando ti ha visto
lui ha piegato le ginocchia
stringendo la tua mano
nelle sue mani
e lì sulla tua pelle
segnata dalle fatiche
sono cadute giù pian piano
due lacrime dal cuore
che luccicavano
del colore dell'oro.

Un venticello leggero
facendo mulinello
ha preso in braccio
tutte e due le perle
portandole nel cielo
insieme con le stelle.

 

 

 


Natale 1944

Un giaciglio sgangherato
fatto di foglie
sotto ad una piccola baita
coperta di terra.
Pensi e ripensi
al giorno maledetto
in cui sei dovuto scappare
e camminare per ore
senza scarpe nella neve.
Pensi alla famiglia
a tua mamma, a tuo papà
lontani, chissà dove.
Pensi al tuo destino
senza speranza.

Ma ecco Lucia
che arriva con la sporta
e ti sorride.

Tu guardi Lucia
i suoi occhi che brillano
il suo vestito nuovo:
una gonnellina verde
una camicetta bianca
e sopra un golfino rosso
di lana pettinata.

Oggi è Festa grande.

Tu guardi Lucia
e le hai detto sussurrando
con un filo di voce:
mio Dio, come sei bella,
che bella che sei!

Era Natale
e tu appena vent'anni.

 

 


La luna
Tirata da un filo di lana
arrampica lenta
dietro la montagna
una luna grande
come una polenta.

Adesso si ferma
riposa quieta
si guarda intorno
e tutto si fa chiaro
come il giorno.

Ma poi di colpo
spettinata dal vento
corre e si nasconde
tra nuvoloni neri
in mezzo ai miei pensieri.

Ecco che ricompare!
Mi sembra che mi parli
e che mi sorrida.

Piccola luna
luna fragile
resta a giocare con me
fino a domani mattina.


Innamorarsi
È stato come il primo
lampo a primavera
che ti sgela il cuore
che ti slega il sangue.

E sempre assieme
abbiamo bruciato l'estate
con baci pieni
lunghi
senza fine.


Il sapore dell'autunno
Mi sento ancora
dentro le tasche
gonfie di mele, pere
noci e nocciole
il sapore dell'autunno.

Mi sento ancora
dentro il midollo
il tiepido sole
delle asciutte
giornate di ottobre
sospese a un filo
di azzurro.


L'amore
L'amore è come il vento
anche guardando bene non si vede
però lo senti sotto la tua pelle
che corre caldo dentro le vene.
L'amore è volare su nel paradiso.


Il primo bacio
Il giorno che ti ho dato il primo bacio
lungo il sentiero vicino alla contrada
c'era un silenzio che sapeva di fragola
un'arietta fresca che ci accarezzava.

Nel verde dei tuoi occhi si perdevano
i fiori, l'erba, volo di rondinelle
una nuvoletta in cielo che giocava
nascondendosi tra i pini e i suoi rami.

Il sole sul Monte Baldo luccicava
sopra le creste perdute nell'azzurro
nell'Adige che corre e dentro il Lago.

E adesso che comincia a venir sera
sento la testa che mi gira ancora
pensando a quel pezzettino di primavera.

 

                                                  El me paés

A messa prima
Cantava el gal e l'era ancora scuro.
Le sgàlmare scaldè darente al fogo
maion de lana e siarpa en torno al col,
calseti longhi, grossi che becava
e via de salti sul sentér de neve
per nar a messa prima
a far el cotarol.

El prete l'era duro come 'n ciodo
e guai rivar co 'n poco de ritardo.
Ma quando el gheva endosso i paramenti
e grando el se 'ndrissava su l'altar
co l'ostia benedeta ne le mane,
el me pareva en santo che pregava.

E se spandeva entorno ne l'ombria
le note de l'armonio che sonava,
en bon udor d'incenso e d'orassione.
Avemarie, glorie, padrenostri
i se missiava a qualche rechiescanti
che tute le donete le biassava
co la veleta en testa e la corona.

Entanto che seitava a servir messa
vardava el tremolar de le candele
i angeli e le trombe sora 'l coro
e la Madona che me la rideva.
Alora me sentiva el cor contento
credeva de sgolar en paradiso.

 

Sere d'inverno
E dopo sena
tuti a far filò
drento la stala
endò bateve 'l cor
de la contrada.

La nona che filava
òmeni che contava
le storie de briganti
de guere e carestie
i puteleti
che se 'ndromensava
sora i zenoci
caldi de le mame
che co le uce
le fasea la maia.

Se 'npisolava 'l nono
co la so pipa 'n boca,
n'ociada de scondon
tra du morosi
se consumava a pian
co l'ultimo stupin
de la lucerna.

Alora via de salti
a sossolarse
nel caldin del prèo
scoltando el vento
fora che fis-ciava:
fichete sotooo!
fichete sotooo!

Anca la luna 'n cel
la se godeva.
 

El me presepi
No gh'è pì bel presepi
de quel del me paese
en meso a na ceseta
picola, sempre stessa
che la m'à visto nàsser
che la m'à visto crésser.

Su 'n praissel de mus-cio
pascola pegorete,
entorno le montagne
ensucarè de neve.

E dorme le contrade
en pingolon dal cel,
drento le pore case
se 'npissa en fil de ciaro.

Se smorsa su i senteri
el passo de i pastori,
a romper el silensio
en coro ne l'asuro.

L'è en canto de speransa
canto de Bona Nova.

È nato el Bambinel
al fredo de na stala
che speta a brassi verti
lì fermo su la paia
ci sente drento el cor
calcossa che se move
sbisigolin de fede


Osar marso
Sta per entrar marso
su la tera

per maridar
na bela putela

ci èla, ci no èla?
..................

Tute ste osse
se perdea nel vento
soto la luna ciara

e dopo zo 'n fracasso
de quèrcioli e bandoti
de cioche e de ciochine.

L'era la stagion nova
che sbrocava
l'era el cor de la tera
che se desmessiava.

drento le pore case
de tute le contrade
i veci che taseva
putele che rideva
putele che pianzeva
putele che sugava
na lagrima de cera.

A messa prima
Cantava il gallo ed era ancora buio.
Le scarpe di legno scaldate vicino al fuoco,
maglione di lana e sciarpa attorno al collo,
calze lunghe, grosse che pungevano
e via di corsa sul sentiero di neve
per andare a messa prima
a fare il chierichetto.

Il prete era duro come un chiodo
e guai arrivare con un po' di ritardo.
Ma quando aveva indosso i paramenti
e alto si drizzava sull'altare
con l'ostia benedetta nelle mani
mi sembrava un santo che pregava.

E si spandevano intorno nell'ombra
le note dell'armonium che suonava,
un buon odore di incenso e di preghiere.
Avemarie, glorie, padrenostri
si mescolavano a qualche requiescant (in pace)
che tutte le donnette biascicavano
con la veletta in testa e la corona.

Mentre continuavo a servire messa
guardavo il tremolare delle candele
gli angeli e le trombe sopra il coro
e la Madonna che mi sorrideva.
Allora mi sentivo il cuore contento
credevo di volare in paradiso.



Sere d'inverno
E dopo sena
tutti a far filò
dentro la stalla
dove batteva il cuore
della contrada.

La nonna che filava
uomini che raccontavano
le storie di briganti
di guerre e carestie
i bambini
che si  addormentavano
sopra le ginocchia
calde delle mamme
che con gli aghi
facevano la maglia.

Si appisolava il nonno
con la sua pipa in bocca,
un'occhiata di nascosto
tra due fidanzati
si consumava piano
con l'ultimo stoppino
della lucerna.

Allora via a salti
a coccolarsi
nel caldino del prete
ascoltando il vento
fuori che fischiava:
ficcati sottooo!
ficcati sottooo!

Anca la luna in cielo
si divertiva.


Il mio presepio
Non c'è più bel presepio
di quello del mio paese
in mezzo ad una chiesetta
piccola, sempre uguale
che mi ha visto nascere
che mi ha visto crescere.

Su un praticello di muschio
pascolano pecorelle,
intorno le montagne
imbiancate di neve.

E dormono le contrade
sospese al cielo,
dentro le povere case
si accende un filo di luce.

Si smorza sui sentieri
il passo dei pastori,
a rompere il silenzio
un coro nell'azzurro.

È un canto di speranza
canto di Buona Novella.

È nato il Bambinello
al freddo di una stalla
che aspetta a braccia aperte
lì fermo sulla paglia
chi sente dentro il cuore
un qualche cosa che si muove
un piccolo brivido di fede.


Gridare marzo
Sta per entrare marzo
sulla terra

per maritare
una bella ragazza

chi è, chi non è?
.................

Tutte queste voci
si perdevano nel vento
sotto la luna chiara

e dopo giù un fracasso
di coperchi e di secchi di latta
di campanacci e di bronzine.

Era la stagione nuova
che esplodeva
era il cuore della terra
che si svegliava.

Dentro le povere case
di tutte le contrade
i vecchi che tacevano
ragazze che ridevano
ragazze che piangevano
ragazze che asciugavano
una lacrima di cera.


Il gioco, spesso, era "crudele". Alcune ragazze, infatti, venivano "maritate" a uomini brutti o di pessima condotta; altre venivano completamente "trascurate" ed anno dopo anno, lo spettro della solitudine e di rimanere zitelle diventava sempre più incombente. Una lacrima secca, come la cera, rigava un volto con la pelle raggrinzita.

 

L'Avemaria
Rùgola zo l'ombria de la sera
da i boschi verdi che deventa neri
a stofegar ne l'ànema i pensieri
che canta de matina su 'n postera.

La se prepara per dormir la tera
al passo scoraià de i so boscheri
che torna a casa in fila su i senteri
biassando nel silenzio na preghiera

per farse perdonar de le biasteme
che gh'è scapà per via del laoro
e sbrissia drento 'l sangue a tuti ensieme

calcossa de slusente come l'oro:
i pensa a i fioi che zuga en alegria
i scolta da lontan l'Avemaria.


Tornar endrio
E no stà dirme che l'è massa tardi
per caminar ensieme su le greste
vardando 'l lago enargentà de luna
na nugoleta piturà de rosa.

Scoltar nel gran silensio el to respiro
che trema drento ale de farfala
e caressar co l'ànema de seda
gensiane, rododendri e stéle alpine.

Voria poder con ti tornar endrio
quando rideva 'l verde de i vint'ani
e le to tresse del color de l'oro
come le spighe petenè dal vento
nel sol de giugno cargo de promesse,
lisere le sgolava ne l'asuro.

Fermar el tempo che ne scapa via
tegnéndote tacà come l'ombria.


Festa del bosco
Gh'è tanta chiete a st'ora de la sera.
Tase la bavesela e tase el vento.
Ascolto el to respiro che se perde
nel verde e ne l'udor de la me tera.

E scolto el cavriól che 'n fondo al bosco
el ciama a tuta osse la so bela
per dirghe ch'è rivà la stagion nova
el tempo de le rose e de i amori.

Fra poco spuntarà la luna piena
a desmessiar le piante da i so insogni
per darghe 'l benvenuto co 'n inchino
a musici, poeti, balarine,
a mile e mile grili cantarini.

La finirà la festa domatina
ne i brassi de l'aurora e l'alba ciara
quando na bala rossa come 'l fogo
saltarà su de drio da le greste
e 'npissarà la voia ne i to oci
de n'altra note profumà de fiori
de n'altra note carga de misteri.


Mi voria véder
Mi voria véder
n'altra primavera
col giasso che se mola
da i copi de le case
le viole che le ride
a drio le sese
l'aqua de la me val
che la discore
i boschi e i pra
che se vestisse a festa.

E salutar el Baldo
che buta via el capel
fato de neve
per farme caminar
come na olta
en sima a l'oridel
de le so greste
en de 'n silensio
che caressa el cel.


Voria sgolar
Voria sgolar su 'n alto
su 'n alto verso el cel
per respirar la polvre
de le stéle
gustàndome el saor
del primo baso

destènderme liser
come na piuma
sora na nugoleta
de bombaso

po saludar la luna
e tornar zo de olta
su la tera
sensa l'angossa
che me ciapa
a sera.


Nugole rosa
Come le piume caressè dal vento
nugole rosa scarmenè su 'n alto
le ciapo a brassacol fasendo 'n salto
e zugo col me cor che l'è contento

sicuro che doman ghe sarà belo,
scriòltole de ciassi e de colori
per scancelar angosse e malumori
bevèndome 'l seren de tuto 'l celo.

Ma 'l sol sora 'l perfil del Monte Baldo
el brusa le speranse e le promesse
de i giorni de l'istà destesi al caldo:

me son desmentegà che le certesse
che gheva al tempo de la primavera
le móre ne l'ombria de la sera.


Valdrita
Podesse rampegar come na olta
voria tornar con ti fin su 'n Valdrita
per sénterte vissin ligà dal vento
quando se 'npissa el Lago a l'improviso
e se desmessia entorno i so paesi
soto en ninsol celeste orlà de oro.

Al canto de franguei e speransole
slongar le mane come per tocar
le meraveie chene stà davanti
co l'ànema 'ncantà che siga drento
vardando i fiori nati sora i sassi
el cavriól che salta su le greste.

E sempre ensieme come do farfale
sgolar en violda a caressar i mughi
en serca de silensi e de misteri
de chiete de la sera e albe ciare
per far la nostra casa zo 'n Valgranda*
en meso a 'n bel giardin de stéle alpine.

*Valle Grande o Valle Larga: sul versante occidentale di Cima Pettorina.

L'Ave Maria
Rotola giù l'ombra della sera
dai boschi verdi che diventano neri
a soffocare nell'anima i pensieri
che cantano al mattino su in un posto soleggiato.

Si prepara a dormire la terra
al passo molto affaticato dei boscaioli
che tornano a casa in fila lungo i sentieri
biascicando nel silenzio una preghiera

per farsi perdonare delle bestemmie
che sono loro scappate di bocca a causa del lavoro
e scivola dentro il sangue a tutti nello stesso momento

qualche cosa che luccica come l'oro:
pensano ai figli che giocano in allegria
ascoltano da lontano l'Ave Maria.


Tornare indietro
E non stare a dirmi che è troppo tardi
per camminare insieme sulle creste
guardando il lago inargentato di luna
una nuvoletta dipinta di rosa.

Ascoltare nel gran silenzio il tuo respiro
che trema dentro ali di farfalla
ed accarezzare con l'anima di seta
genziane, rododendri e stelle alpine.

Vorrei poter con te tornare indietro
quando rideva il verde dei vent'anni
e le tue trecce del colore dell'oro
come le spighe pettinate dal vento
nel sole di giugno carico di promesse,
leggere volavano nell'azzurro.

Fermare il tempo che ci scappa via
tenendoti attaccata come l'ombra.


Festa del bosco
C'è tanta quiete a quest'ora della sera.
Tace la brezza e tace il vento.
Ascolto il tuo respiro che si perde
nel verde e nell'odore della mia terra.

E ascolto il capriolo che in fondo al bosco
chiama a tutta voce la sua bella
per dirle che è arrivata la stagione nuova
il tempo delle rose e degli amori.

Fra poco spunterà la luna piena
a svegliare le piante dai loro sogni
per dare il benvenuto con un inchino
a musicisti, poeti, ballerine,
a mille e mille grilli canterini.

La festa finirà domani mattina
nelle braccia dell'aurora e l'alba chiara
quando una palla rossa come il fuoco
salterà su da dietro le creste
e accenderà la voglia nei tuoi occhi
di un'altra notte profumata di fiori
di un'altra notte carica di misteri.


Io vorrei vedere
Io vorrei vedere
un'altra primavera
col ghiaccio che si scioglie
dai tetti delle case
le viole che ridono
lungo le siepi
l'acqua della mia valle
che chiacchiera
i boschi e i prati
che si vestono a festa.

E salutare il Baldo
che getta via il cappello
fatto di neve
per farmi camminare
come una volta
in cima all'orlo
delle sue creste
in un silenzio
che accarezza il cielo.


Vorrei volare
Vorrei volare su in alto
su in alto verso il cielo
per respirare la polvere
delle stelle
gustandomi il sapore
del primo bacio

distendermi leggero
come una piuma
sopra una nuvoletta
di bambagia

poi salutare la luna
e ritornare di nuovo
sulla terra
senza l'angoscia
che mi prende
la sera.


Nuvole rosa
Come le piume accarezzate dal vento
nuvole rosa sparpagliate su in alto
le abbraccio facendo un salto
e gioco col mio cuore che è contento

sicuro che domani ci sarà bello,
capriole di scherzi e di colori
per cancellare angosce e malumori
bevendomi il sereno di tutto il cielo.

Ma il sole sopra il profilo del Monte Baldo
brucia le speranze e le promesse
dei giorni dell'estate distesi al caldo:

mi sono dimenticato che le certezze
che avevo al tempo della primavera
muoiono nell'ombra della sera.


Valdritta
Potessi arrampicare come una volta
vorrei tornare con te fin su in Valdritta
per sentirti vicino legata dal vento
quando si accende il Lago all'improvviso
e si risvegliano intorno i suoi paesi
sotto un lenzuolo celeste con l'orlo d'oro.

Al canto di fringuelli e cinciallegre
allungare le mani come per toccare
le meraviglie che ci stanno davanti
con l'anima incantata che grida dentro
guardando i fiori nati sopra i sassi
il capriolo che salta sulle creste.

E sempre assieme come due farfalle
volare in giro ad accarezzare i mughi
in cerca di silenzi e di misteri
di quiete della sera ed albe chiare
per fare la nostra casa giù in Valle Grande
in mezzo a un bel giardino di stelle alpine.



                                                  Nel tempo de l'autuno

Nel tempo de l'autuno
Foie de lovre che no croa en tera
che le resiste a i venti e le buriane
struco i ricordi fisso ne le mane
spetando s-ciaransane en primavera.

Per no molar e per tirar avanti
ghe vol na bava anca se sotila
ma che la tegna duro e che la fila
le ore che se nega ne i rimpianti.

Nel tempo de l'autuno che camina
e vèrze al fredo tute le so porte
vorria desgiassar la telarina
che se destende sora foie morte.

Pensar al sol che nasse domatina
e drento 'l cor che bate ancora forte.


I passi de l'autuno
I passi de l'autuno
i ven avanti a pian
e sensa far rumor
perché no i vol sveiar
el sòn de i simiteri.

Riva novembre
col tabar de nebia
el muso griso
apena el se desmessia
co i oci persi
de le so giornade
che se desfanta
strache ne la sera.

Polsa la tera
soto la so cuerta
de tante foie
lustre de colori
ma, drente, le gà l'arfi
de ci mori.


Le migole del tempo
Quando la luna piena
l'era de bona
e l'era en vena
de basi e de caresse
e de contarme fole,
serava i oci
soto la campana
de i me pensieri
fati de bombaso.

I viasi che faseva!

Séra paron del mondo
robava l'oro al sol
pescava 'n fondo al mar
braschè de perle.

Adesso che son qua
a rancurar, puoreto,
le migole del tempo
che me vansa,
la luna su nel cel
no la me varda gnanca.


Udor de neve
Prima è sbrocà nel cor
la primavera
profumo de narcisi
e sgol de rondenele.
Dopo è rivà la suta
de l'istà
che m'à 'nbriagà de sol
de canti de sigale.
L'autuno l'è piombà
come na bala
e sento za ne l'aria
udor de neve.


Rasségnete cor mato
Rasségnete cor mato
e lassa pèrder
el tempo de i narcisi
e de le móre.

Sere de magio
ne la to ceseta
davanti a la Madona
del Rosario.

Sere de magio
fate de orassione
davanti al Capitel
de la Corona.

Sere d'istà
de canti
e de morosi
de ciassi
e mile trosi.

Conténtete de i fiori
de l'autuno
de qualche sguisso
che te dà i colori
sigual che i se 'dromensa
ne i brassi de la sera.

El sol de luio
el t'à brusà le ale.


E canta el cuco
E canta el cuco da matina a sera
do note de canson e sempre quela
per dirme ch'è rivà la stagion bela
el tempo de l'amor, la primavera.

Gh'è nel so canto la malinconia
de i giorni sempre stessi grisi e strovi
del pianto del me cor quando che 'l piovi
de l'aqua de la val che core via.

E scolto el rossignol, la speransola
consegno i me pensieri en man del vento
ma le parole le móre en gola.
Perché sto roseghin che ruma drento?

Ò visto sul sentér spuntar na viola
me dovaria bastar per nar contento.


De lâ dal muro
L'è belo che rivà
come 'n spiansiso
el treno de i me sogni.

E dir che l'è partì me par algéri
e mi son saltà su sensa pensarghe
perché voleva nar en cao al mondo
piassè lontan ancora,
endove no gh'è beghe né pensieri
ma sol el bonumor e meraveie,
endove cresse l'erba, quela bona
e piante e fiori freschi ogni matina,
concerti de colori e d'aqua ciara.

L'è finì en pressia el viaso de i me sogni.
El treno el s'à fermà davanti a 'n muro

e no gh'è verso de vardar de là.

Mi sèito alora a domandarghe al vento
che 'l vaga de scondon a scuriosar
sercando de capir come la sia.

Gh'è sempre note fonda
o gh'è 'n bel sol che sluse?


E torna l'ombria
Ricama de note
le ponte de i sogni
le sfranze dei giorni
scapè da le mane
che l'alba scancela
smorsando le stèle.

E trema 'l respiro
su fiori de bruma
che piega la testa
al sol che se sveia
de drio al perfil
de greste che ride.

Se 'npissa s-ciantisi
che subito móre
su ale de vento
che va cissandove.
Se scurta le ore
l'è subito sera.

E torna l'ombria
ne i crepi del cor.


Ò sercà
Ò sercà
tra le soche
de le sese
le prime viole
che ciama
primavera.

Ò sercà
tra mile
rondenele
la strada
drita
per tocar
le stéle.

Ò sercà
nel canto
del gril
de la sigala
el caldo
de l'istà
che suga
el pianto.

Ma desso
sento drento
le miole
el vento
fredo
che no conta
fole
e deventar
de giasso
le me ale.


Ame
Quando se smorsarà
el canto de i malghesi e de i boscheri
i boti de le cioche e le ciochine
nel gran silensio de le mie montagne;

quando se smorsarà l'ultima stéla
nel strovo de na note sensa luna;

quando no ghe sarà
colori che se 'npissa a la matina
profumi ghe se spande ne la sera
ma solo udor de mus-cio su le spale;

quando me sentarò
le gambe de puina
e svanirà per sempre
i sogni e le ilusioni
e tuti i me ricordi
nel fior del to soriso;

quando no catarò
pi gnente 'ndò tacarme:
sgrèbano, na raisa
en fil de erba;

quando no gavarò pì gnanca n 'ongia
a forsa de raspar per tégner duro,
vedarò biso el sol anca se sluse
strenzendo quel che resta ne le mane,
alora vorà dir
che son rivà de cao a la partia.

Tuti i discorsi i finirà en de 'n ame.


Cissà
Come na foia quando se fa sera
basta na havesela per pensar
ch'è rivà l'ora de lassarme nar
sperando ne i rebuti 'n primavera.

Voria capir se 'n meso a i rami nudi
la tremarà de fredo o de paura;
mi sento la pontara farse dura
ne i giorni che me par sempre pi udi.

E serco 'n alto sdinse e s-ciaranele
respiro l'aria profumà de fiori.

L'è fiaco 'l vento drento le me vele.

Cissà se ghe sarà de i bei colori
ne i pascoli del celo tra le stèle
ne i posti 'ndò se va quando se mori.

Nel tempo dell'autunno
Foglie di rovere che non cadono a terra
che resistono ai venti e alle burrasche
stringo i ricordi con forza nelle mani
aspettando schiarite in primavera.

Per non mollare e per tirare avanti
occorre un filo anche se sottile
ma che tenga duro e che faccia scorrere
le ore che affogano nei rimpianti.

Nel tempo dell'autunno che cammina
e apre al freddo tutte le sue porte
vorrei sgelare il sottile strato di brina
che si distende sopra foglie morte.

Pensare al sole che nasce domattina
e dentro il cuore che batte ancora forte.


I passi dell'autunno
I passi dell'autunno
vengono avanti piano
e senza far rumore
perché non vogliono svegliare
il sonno dei cimiteri.

Arriva novembre
con il tabarro di nebbia
la faccia grigia
appena si sveglia
con gli occhi persi
delle sue giornate
che svaniscono
stanche nella sera.

Riposa la terra
sotto la sua coperta
di tante foglie
luccicanti di colori
ma, dentro, hanno il respiro
di chi muore.


Le briciole del tempo
Quando la luna piena
era di buon umore
ed era in vena
di baci e di carezze
e di raccontarmi favole
chiudevo gli occhi
sotto la campana
dei miei pensieri
fatti di bambagia.

I viaggi che facevo!

Ero padrone del mondo
rubavo l'oro al sole
pescavo in fondo al mare
manciate di perle.

Adesso che sono qui
a custodire, con cura,
le briciole del tempo
che mi resta
la luna su nel cielo
non mi guarda neppure.


Odore di neve
Prima è sbocciata nel cuore
la primavera
profumo di narcisi
e volo di rondinelle.
Dopo è arrivata la siccità
dell'estate
che mi ha ubriacato di sole
di canti di cicale.
L'autunno è piombato
come una palla
e sento già nell'aria
odore di neve.


Rassegnati cuore matto
Rassegnati cuore matto
e lascia perdere
il tempo dei narcisi
dei narcisi e delle mòre.

Sere di maggio
nella tua chiesetta
davanti alla Madonna
del Rosario

Sere di maggio
fatte di preghiere
davanti al Capitello
della Cororna.

Sere d'estate
di canti
e di morosi
di scherzi
e di mille segrete trame d'amore

Accontentati dei fiori
dell'autunno
di qualche sussulto
che ti danno i colori
mentre si addormentano
nelle braccia della sera.

Il sole di luglio
ti ha bruciato le ali.


E canta il cuculo
E canta il cuculo da mattina a sera
due note di canzone e sempre quella
per dirmi che è arrivata la stagione bella
il tempo dell'amore, la primavera.

C'è nel suo canto la malinconia
dei giorni sempre uguali grigi e bui
del pianto del mio cuore quando piove
dell'acqua della valle che corre via.

E ascolto l'usignolo, la cinciallegra
consegno i miei pensieri in mano al vento
ma le parole mi muoiono in gola.
Perché questo cruccio che mi assilla dentro?

Ho visto sul sentiero spuntare una viola
mi dovrebbe bastare per andare contento.


Aldilà del muro
È di già arrivato
come un lampo
il treno dei miei sogni.

E dire che è partito mi sembra ieri
e io ci sono salito sopra senza pensarci
perché volevo andare in capo al mondo
più lontano ancora,
dove non ci sono liti né preoccupazioni
ma solo l'allegria e meraviglie,
dove cresce l'erba, quella buona
e piante e fiori freschi ogni mattina,
concerti di colori e d'acqua chiara.

È finito in fretta il viaggio dei miei sogni.
Il treno si è fermato davanti ad un muro

e non c'è modo di guardare di là.

Io continuo allora a domandare al vento
che vada di nascosto a curiosare
cercando di capire come stanno le cose.

C'è sempre notte profonda
o c'è un bel sole che luccica?


E torna l'ombra
Ricamano di notte
le punte dei sogni
le frange dei giorni
scappati dalle mani
che l'alba cancella
spegnendo le stelle.

E trema il respiro
su fiori di brina
che piegano la testa
al sole che si sveglia
dietro al profilo
di creste che ridono.

Si accendono scintille
che subito muoiono
su ali di vento
che vanno chissà dove.
Si accorciano le ore
è subito sera.

E torna l'ombra
nelle crepe del cuore.


Ho cercato
Ho cercato
tra i ceppi
delle siepi
le prime viole
che chiamano
primavera.

Ho cercato
tra mille
rondinelle
la strada
dritta
per toccare
le stelle.

Ho cercato
nel canto
del grillo
della cicala
il caldo
dell'estate
che asciuga
il pianto.

Ma adesso
sento dentro
il midollo
il vento
freddo
che non racconta
favole
e diventare
di ghiaccio
le mie ali.


Amen
Quando si spegnerà
il canto dei malgari e dei boscaioli
i rintocchi dei campanacci e delle bronzine
nel grande silenzio delle mie montagne;

quando si spegnerà l'ultima stella
nel buio di una notte senza luna;

quando non ci saranno
colori che si accendono al mattino
profumi che si spandono nella sera
ma solo odore di muschio sulle spalle;

quando mi sentirò
le gambe di ricotta (molli)
e svaniranno per sempre
i sogni e le illusioni
e tutti i miei ricordi
nel fiore del tuo sorriso;

quando non troverò
più niente a cui aggrapparmi:
una pietraia, una radice
un filo di erba;

quando non avrò più neanche un'unghia
a forza di raspare per tener duro,
vedrò bigio il sole anche se luccica
stringendo quello che mi resta tra le mani,
allora vorrà dire
che sono arrivato in fondo alla partita.

Tutti i discorsi finiranno in un amen.


Chissà
Come un foglia quando si fa sera
basta un po' di brezza per pensare
che è giunto il momento di lasciarmi andare
sperando nei germogli in primavera.

Vorrei capire se in mezzo ai rami nudi
tremerà di freddo o di paura;
io sento la salita farsi dura
nei giorni che mi sembrano sempre più vuoti.

E cerco in alto scintille e schiarite
respiro l'aria profumata di fiori.

È fiacco il vento dentro le mie vele,

Chissà se ci saranno dei bei colori
nei pascoli del cielo tra le stelle
nei posti dove si va quando si muore.



                                                  Quel che conta

A me mama
Te me vardave
co i to oci ciari,
per dirme tuto el ben
che te me dave
cavàndote dal sen
pensieri amari
per lassar posto solo a la speransa
che stesse a farte ancora compagnia
levàndome de dosso l'impassiensa
de verghe l'ocasion de scapar via.

Gavea tante robe da pensar:
a la me sposa, a i fioi da arlevar
e dopo gh'era anca la passion
de far politica, la profession...

Signor, Ti che volendo Te pol tuto
mi Te domando en picolo piaser
anca se con ritardo, cossa vuto,
de darghe corpo solo a sto pensier.

Fa che mi poda véderla na olta
na olta apena e fa che la me scolta;
me basta du minuti, forsi gnanca
per dirghe quanto, quanto la me manca.


Làsseme star, Signor
Làsseme star, Signor.
Làsseme nar remengo, da per mi
en meso a i boschi e drio i so senteri.
Mi voi scoltar el passo de i malghesi
el passo de i boscheri e de i pastori,
quei pochi ch'è restà del me paese
che canta a la speransa de matina
che prega nel silensio de la sera.

Làsseme nel me orto su 'n montagna
a coltivar la tera col sudor.
Me son stufà de beghe e de malore.
Gò voia de star chieto
de léser poesie a crepapèl
de strolegar sul cao de la vita
sercando de capir
se quando sonarà l'ultima ora
sarà finì per sempre el nostro viaso
o se scomensiarà na strada nova.

Voria rivar al cor de l'amicissia
de l'amicissia vera,
averghe la certessa
de 'n mondo sensa guere
e scancelar dal tuto
ci móre da l'invidia
sbrofoni, cancarosi, malcunè,
i servi de i so schei.

Voria endromensarme col pensier
che quando domatina nasse el sol
catarò scrito en grando su nel cel:
Adesso ci comanda l'è l'Amor.


Tegnéndote strucà
Me par algéri quando t'ò portà
fresca come na rosa
verso l'Altar Magior
per farte la me sposa.

Tegnéndote tacà
-e me bateva el cor-
semo encrocè co i oci
che subito i s'à diti:
puoreti come pioci
nel ben e al par nel mal
staren per sempre uniti:
questo l'è quel che val!

E rente a ti che te fasee da perno
consumando le istà ne le fadighe
emo fato la scorta per l'inverno
soli e 'n silensio come do formighe.

Ma più che conta l'è che da ste soche
è vegnù fora de le bele stèle
che scaldarà, da veci, come cioche,
insogni rancurè a drio stradele,
le nostre mane strache de laorar.

Alora i nostri oci, tasendo, i se dirà:
adesso nemo ancora, ensieme, al nostro Altar
tegnéndote strucà anca ne l'Aldelà.


A me fioi
Mi voria tanto che la vostra vita
la fusse bela come na giornada
de quele bele come gh'è de magio
co le caresse de na bavesela
che la va en giro profumà de fiori.

Mi voria tanto che le vostre strade
le nesse dritesensa tante gobe
e gnente se metesse de traverso
a stofegar sul nàsser le speranse
che caminar podesse sempre al ciaro
e no vegnesse sera massa en pressia.

Se po dovesse en de 'n momento strovo
per caso capitarve de pensar
che viver caminando sempre drito
l'è cossì dura da spacarve el cor
e seguitando a rampegar decisi
tuto de 'n colpo ve manchesse el fià,
alora podarì vardarve en drio
sercàndome co i oci lì tacà
e darme tuto a mi su le me spale
perché me par che le me pore spale
le porta tuto sensa far fadiga.

Ma dopo penso che 'l saria sbalià.
Nissuni el po privarve de gustar
l'alba de na matina en meso al mar
dopo la furia de na gran tompesta,
de sénterve su en alto rente al sol
pieni paroni de sgolar da soli
ma ancora con la voia de tornar
sora sta tera che l'è fata mal
perché l'è piena come 'n arsenal
de tanta zente che no val na cica
che pensa poco o meio quasi mai
a quel che 'n fondo conta ne la vita
per poder dirte a la matina presto
vardàndote nel speio apena alsà:
son 'n omo fortunà,
son 'n omo fortunà
perché la vita la m'à dato tuto:
la libertà, el laoro, na fameia

son 'n omo fortunà,
perché la vita la m'à dato vualtri
che quando 'n giorno
vegnarà el momento
de esser lì sul punto de molar
de saludar sto mondo
sugàndome na lagrima
magari de scondon
me sarì lì darente tuti e du
a dirme na parola
a strénzerme la man.


Ninsoi fruè
No vedo temporai e né tompeste
sguissi e spiansisi da sbregar el scuro.

No sento sinfonie e gran concerti
córer nel vento a spalancar el cel.

Ma drento sti ninsoi fruè dal tempo
se spande en bon udor che sa de lessia,
sbrissia caresse tendre come seda,
el chieto sussurar de na parola
e calda ne le vene la speransa
del ciaro che ne speta domatina.


Sensa de ti
...E cossa dirte a ti
che te m'è dato
el fior dei to vint'ani
che te me sé darente
da na vita
a farme forsa
e a tirar su la susta
quando gh'è strovo
e no se vede el cel?
Sensa de ti
mi no saria stà gnente
sensa de ti
no gavaria vù gnente.
Giorno per giorno
ponto su ponto
t'è piturà de amor
la nostra tela
e ricamà
col fil de la speransa
senteri che se perde
en meso al verde.
E te m'è regalà
na càpola de asuro,
na càpola de rosa
che ne conpagnarà
su ale de farfala
nel gran silensio
del nostro ultimo viaso.
Mi spero ensieme a ti
perché sensa de ti
mi no saria più gnente
sensa de ti
no gavaria più gnente.


En fondo al vial
En fondo al vial
de l'ultima stassion
mi spero de partir
per 'n altro viaso
a drio de 'n sentér
che riva propi drito
endò gh'è sempre ciaro.

Mi spero de scoltar
da l'alto de le stéle
despèrderse en la val
i boti de campana.

E sussurarghe a pian
a quei che me compagna:
perché tuta sta pena?
Son polvre ne la tera
la cera se consuma
ma nel stupìn che brusa
se 'npissa la me sera.


El fil de la speransa
Quando che nasse l'alba drio le greste
e core 'l vento a parar via l'aurora
trema su l'erba gosse de rosada.

Trema le foie perse nel so canto
e sbrissia su la pèl la meraveia
de i giorni resentè ne l'aqua ciara.

E slùsega nel sol le spighe d'oro
caressa l'aria 'l sgol de le farfale
se 'npissa nel ricordo i primi basi.

Nel tempo de l'autuno che me vansa
se perde nel silensio i me pensieri
che nego drento el rosa de i tramonti
per no molar el fil de la speransa.


Madonina bianca
O Madonina, Madonina bianca
che te me varde e che te me soeide
mi Te domando de restarme arente
quando me manca el fià per nar avanti
a drio el sentér de la speransa
co l'ànema ensognà de 'n puteleto
che no conosse el mal ma solo 'l canto
de ci coltiva el fior de l'inocensa.

E dato che son qua per sta preghiera
mi Te domando n'altra roba ancora:
daghe na man a tuti i pori cristi
che da la vita no gà mai vù gnente
ma sol tribular e despiaseri.

Mi, envesse, da la vita gò vù tuto
e, stesso, qualche olta me lamento.
Alora en confidensa mi Te digo:
fame la grassia che la dura sempre.

Però Te racomando:
regàleme ogni tanto
na s-cianta de poesia.
E cosissia.


Prima de far fagoto
E desso avanti ti che mi me fermo.
Ò caminà abastansa, ormai son straco.
A testa bassa e sensa oltarme endrio,
sensa tirar el fià per la gran pressia,
son arivà su 'nsima a la pontara.

Alora voi polsar, vardarme entorno
e gòderme 'l seren, l'udor de i mughi
el Lago enpiturà de mace asure
i giorni enprofumè de primavera.

Voi gòderme 'l calor del sol de luio
l'autuno caressà da i so colori
la tera endormensà soto la neve.

E pena fato 'l pien de poesia
me vardarò 'n s-ciantin anca de drento
per arbinar quel poco che più conta
prima de far fagoto e... de nar via.

A mia mamma
Mi guardavi
con i tuoi occhi chiari,
per dirmi tutto il bene
che mi davi
togliendoti dal cuore
pensieri amari
per lasciare posto solo alla speranza
che io stessi a farti ancora compagnia
levandomi di dosso l'impazienza
di avere l'occasione di scappare via.

Avevo tante cose cui pensare:
alla mia sposa, ai figli da allevare
e dopo c'era anche la passione
di far politica, la professione...

Signore, tu che volendo puoi tutto
io ti domando un piccolo piacere
anche se in ritardo, cosa vuoi,
di dare corpo solo a questo pensiero.

Fa che io possa vederla una volta
una volta appena e fa che mi ascolti:
mi bastano due minuti, forse neanche
solo per dirle quanto, quanto mi manca.


Lasciami stare, Signore
Lasciami stare, Signore.
Lasciami vagabondare senza meta, tutto solo
tra i boschi e lungo i loro sentieri
Io voglio ascoltare il passo dei mandriani
il passo dei boscaioli e dei pastori
quei pochi che sono rimasti nel mio paese
che cantano alla speranza il mattino
che pregano nel silenzio della sera.

Lasciami nel mio orto su in montagna
a coltivare la terra con fatica.
Mi sono stancato di liti e di grattacapi.
Ho voglia di stare tranquillo
di leggere poesie fino a saziarmi l'anima
di meditare sulla fine dell'esistenza
cercando di capire
se quando scoccherà l'ultima ora
sarà finito per sempre il nostro viaggio
o se comincerà un nuovo cammino.

Vorrei arrivare al cuore dell'amicizia
dell'amicizia disinteressata
avere la certezza
di un mondo senza guerre
e cancellare completamente
quelli che crepano d'invidia
superbi, prepotenti, individui inaffidabili,
i servi del loro danaro.

Vorrei addormentarmi con la convinzione
che quando domani mattina sorge il sole
troverò scritto in grande su nel cielo:
Adesso chi comanda è l'Amore.


Tenendoti stretta
Mi sembra ieri quando ti ho accompagnata
fresca come una rosa
verso l'Altare Maggiore
per fare di te la mia sposa.

Tenendoti stretta
e mi batteva il cuore
i nostri sguardi si sono incontrati
e subito si sono detti:
poveri come pidocchi
nella buona come nella cattiva sorte
staremo sempre uniti:
questo è quello che vale!

E vicino a te che facevi da fulcro
trascorrendo le estati nelle fatiche
abbiamo fatto la scorta per l'inverno
soli e in silenzio come due formiche.

Ma ciò che più conta è che da questi ceppi
sono venuti fuori due bei pezzi di legna
che scalderanno da vecchi come chiocce
i sogni messi insieme lungo angusti sentieri,
le nostre mani stanche di lavorare.

Allora i nostri occhi, tacendo, si diranno:
adesso andiamo ancora, insieme, al nostro Altare
tenendoti stretta anche nell'Aldilà


Ai miei figli
Io vorrei tanto che la vostra vita
fosse bella come una giornata
di quelle belle come ce ne sono di maggio
con le carezze di un venticello
che va in giro profumato di fiori.

Io vorrei tanto che le vostre strade
andassero dritte senza tante gobbe
e niente si mettesse di traverso
a soffocare sul nascere le speranze
che poteste camminare sempre alla luce del sole
e non venisse buio troppo in fretta.

Se poi doveste in un momento difficile
per caso capitarvi di pensare
che vivere camminando sempre dritto
è tanto dura da spezzarvi il cuore
e continuando ad arrampicarvi decisi
tutto d'un colpo vi mancasse il fiato
allora potrete guardarvi indietro
cercandomi con lo sguardo lì vicino
e dare tutto a me sulle mie spalle
perché mi sembra che le mie povere spalle
portino tutto senza fare fatica.

Ma dopo penso che sarebbe sbagliato
nessuno può privarvi di gustare
l'alba di una mattina in mezzo al mare
dopo la furia di una grande tempesta,
di sentirvi su in alto vicino al sole
pieni padroni di volare da soli
ma ancora con la voglia di tornare
sopra questa terra che è fatta male
perché è piena come un arsenale
di tanta gente che non vale niente
che pensa poco o meglio quasi mai
a quello che in fondo conta nella vita
per poter dirti alla mattina presto
guardandoti allo specchio appena sveglio:
sono un uomo fortunato
son un uomo fortunato
perché la vita mi ha dato tutto:
la libertà, il lavoro, una famiglia

sono un uomo fortunato,
perché la vita mi ha dato voi
che quando un giorno
verrà il momento
di essere lì sul punto di mollare
di salutare questo mondo
asciugandomi una lacrima
magari di nascosto
mi sarete vicino tutti e due
a dirmi una parola
a stringermi la mano.


Lenzuola consumate
Non vedo temporali e né tempeste
sussulti e lampi da lacerare il buio.

Non sento sinfonie e gran concerti
correre nel vento a spalancare il cielo.

Ma dentro queste lenzuola consumate dal tempo
si spande un buon odore che sa di bucato,
scivolano carezze tenere come seta
il quieto sussurrare di una parola
e calda nelle vene la speranza
della luce che ci attende domani mattina.


Senza di te
...E cosa dire a te
che mi hai dato
il fiore dei tuoi vent'anni
che mi sei accanto
da una vita
a farmi forza
e a tirarmi su di morale
quando c'è buio pesto
e non si vede il cielo?
Senza di te
io non sarei stato nulla
senza di te
io non avrei avuto nulla.
Giorno per giorno
punto su punto
hai dipinto d'amore
la nostra tela
e ricamato
con il filo della speranza
sentieri che si perdono
in mezzo al verde.
E mi hai regalato
un fiocco azzurro
un fiocco rosa
che ci accompagneranno
su ali di farfalla
nel grande silenzio
del nostro ultimo viaggio.
Io spero assieme a te
perché senza di te
io non sarei più nulla
senza di te
non avrei più nulla.


In fondo al viale
In fondo al viale
dell'ultima fermata
io spero di partire
per un altro viaggio
lungo un sentiero
che arriva proprio dritto
dove c'è sempre luce.

Io spero di ascoltare
dall'alto delle stelle
disperdersi nella valle
i rintocchi di campana.

E sussurrare piano
a coloro che mi accompagnano:
perché tutta questa sofferenza?
Sono polvere nella terra
la cera si consuma
ma nello stoppino (anima) che brucia
si accende la mia sera.


Il filo della speranza
Quando nasce l'alba dietro le creste
e corre il vento a mandare via l'aurora
tremano sull'erba gocce di rugiada.

Tremano le foglie perdute nel loro canto
e scivola sulla pelle la meraviglia
dei giorni risciacquati nell'acqua chiara.

E luccicano nel sole le spighe d'oro
accarezza l'aria il volo delle farfalle
si accendono nel ricordo i primi baci.

Nel tempo dell'autunno che mi rimane
si dileguano nel silenzio i miei pensieri
che annego dentro il rosa dei tramonti
per non mollare il filo della speranza.


Madonna bianca
O Madonnina, Madonnina bianca
che mi guardi e mi sorridi
io Ti domando di starmi vicino
quando mi manca la forza per andare avanti
lungo il sentiero della speranza
con l'anima trasognata di un bambino
che non conosce il male ma solo il canto
di chi coltiva il fiore dell'innocenza.

E dato che sono qui per questa preghiera
io Ti domando un'altra cosa ancora:
Dai una mano a tutti i poveri cristi
che dalla vita non hanno mai avuto niente
ma solo tribolazioni e dispiaceri.

Io, invece, dalla vita ho avuto tutto
e, ugualmente, qualche volta mi lamento.
Allora in confidenza io Ti dico:
fammi la grazia di tirare avanti.

Però Ti raccomando:
regalami ogni tanto
un po' di poesia.
E così sia.


Prima di fare i bagagli
E adesso avanti tu che io mi fermo.
Ho camminato abbastanza, ormai sono stanco.
A testa bassa e senza voltarmi indietro,
senza tirare il fiato per la gran fretta
sono arrivato su in cima alla salita.

Allora voglio riposare, guardarmi attorno
e godermi il sereno, l'odore dei mughi
il Lago dipinto di macchie azzurre
i giorni profumati di primavera.

Voglio godermi il calore del sole di luglio
l'autunno accarezzato dai suoi colori
la terra addormentata sotto la neve.

E appena fatto il pieno di poesia
guarderò un pochino anche dentro di me
per mettere assieme quel poco che più conta
prima di preparare i bagagli e di... andare via.


Home page  Lettura   Poeti del sito  Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche