Poesie di Maurizio Cecchetti


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche



Semplicit dell'essere
Ringrazio Cristo che 'n' so' nessuno,
che quando sar pe' la vita inopportuno,
non me faranno coccodrilli altosonanti,

non ce saranno elogi edulcoranti,
letti in tutti i necrologi,
ma sol du' righe, mogi mogi!

Altro che quelli che legghi tutti i giorni,
declamando con magnifici contorni,
la vita di colui che sen' annato!

Questa la vita e questo il fato!
D'esse qualcuno non me ne frega assai,
Morto Nessuno leggerai!

Sindaco vorrei..!
Sindaco, tu che m'hai messo,
lungo la strada, vicino a quel cipresso,
la telecamera per ripajamme, s' fesso,
quando passo il limite immesso,

me s' spegamme,
quando la cosa inversa,
se vien fatto il torto viceversa,
non succede alcun bailamme?

Me spiego mejo:
lungo la strada hai messo con cipiglio,
il limite a cinquanta e detto fatto,
chi va 'n machina ne ha da pij atto!

'L f per sicurezza, per salv le persone!
ma dove vedi tutta 'st'aggressione,
per cui s' giunto a questa conclusione,
de mette 'n limite, pe' fa compensazione!

Se fosse vero che'l f per sicurezza,
come mai da te non c' accortezza,
e armette a posto quelle strade,
che con le buche fanno 'na vera strage?

A volte basta un poco di catrame,
per tur il buco assai fatale,
che me rompe la macchina, il ferrame:
per l'ammortizzatore assai letale!

Non me d che per sarvamme,
e neanche che lo fai per cambiamme,
intacchi co' le multe i miei risparmi,
e me resta solo un modo per sfogarmi!

E il modo che quando c' 'na consultazione,
'n me f pija dalla tua adulazione,
e d il mi' voto a un'altra lista,
magra consolazione dell' autista!

Et
L'hai mai visto,
come muoiono le mosche,
dopo aver dato il DDT?

Girano a terra pazze,
da quel veleno colpite,
fino che non gli scoppia 'l core!

Cos pure sono,
le mie illusioni,
giovanili,
colpite dal veleno,
dell'et!

Ricordi
Sprazzi di vita vissuta,
che riaffiorano,
dalle sabbie mobili,
della memoria!

Poeta
Sentirsi,
giovane aquilotto,
appena piumato,
che si affaccia solo solo,
al bordo del nido,
sbattendo l' ali,
saltellante,
incerto ,
nel battesimo del volo.

Infine,
raccogliendo,
tutto il suo coraggio,
si butta,
librandosi incerto,
nell'aria!

Acquisendo sicurezza,
diventer,
quello per cui nato:
maestosa aquila,
che del volo,
fa la sua grandezza!

S rimasti gli ossi
Quanno che no' mortali emo 'n servizio,
che ne s, tu me dai l' gas, l'acqua o la corrente,
'n somma, quando usi del tu fare st'esercizio,
io tel pago in modo assai chiaramente!

Mi spieghi allor, quando ti d il mio pattume,
n' il mio differenziare per te 'n servizio,
che tu 'n f per separare il putridume,
e perci risparmi in modo gentilizio?

E quindi chiedo, da povero ignorante,
come mai ce trattate sempre come mucche,
sempre a mugnece, con fare assai arrogante,
anche adesso che semo all'osso del prociutto?

Perch scrivere poesie
S 'n par d'anni che m'han dato la pensione,
a star fermo, so' nuto brontolone,
per pass 'l tempo ho trovato occupazione,
l'esse 'n poeta la mia aspirazione!

Qualcuno dice senza stima,
-'n se manco bono, 'n s' far la rima-,
ma io 'n ce credo, muoiano d'invidia,
j scoppi la vena per la loro accidia!

A me me serve solo, solamente,
a oli il cervello, in modo sufficiente,
cerco di tenerlo assai decente,
'n voglio divent un poro deficiente!

Quando io f la rima, si presenta,
lo sciorinare delle parole aumenta,
come sparger per il campo le sementa,
per veder poi che pianta mi diventa!

L per l l'idea assai abbozzata,
la parola non abituata,
a esse messa vicino a 'n'altra, accoppiata,
ma dopo'm p il verso assai agognato,
diventa rima ed tutto adeguato!

Ne ne ho fatte alcune belle, altre brutte,
non voglio renderle cartaccia, farle distrutte!
Perch, come dice la canzone,
A ciascun mamma bello 'l su' scarrafone!

Poeta, tutta mattaria
Tempo fa, c'ho avuto 'na questione,
me s' alzata de corsa la pressione,
fischiavan l'orecchie, e quasi 'n ce vedevo pi,
pe' 'n po' ho creduto d'and da Belzeb!

Dopo av preso la pasticca m' passato,
ma d'allora n' so proprio guarito, me so' fissato,
de butt gi le rime, de pot scrive in modo assai aggraziato,
me sento 'n poeta e invece so 'n alienato!

Chiss che m' accaduto n' tol cervello,
n' posso fa a meno de scrive a pennarello,
bussan le tempie come se un martello,
batte, so' proprio picchiatello!

Anche mi moje me dice che so matto,
n' se fa' le rime, n's proprio adatto,
ma quando me pija de fa 'na poesiola,
scrivo e scrivo, la rima vien da sola!

Penso che s'invece d'esse matto,
armanivo scemo solamente,
quello s che per me era 'n bel fatto,
e 'n me credevo 'n vero poeta nascente!

La zanzara
C' 'na zanzara che me gira 'n torno,
la solista di tutto quello stormo,
che ha girato fuori tutto il giorno,
se non l'ammazzo, stanotte io non dormo!

C'ha 'n volo che me pare strano,
gira con modo alquanto balzano,
che non la chiappo seppur batto la mano!

Mo' non la vedo pi, forse sparita,
s' spaurata sfungendo dalle dita,
suggendo il sangue di cui parassita,
s' forse inebriata o un po' rincojonita!

Toh, c'arprova a succhiarne n'antro poco,
per lia vita, n' certo 'n gioco,
gli serve per matur la sua covata,
dopo che 'l maschio l'ha fecondata!

Ma dico io sen sette miliardi de persone,
v a succhi 'l sangue proprio al pi cojone,
e'l f con tanta abnegazione,
rischiando di grosso la mia acclamazione!

E' am sparita del tutto finalmente,
forse s' rotta tutti quanti i dente,
ha certo capito che 'na seccatura,
a magn 'st ciccia cos vecchia e dura!



Home page  Lettura   Poeti del sito  Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche