Poesie di Nino Silenzi
(pseudonimo di Lorenzo De Ninis)


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche

Leggi le traduzioni di Nino

 

Accadde di giorno
Accadde di giorno
in pieno sole
dentro il rauco fiume
fra fruscii di canne
e ronzii di libellule.
Ero fuggito dall'anima.
Vidi il mio viso
ondeggiare deforme
nella luce riflessa
dell'acqua fluente.
Nuotando leggero
nel murmure fresco
compresi finalmente
d'essere vivo.
Piangevo e ridevo
ai rovi spinosi
ai pioppi pensosi.

Compleanno
Eccomi tra voi.
Nell'immensa grotta celeste dov'ero
con milioni d'anime vaganti
nell'infinito spazio
delle essenze invisibili
sono stato casualmente
scelto a farmi carne
per venire tra voi.
M'hanno detto
che vivere non è facile
che dovrò soffrire
che sarà sempre più difficile
man mano che crescerò,
e che un giorno
mi riabbracceranno.

La profezia s'è rivelata esatta,
ma, strano, alla vita
mi ci sono affezionato.
Ho amato me stesso,
la mia donna,
il mio fiore,
i miei cari
e tanti
tanti altri.
Mi dispiace andarmene,
ma quegli spiriti
m'aspettano ansiosi,
vogliono sapere com'è
la vita dell'uomo!
La loro speranza è
scendere sulla Terra.
Provare la vita è il più bel
desiderio del cielo.

Addio
Mi ti ero affezionato,
anzi ti ho quasi amato.
Mi portavi con te,
ti portavo con me.
Insieme siamo stati
nella pioggia e nel vento,
con sole e con tempesta
per paesi fatati
senza aver un tormento
con la tua bella cesta.
Il color verde giada
spiccava per la strada;
e quando tu passavi
t'ammiravano gli avi,
i giovani e i bambini
ed anche gli sposini.
Purtroppo sei invecchiata,
sei stata ritoccata,
fai fatica in salita
e più non fai una gita.
Dobbiamo separarci,
l'addio dobbiamo darci
presso l'autosalone
della ditta Rondone,
oggidì alle diciotto
col cuore tutto rotto.
2010

Monotonia
del tempo che scorre
nell'immobilità
degli attimi vissuti.
Corrono i desideri
coda di cometa
dietro il tempo
muto testimone
della tua vita.
Alla nascita
hai firmato un contratto
che lui può strappare
quando vuole.
Anno dopo anno
ti rosicchia un po'
di vita.
Una volta all'anno
ti ricordi della sua presenza.
Sempre uguale,
sempre monotono,
fino a quando sarai libero.

Al vento
Vento,
sussurrami calde parole
di sole.
Rinfresca le chimere
inafferrabili
delle mie estati
tra sbuffi d’onde
e dune fiorite.
Scompiglia
i fatui desideri,
porta via le angosce.
Con te
vorrei volare
fin sulle nuvole grigie,
penetrare fra fresche foglie,
sbarazzarmi dei pensieri
immobili.

Val di Foro
Dalle colline al mare
dei ricordi il fiume scende.
Lievi cirri col sole
scherzano,
sui crinali i villaggi
s’aggrappano
tenaci alle argille.
La Maiella osserva
e tace.

Dal mare alle colline
dei sentimenti la brezza sale.
Lento il Foro
respira fra le erbe
da mille farfalle festeggiato
e da libellule danzanti,
accogliendo sulle sue
cangianti acque
il radente volo
delle rondini.

Ma i giorni fuggono
e fuggono le stagioni;
solo il ricordo
fermo resta,
vigile sentinella
del cuore e della mente,
a ringiovanire un tempo
ormai perduto.

Notte serena
Luci dell'anima
palpitano con le stelle
in questa notte serena.
Argentei fruscii di pioppi
s'innalzano alle rade
nuvole, impalpabili compagne
della solitaria luna.
Richiami d'un tempo
remoto, d'un tempo
felice giungono
sussurranti dall'onde
del Foro che scorre
che scorre mormorando
tra sassi, accarezzando
le braccia piangenti
dei salici, dei rovi.
Fremiti nel cuore
risvegliano i gorgheggi
dell'usignolo, sovrano
cantore della notte serena.
Vegliano pallidi i monti lontani
sotto il sorriso della bianca luna;
placido riposa placato il mare.
Notte, sei luce,
luce vibrante
d'un rapido momento
che mai tornerà.

Profumo d'infanzia
Il dolce profumo
pungente dei mandarini
mi riporta nel mondo fatato
della lontana mia infanzia,
scrigno d'affetto e felicità,
custodito con amore
nel fondo del cuore.

Allora
vedevo mia madre
tritare alacre
scorze di acri limoni
per i dolci natalizi;

vedevo mio padre
la sera, con noi attorno,
buttare nel fuoco
bucce d'arancia,
e sfrigolanti faville profumate
si disperdevano brillanti
come stelline rutilanti
su nel buio del camino;

vedevo i miei fratelli
gustare fresche fette
d'arance e mandarini;

sentivo me stesso
felice, protetto
dal caldo dell'amore.

Fuori fischiava il vento
e la luna combatteva
coi nembi minacciosi.
Nessun altro rumore,
se non l'allegro crepitio
della legna che ardeva
nell'ampio focolare.
Vedevo
sentivo
e il cuore era in pace.

L'Angelo del Male

Ho occhi azzurri
capelli biondi
labbra rosse
un sorriso devastante.
Sono l'Angelo del Male.

Ho un corpo flessuoso
attraente e seducente
calamita del sesso.
Sono l'Angelo del Male.

Ho ricchezze da donare
desideri da appagare
cuori da spezzare.
Sono l'Angelo del Male.

Ho anime a me avvinte
da perfido contratto.
Immenso è il mio potere.
Chi mi segue sarà perduto.
Sono l'Angelo del Male.

Regina dell'assassinio,
quando siedo sul mio trono,
mi appoggio sulla coda
lunga quanto la tua vita.
Sono l'Angelo del Male.

La mia vita
Ieri sera sono andato a teatro.
Comode poltrone vellutate,
luci soffuse, acustica perfetta,
scenografia reale.
Si rappresentava "La mia vita",
atto unico e irripetibile.
Mi son seduto in prima fila.
Solo.

Gli attori hanno recitato
con scioltezza e disinvoltura,
con passione, senza finzione.
Fatti lontani, noti e dimenticati
si snodavano incalzanti.
Nascite, gioie, tristezze, morti
si alternavano incessanti.
Mi son commosso.
Tra un sospiro e l'altro
ho pianto e riso
a rivedere quei volti cari,
a riprovare quegli affetti.

È toccato recitare anche a me,
e per la prima volta l'ho fatto
senza impaccio, senza suggeritore,
ricordavo tutto con facilità,
perché non c'erano esigenti spettatori
e crudeli indagatori.
Alla fine, mentre Mani ignote
chiudevano il sipario e spegnevano
le luci, mi sono addormentato
nel silenzio della Notte.

La casa in collina
Una piccola casa
sulla collina, in alto,
sotto la neve riposa.
Un filo di fumo
esile s'attorciglia
sul comignolo bianco.
Centenarie custodi,
due querce mormorano
tristi nenie al vento.
Una donna è seduta
davanti al focolare
avvolta nel suo scialle
nero di dolore.
Zampilla la fiamma
ricordi lontani,
un fremito freddo
bussa alla porta.
Ronfa il gatto
al dolce tepore.
La donna ascolta
soltanto se stessa.
Una tremula luce
dipinge di gocce
gli umidi vetri.
L'amato è perduto,
il figlio lontano.
Dorme la donna
avvolta nel suo scialle.
Sogna la donna
sogni di mari
e spighe di grano.
Scende la neve
sulla casa in collina.

2017
Quest'è il mio anno fortunato.
L'hanno previsto Branko e Paolo Fox,
Luis Velasco e il mago Egitto.
Con quei quattro soldi
che mi son rimasti
giocherò al Lotto e all'Enalotto;
alle Lotterie Italia,
ma guarda che sfortuna,
finora è andata male,
al Gratta e Vinci peggio che peggio.

E di che vivrò? Non lo so.
Ho moglie e figli
e son disoccupato.
L'unica speranza è il gioco.
E lo Stato che fa?
Questo Stato biscazziere accetta
che le fabbriche siano spostate
chi sa dove...
E noi rimaniamo poveracci
in un mondo di nastrini e telefonini.
I miei figli hanno fame
non solo di cibo...
La crisi finanziaria…
Ma quando i Governi del mondo ricco
la smetteranno di farci imbrogliare?
Viviamo di sogni che sfumano,
di illusioni che sprizzano via
come bollicine di spumante.

Ho pregato Sant'Antonio,
la Madonna e Gesù Cristo,
ma il lavoro non s'è visto.
Ridatemi il lavoro
che m'è stato tolto
ingiustamente!
Sennò che faccio...
Un furto? Una rapina?
Mi ammazzo? Vi ammazzo?
Quest'è il mio anno fortunato!

Soffice
Soffice la neve
pesa
sull'animo,
fresca
imbianca
gli anni che vanno
via
a ritroso nel tempo,
sigillo d'un tempo.
Soffice protegge
i ricordi lontani,
calma scende
sul futuro
che m'attende.

Colloquio con mia madre

Dolore segreto
T'ho vista piangere
di nascosto,
mentre il sole di novembre
si posava stanco
sui tuoi capelli bianchi
e gli anni fuggivano tumultuosi
verso il tramonto della vita.

Doni
Tu hai seminato in me
soltanto cose buone,
prime fra tutte
l'allegria e la mitezza.
Quando sei morta,
è fiorita
anche l'accettazione del dolore
e della morte.

Me stesso
I lamenti del vento
per tre giorni e tre notti
accompagnarono
la mia solitudine.

Ero solo.

Finalmente potevo
parlare con me.
E mentre la neve premurosa
spargeva i suoi fiocchi
su tetti e alberi,
parlavo con me stesso
di me stesso.
Mi addentravo nei tortuosi
meandri della mente e del cuore;
risalivo il turbolento fiume dei desideri
fino alla sua fresca sorgente,
percorrevo le sue erte rive
fino all'ampia limacciosa foce,
dove finiva nell'abbraccio del mare.

Ritrovavo la perduta pace.

Ma quel fiume impetuoso
spesso ha cambiato corso.
Credevo di averlo conosciuto a fondo.
Sbagliavo.
Ho capito che non è immutabile,
fino a quando il monte
da cui nasce non si sbriciolerà
e scomparirà.

Pensatori

Grandi menti hanno creduto in Dio,
grandi menti non hanno creduto.
La mia piccola mente non sa
se credere o non credere.

Orologi
Ho tanti orologi in casa,
uno o due o più in ogni stanza,
che mi controllano
che m'inseguono
che mi segnano la vita
con il loro frenetico
ticchettio
o con le loro luci
ammiccanti.
Scherani di Cronos
fagocìta delle mie ore,
ladro di speranze e d'illusioni?
Forse solo amici annoiati
che ripetono sempre
la stessa cosa:
-Il tempo passa!-

Il mio preferito è una vecchia sveglia
rotonda
col bordo rosso e quadrante bianco,
ore in blu chiaro,
sferette nere con punte fosforescenti,
due campanelli rossi sulla sommità.
Ogni tanto si ferma
finalmente!
È a carica manuale.
Il suo affannato battito
mi riporta a quando ero fanciullo,
a quando non guardavo le ore fuggenti.
Cronos dormiva lontano,
il suo ansito non m'incalzava
ansioso, non lo sentivo,
non sentivo la sua ticchettante
cantilena, proteso ad altro.
Ora mi perseguita.

Lungo il fiume
Il respiro si sente  del fiume.
Gioiosi son gli alberi
e le erbe festanti.
Di ansa in ansa
svanisce l'ansia
e il velo dei ricordi
oscilla alla nitida brezza.
Torna il profumo
delle acque sussurranti
e il volo delle libellule
ronzanti fluttua intorno
ai salici remissivi
ai rovi cocciuti
alle canne loquaci.
Il ricordo si incunea
in una stretta ansa
e il fiume si strozza
come vita che finisce.
Ma poi, miracolo!, riappare
e prosegue il suo viaggio
verso il mare amato
da sempre desiderato.

... e la mente vola
Luccichii sull'onde
brillanti occhieggiano,
sospira il mare
sotto la cupola azzurra;
lieve murmure s'alza,
adagio respira il vento
con voce ipnotica
e la mente vola
nell'infinito silenzio
del vuoto perenne.

Movimento e inerzia
Riflusso istantaneo
di noia mielosa
nel canto monotono
di lontane cicale.
Sfilacciate nubi,
ragnatele del vento,
a passo di danza
regalano visioni
di noia implodente.
Pigolano i piccoli
della rondine frenetica,
la lucertola ferma
ascolta il suo respiro.
Movimento e inerzia,
altalena dell'anima
intrisa di noia.

Desiderio d'immortalità

Se il Fato mi desse la possibilità
di tornare indietro
per rivivere la mia vita,
non accetterei.
Sceglierei caso mai
di trascorrere un'altra vita
cosparsa di illusioni e sogni
per chissà quanto tempo,
(vorrei essere un castagno,
almeno vivrei duemila anni),
piuttosto che ripercorrere una strada
già battuta, disseminata
di sassi e irti spini.
Meglio il sogno
che la dura realtà.
Si dice che vivi la vita
che ti costruisci,
percorri il sentiero
che tu scegli
per giungere alla fine
nel mondo dell'eterna felicità.
Quante false promesse ci propina
il desiderio d'immortalità!
È il Caso che ti impone la via.
Puoi solo sperare
che sia la meno pericolosa e dolorosa.
È come trovarsi al buio,
brancolare in cerca di un appoggio,
vedere di rado una fievole luce,
una stella che presto scompare
dietro una nera nuvola invisibile.
Così è l'uomo in balia dell'Ignoto,
manovrato dalla mutevole Sorte,
un granello di misera polvere
nel fitto pulviscolo dell'infinito Universo.

Col tempo che va
A volte svegliato
dalla mano dell'alba,
ripercorro il passato
a ricostruire momenti,
lampi di vita,
felici e lontani
col sorriso nell'anima
con la pena nel cuore.

Penso la sera al futuro
ove nulla è sicuro;
qualche luce sfavilla
nel buio delle incognite,
vacilla e si spegne
come fievole stella.

Ed il presente incalza
ostinato e veloce
col tempo che va,
e mai più ritorna.

Passeggio
Sono andato a spasso
con i miei amati pensieri,
ma non mi sono divertito.
La mente e il cuore combattevano;
la mente parlava di molecole e atomi,
il cuore d'amore e affetto.
Alla fine ero confuso e triste,
mentre il cielo si dilatava
e il viale si restringeva
a imbuto, lontano lontano.
Chissà dove mi avrebbe portato
se avessi seguito il suadente fruscio
delle nuove foglie, carezze dell'anima.

Ormai è tardi
Il cielo s'è fatto nero.
Rullano cupi
i tamburi delle grasse nuvole
tra bagliori ferrigni
e fulmini zigzaganti
all'orizzonte che avanza
trascinato
dal vento maligno.
Riparati, cuore,
dalla tempesta incombente
imminente;
fuggi verso est,
dove ancora
un barlume di luce
ti chiama
per donarti pace.
Ma ormai è tardi:
la pioggia sferzante
delle illusioni dilaganti
s'abbatte violenta
su di te, inerme
compagno di vita.
Ormai è tardi:
svanita è la luce,
solo la speranza
può salvarti.

Ora che s'è fatto tardi

e la luna se n'infischia di noi
posso dire addio
alle lacrime dolciastre
e alle lagnanze della vita
impossibile e monotona.
Da tempo medito
sulle stanchezze delle vacue
certezze dolose
propinate dalla mente
incauta e inopportuna.
Il pensiero si restringe
e s'incunea tra rovi
e sassi di dubbi pervicaci
come sentiero
che s'inerpica intricato
su se stesso.

Questa sera
Questa sera non canto
le tremule stelle
né la luna tra nuvole
sorniona.
Questa sera non canto
l'amore che tutto perdona
né il dolore nascosto
nell'ombra.
Questa sera sono solo
con me stesso
e succhio foglie di loto.

Volare
Volare
sul fiume tortuoso
tra anfratti e rocce scoscese
dalla fresca polla
montana gorgogliante
festoso
allo scorrere lento
fluente nella piana
fertile d'alberi e di viti
fino alla vasta
melmosa foce
che disfatta teme
il mare sconosciuto.
Volare
sulla vita ormai stanca
preda del corpo
giunta alla fine
per scoprire
iridescente goccia d'acqua
l'abbraccio misterioso
dell'eterno cosmo infinito.

Ora che gli uomini
Ora che gli uomini
muoiono
a grappoli,
le donne
più non partoriscono,
i bambini
più non sorridono,
nemmeno la terra
li riconosce
con le membra
sparpagliate tra i crateri
delle bombe intelligenti
e tra l'orrido sfasciume
delle autobombe.
E da questo Mondo
s'elevano canti
trepidanti
crepitanti
a Dio e ad Allah,
presi a testimoni
del proprio crudele
fanatismo,
dell'odio liberticida,
del rancore accarezzato,
così i misfatti s'ammantano
di giustizia e amore
in un'orgia di sangue
innocente.
Colpa dell'uomo, certo;
ma Dio ed Allah
che tutto hanno creato,
cosa ci fanno lassù?

Folla sola
Questo vento violento ci fa compagnia
nelle fredde giornate della vita.
Siamo insieme, tanta gente,
eppure soli, sempre più soli,
sbandati, folla anonima,
mucchio di teste e cuori discordanti.
È l'arido vento che ci separa,
la gelida incomprensione;
coperti da cappucci e avvolti da sciarpe
-interessi, egoismi, affari-
vediamo e sentiamo soltanto noi stessi.
Indaffarati, preoccupati, ansiosi
annaspiamo come ciechi
nella landa della solitudine affollata,
senza il caldo appoggio
degli affetti e dell'amore,
della solidarietà e del rispetto.

Notte Santa
Scende placida la neve
e suonano le campane,
mentre nasce il Bambinello.
Intirizzito e rannicchiato
me ne sto sul marciapiedi
tra i miei stracci e il cartone.
Prego Dio che non m'ha aiutato.
Sono brividi gli auguri,
aghi di ghiaccio nel mio corpo.
Son lontani di mia madre
i caldi baci e gli abbracci.
Uno sbaglio m'è costato caro.
Avidità ed incomprensione
m'hanno buttato sulla strada.
Sono solo, il freddo aumenta,
meno male che ho un po' di vino.
Scende placida la neve
sul mio corpo rattrappito.

24 novembre
Mi ricordo di te,
Madre,
nel gelido fulgore
della luce rarefatta
di questo giorno
che disegna trame filiformi
tra le foglie degli alberi
pendule appassite
dal vento derise.
Ciò che è vita
diventa morte
in attesa
di promesse disattese
e di speranze mai dome.
Mi ricordo di te;
sei lontana eppur vicina,
dentro di me.
E mi sorridi ancora
da quel cielo diafano
incombente sul dolore
di chi resta.

Foglie
L'aria è tersa, frizzante.
Il sole asciuga le lacrime
della nebbia svanita.
Le foglie dai caldi
tenui colori,
belle nella loro sofferenza,
si distaccano dai rami paterni.
Volteggiano lievi
verso l'umida terra
fremendo
come a cercare nuova vita.

Anche noi siamo foglie
frali in balia della vita.
Anche a noi toccherà
staccarci dai nostri cari
e, sofferenti,
desiderosi di pace e d'amore,
trovare eterno affetto
tra le braccia della madre terra.

Bacche rosse
Bacche autunnali rosse
illuminano ricordi
sparpagliati sotto le siepi
del tempo fuggente.
E lontano lontano
ascolto in silenzio
il sospiro fremente
delle onde danzanti
spumose
nel glauco mare.
E soffia il vento pensieri
a ritroso nella memoria:
desideroso correvo
bambino curioso
di ghiande, d'insetti,
di pettirossi nascosti
tra i rami ignudi
degli alberi amici.
E il sorriso di mia madre
e di mio padre,
ormai lassù,
riporta la quiete
in questa vita frenetica.

Notte estiva
Ridono le stelle
- chi sei? -
scherzando con la luna.

Chiacchiera la notte
- dove sei? -
con un cane solitario.

Riposano gli alberi
- dove vai? -
sognando nidi.

Canta una rana
- perché mai? -
i suoi dubbi al cielo.

Si leva il vento
- quando? -
e furtivo si porta via tutto.

Meriggio
Sonnolenza
del sole giallo
che la dorata noia
illumina sovrano.
Sbuffi
di vento fragile
disegnano nuvole
ove si tuffano gabbiani.
Passiva pace
acqueta le nervose membra
e gli occhi si chiudono
al mistero della vita
e la mente si apre
alla realtà inesatta
e il cuore batte,
e non si sa perché.

2002

Affanno
L'affanno dei giorni
che se ne vanno
in quest'inerte estate
tra le cantate delle cicale
e il mormorio del mare.
Sono rare le ore calme
dell'io profondo dell'inconscio Mondo
sbigottito e dal Tempo incenerito.
Vagano i pensieri
in una spirale d'ombra,
sgombra di certezza,
dell'essenza nulla piena.
Frenetiche formiche
tutte in fila sul sentiero
dell'insulsa vita
noi siamo e corriamo
alla ricerca di che cosa?
Lassù sereno è il cielo,
e nere le rondini saettano
e veleggiano i gabbiani.
Qui s'affannano le formicuzze
a trasportar pagliuzze
per un improbabile Domani.

Cicale
Ardente frinire
delle cicale celate
sui rami di pino.
Rovente il vento
trasporta il loro canto
crepitante
secante il tempo
che ora non rotola
sotto lo sguardo
accecante del sole.
Il pino respira
profumo di resina.
Torrida pace
nella mente che tace
ed il cuore riposa.

Una poesia al giorno
Una poesia al giorno
t'allevia i grattacapi
tutto il giorno.

Fa viver la giornata
dal sorriso allietata
d'una fata.

Dipinge di celeste
il cuore nero e gonfio
di tempeste.

Ti empie di pace arcana
quando la sera squilla
la campana.

Ti calma la tristezza
della vita, colmandoti
di dolcezza.

Ti avvolge col suo manto,
ti protegge affettuosa
dal rimpianto.

Amar ti fa di cuore
la donna dei tuoi sogni:
il tuo amore.

Origini
Ho appoggiato la testa
su una soffice nuvola
bianca ed ho sognato
di volare tra le stelle
a ritroso nel tempo
senza fine
per ricercare me stesso
e le mie remote origini.
Ho esplorato universi
su universi, galassie
polverose, pianeti
e soli, buchi neri
e voragini profondissime
nel buio trasparente,
ma non ho trovato nulla,
se non la sensazione
d'essere immerso
in un Pensiero rarefatto
immobile insondabile
che invisibile alita
l'eterna vita
dei singoli e del tutto.

La vita continua
Raggomitolato sotto le coperte,
alla fredda luce
dell'alba lattiginosa,
penso.
Gli anni come nuvole sfrangiate
inseguite da un vento violento
si dissolvono nel cielo della vita.
Le cose fatte e non fatte
come fragili fuscelli
mulinano fra le gorgoglianti
acque fluviali dei ricordi.
Penso agli affetti, all'amore,
ai valori, alle cose in cui credo.
Ma c'è qualcosa in cui credo?
Cos'è che mi sospinge irrequieto?
La forza della vita?
Vorrei andare avanti,
proiettato dalla speranza;
vorrei tornare indietro,
frenato dai se e dai ma;
vorrei fermare il tempo,
eterna impronta del non essere.
Intanto il profumo amaro
della vita mi inebria.
Forse è meglio che mi alzi:
s'è fatto tardi.
La vita continua.

Il tempo srotola
il gomitolo della vita.
Medito all'ombra cerulea
di quest'algido monte
sulle gioie fuggenti
come nuvole impazzite
incalzate da vento ribelle.
Il filo sta per finire
in questo tramonto
dalla rosea luce fioca
che si affida alla sera
pronta ad accogliere
la notte imminente.
E notte sarà,
buio senza fine.

Dormiva la notte
chiusa nel buio
della sua infinita stanza.
E sognava le stelle
la luna la luce.
Aveva creduto
che il nulla fosse luce,
il vuoto pienezza,
l'infinito finito.
Ora piangeva
solitaria
le sue illuse certezze.

Serate d'inverno

Quando fuori infuriava
la bufera e cadeva
neve su neve,
nostro padre ci radunava
intorno al focolare.
Schioppettava allegro il fuoco
e scaldava la pignatta.
Mio padre sorridente
sullo scranno troneggiava.
I miei cugini e noi fratelli
aspettavamo impazienti.

Finalmente mio padre
"C'era una volta…" cominciava.
Ed entravamo in un mondo
di eroi, mostri, bestie e belle donne,
in foreste minacciose,
in vallate ridenti e amene,
in borgate scure e fredde,
in paesi dal mar baciati.
Ascoltavamo trascinati
inseguendo le faville
e stringendoci le mani.

Mia madre e mia zia
ci portavano i tarallucci,
dolci e caldi come il fuoco.
Com'era buona la zuppetta
con il mosto e la neve fresca,
com'era buono il torrone
con le mandorle e le noci!
Ho ancora quel sapore
qui, nel cuore; sento
ancora i pizzicotti
che per scherzo ci davamo.
Fuori intanto fischiava il vento
e i fiocchi impazzivano.

E mio padre continuava...

Nella notte burrascosa,
tra coperte rannicchiato,
felice io sognavo
eroi, mostri, bestie e belle donne.

L'amore
è una ferita
che non si rimargina
mai.
Chi ama
vive anche nel dolore.
Se la ferita si chiude,
se ne apre un'altra,
senza vita.
E la strada è lunga.

Un altro anno
Un altro anno s'è dissolto
tra le braccia dell'avido Tempo.
Sol rimane la polvere dei ricordi
a danzar lieve al sole
al soffio tenue
della vita che vorticosa
sprofonda
tra lacerazioni esistenziali
e musiche interrotte
nel baratro delle ineluttabilità quotidiane.
Giungerà presto al fondo,
alla porta spalancata
del Cosmo rovesciato.

Aspetto
Aspetto che la tristezza
se ne vada
per rimanere un po' da solo.
I ricordi si vestono di se,
fiori smorti sulla tomba
del passato.
Assaporo i momenti
nulli del tempo
che si ferma nell'indifferenza
della mente inerte.
Trilla il telefono
la sua voce inutile
come pianto di picchio
solitario.
S'apre la porta del vuoto
ove aleggia l'immagine di me,
subito dissolta
dal vento dell'inconsistenza
che gelido sibila
verso il lontano fragile orizzonte
della mia vita.

Un'altra vita
A volte mi sorprendo
come possa la mia mente
elaborare questi sogni.
Sono fatti accaduti,
son messaggi subliminali,
sono vie di città,
son paesaggi meravigliosi.
Son ricordi trasformati,
sono scene di un'altra vita?
Creazioni della mente?
In quel luogo mai sono stato,
quella donna è sconosciuta.
Chi mi insegue chi mai sarà?
Non rammento questo viso
sorridente e indeciso,
mai provato questo profumo
che m'inebria con dolcezza.
Sarà finzione o realtà?
È reale la finzione,
o è finta la realtà?
So che vivo un'altra vita
in un mondo parallelo,
sono immerso nell'Inconscio
che mi guida in questa vita,
nuova, rapida, umana.
Alla fine nell'azzurro mio mondo
tornerò dove regna sol la pace,
dove spirito senza corpo
felice aleggerò.

Scende la sera
Scende la sera
col suo manto di nebbia
su lacrime e risa
di bimbi voluti
di bimbi amati
di bimbi perduti.

Scende la sera
col suo manto d'addio
su amori e dolori
di vita voluta
di vita amata
di vita perduta.

Scende la sera
col manto d'Orfeo
sull'eterno mistero
del mondo e dell'uomo.

L'ottobre della vita
Tornano le nuvole
con la loro irrequieta
e varia ambiguità
ad abitare il cielo.
Ora sorridenti
ora minacciose
ora lievi
ora pesanti
come pensieri,
i lieti o angosciosi
soffi dell'io.
Irridono il sole
che languido bacia
le stanche foglie
in balia del vento,
presaghe e timorose
per l'imminente fine.

L'ottobre della vita
dilania il passato
tormenta il futuro
martella il presente.

Sotto il cielo d'ottobre
Passeri volano veloci
ammaliati
dalle bacche rosse e gialle
sotto il cielo luminoso,
foglie vestite d'ambra e ocra
cadono lievi
danzando dolcemente
il ballo dell'addio,
aghi di pino
d'oro ramato
riposano finalmente
su soffice tappeto.

Frulli di pensiero,
fruscii di ansie,
sospiri di pace
alitano verso la luce
dell'Immenso.

Il dolore
Sei nato per soffrire.
Non piangere:
così è scritto
nel codice genetico
dell'umana avventura.
Quando la Sorte
disattenta ti concederà
una piccola gioia,
fanne tesoro,
nascondila nello scrigno
segreto delle illusioni,
che aprirai nei momenti
tuoi più neri.
È la gioia
un lasciapassare
a brevissima scadenza,
controllato con minuzia
persecutoria dal dolore,
sbirro odiato,
che ti traccia il percorso
della vita come a lui piace.
Combattilo senza piangere,
apri il tuo scrigno,
libera le tue gioie,
che almeno per un momento
lo facciano tramortire,
perché non muore,
è immortale.
Ma anche tu lo diverrai,
se riuscirai a contrastarlo,
a ribattere colpo su colpo,
anche nell'ultima agonia,
quando crederà di aver vinto.

Settembre
Tornano le belle nuvole
finalmente
a rincorrersi nel cielo,
a scherzare col sole,
a dipingere il mattino.
Torna il vento rapido
finalmente
a sferzare i pini,
a danzare con le foglie
il minuetto della vita.
Tornano i tenui crepuscoli
finalmente
a smorzare la luce,
ad accorciare il giorno.
Tornano le lunghe notti
finalmente
a portare sogni,
a spaventare i dubbiosi
dell'altra vita.

Nel tempo
Passeggio sulla riva
e lo sciabordio dell'onde
- la culla lenta dondola -
mi pervade mente e cuore.
Il sospiro delle onde
è come una carezza
dolce di mia madre.
Si chiudono gli occhi,
si apre un altro mondo
attraversato da arcobaleni
in luminosi cieli cristallini,
profumato da soavi brezze
su estesi prati smeraldini.
Sussurra quieto il mare
le sue parole eterne
or di pace non di tempesta.
Cammino e sogno.
Il mondo d'oggi
si confonde con quell'antico.
Terre lontane lontane
dondolano lievi;
su sabbie increspate
dal vento amico
solitario
si posa il sole.
Bisbigli sento,
pace, affetto provo
nella culla della vita.
Lo strido d'un gabbiano
al presente mi riporta
- stanca scricchiola la barca della vita -
Urla sento,
angoscia, dolore provo
nella barca della vita.

8 Agosto
Tanti anni fa
nascevo
in una calda giornata
di sole radioso
urlante e affamato.
Alle tre dell’afoso pomeriggio
bussavo
nella vivida luce
alla vita inquieta,
nella gioia e nel dolore,
armato di pianto e di riso.

Felice nella fresca erba
mi rotolavo
fra i fiori infantili.

Rapido a sera
accendevo
audaci speranze.

La fame nel tempo è svanita;
la tristezza e la gioia nel cuore
giocano
a tratti col Caso.

Concerto serale
In Via del Bosco
c'è un pino quarantenne,
alto più di venti metri;
dritto sul robusto tronco svetta
con un'ampia maestosa chioma
sui compagni più giovani
schierati come suoi paggi
ai fianchi della via a spargere
gocce odorose di resina.
È lui che al tramonto
accoglie sotto il suo profumato
e fresco ombrello centinaia d'uccelli.
Ed inizia il concerto.
Gli uccelli prima parlano
a voce alta, fittamente,
della giornata, dei figli, del cibo,
dei pericoli scampati.
Poi cantano melodie indimenticabili
che diffondono nel cielo rosato
la pace della sera imminente.
Al concerto partecipa anche chi è lontano:
le tortore e le colombe, appollaiate
sulle antenne, tubano felici;
i merli solitari, nei momenti di pausa,
si scambiano virtuosi intermezzi canori,
e le gazze accompagnano le musiche
oscillando con le lunghe code nere.
Infine arriva la sera e il canto
s'affievolisce fra il frullo degli uccelli
volanti verso il proprio nido.

In attesa
Distesa di rauchi gabbiani
in attesa
che s'alzi il vento,
sole violento
abbacinante
la sabbia inerte
in attesa
che s'alzi il vento,
pace forzata
delle bianche vele
in attesa
che s'alzi il vento,
pensieri sulfurei
ribollenti
in attesa
che s'alzi il vento,
quotidiano arrancare
nella landa della vita
in attesa
che s'alzi il vento,
sincronia dell'inspiegabile
in attesa
dell'ultima illusione.

Strada chiusa
Non si passa.
Qui ti fermi
sofferente.
Volano nuvole
nel cielo azzurro
della vita
che passa
come vento
primaverile.
Qui ti fermi
stanco
a ripensare al tempo
dell'eterna giovinezza.
Qui ti fermi
con il tempo dell'allegria.
Il vento soffia
sulle foglie secche
del tempo smarrito.
Qui ti fermi:
strada chiusa.

Mente inquieta
Vagola la mente
con i suoi compagni,
gli assidui pensieri indaffarati,
dietro i gabbiani
volteggianti
su motonavi generose
che arrancano farfugliando
lente nel basso mare.
Laggiù c'è l'isola
dove la mente
finalmente si ferma.
I pensieri stanchi
s'accompagnano ai desideri
perduti
in silenzio;
soltanto il vento parla
e la sua voce
dice che tutto finisce
mentre tutto si crea.
Il rombo dei motori
dilania il candore
delle vele vibranti
echeggianti
il canto delle onde
che inseguono
la pace della riva
e sempre
i nuovi pensieri
come fragili onde
cantano monotoni
la nenia della vita.
E l'inquietudine permea
sentimenti e muscoli.

Prece
Va' via, pensiero triste,
incontrastato signore
delle mie inquietudini;
annidato non so dove
nella mia mente
improvviso colpisci
rapido come baleno.
Va' via, non voglio la pena
nel cuore senza sapere perché!
S'odono fuori grida festose
di bimbi nel tepore dorato del sole.
Anch'io un tempo fui felice.
O forse già m'eri compagno?
Va' via, ti prego,
non farmi soffrire
senza sapere perché.

Gioco e sogno
Una collina dolce
rotolava il mio corpo
fanciullo sul suo tappeto
d'alte erbe fresche.

Il cuore sorrideva
tra i rossi ciliegi
al tepore carezzevole
del sole annuente.

La mente proiettava
illusioni e sogni
alle maliziose nuvole vaganti
nel cielo di maggio.

Poi tutto è svanito.

Illusioni
Ho nuotato
nel fresco mare
delle illusioni.
Onde felici
mi accarezzavano,
spruzzi ridenti
mi solleticavano,
brezze soavi
mi estasiavano.

Poi di repente
un maroso inarcato
su se stesso,
minaccioso,
avido,
mi ha strappato via
con le sue fauci
liquide
sbattendomi contro
le nude rocce taglienti
di questa vita che
passa sempre,
di questa vita che
non passa mai,
col presente che diventa
futuro e col passato
che ride delle mie speranze.

Libero finalmente
Quando le stelle
non brilleranno più,
mi vestirò di luce
e attraverserò le nebbie
dell'incognito, pelago
fluttuante di brame
e desideri disfatti,
gioie tradite,
illusioni suadenti,
insulso dolore.
Libero finalmente
di volare etereo
oltre le bianche
nuvole vaganti
verso l'ignoto monte
sovrastante la foresta
dell'inconoscibile
angoscia del vivere.

Pensi
Pensi al futuro
sicuro mistero,
pensi al passato
svuotato ricordo,
pensi al presente
sfuggente pensiero.
Vanno l'onde nel mare,
desideri increspati,
gocce spruzzando
al vento della vita.
E pensi al futuro
e pensi al passato
e pensi al presente
ora svanito.

Visita
Son tornato al mio paese
a far visita ai miei genitori,
in cimitero.
Pace e silenzio.
Mio padre e mia madre
sono ancora vicini
come allora in vita.
Sorridono sereni
sotto i cipressi profumati
tra due mazzi di fiori.
Ho parlato con loro,
essi tra di loro e con me.
Alla fine mia madre
mi ha come al solito
premurosa raccomandato:
-Fa il bravo ragazzo!-
-Sì, mamma.-
E mio padre ironico:
-Che bugiardo!-
Abbiamo riso insieme
al ricordo delle battute
eterne.
Poi li ho salutati
con un bacio e un arrivederci,
e me ne sono andato;
arrivava gente.

Alla Donna
Donna,
madre e sposa,
figlia e sorella,
amica e amante,
dolce certezza,
tenero rifugio,
perché gli uomini
t'hanno creato
una festa?
Con un rametto giallo
di mimosa odorosa
vogliono forse coprire
tutti i soprusi
e passati e presenti?
Tu,
che dai la vita,
che da sempre guidi l'uomo,
che con l'amore lo sorreggi
e gli dai una speranza,
accetti col sorriso
questa festa da te lontana?
Con una data
vogliono dimenticare
millenni d'ingiustizie,
mentre nel mondo
soffri ancora?
Donna,
sposa universale,
credi ancora
alla mimosa?

... e il fiume va...
... si muovono le cime
ondeggianti dei pioppi
con danza riflessa
d'ottusa inquietudine...
... scorre il fiume
gorgogliante di pene
verso il mare
mormorante
canti d'illusa
malinconia...
... più tristi si fanno le sere
i giorni più brevi
le notti di sogni premonitori
vestite m'invitano
all' eterno banchetto...
... e il fiume va...

Il pianto del vento
Sento le onde del mare
ruggire, sferzate
dal pazzo scirocco
grigio-vestito.
Vedo le creste
bianche furenti,
Menadi danzanti
urlare strazianti
minacce di morte.
Piange il vento
amare lacrime
di terre lontane
arse da guerre insane
sul mio volto
in questo spento
umido mattino.

Anni
Quanti anni ho sulle spalle!
Uno sull'altro,
una catasta.
Ma non mi pesano,
sono leggeri,
palpiti del tempo;
mi sollevano in alto
e mi fanno tornare piccolo
nel corpo e nell'anima.

Torno bambino.
Il sole è diverso,
è più luminoso;
la pioggia è fresca
come la mano della mamma,
dolce carezza.
E le nuvole
e le stelle
e le ombre
e la notte
mi fanno vivere
una nuova vita.

Mistero
Ora che tutto tace
è bello sentire la voce
dell'arcano.
Mi sussurra richiami
di pace
con il profumo di fiore
che si chiude
alla sera.
Mi sommerge nei suoi flutti
e lontano
dondolando
mi trasporta forse
nel regno
da dove provengo.

Oblio
Talora
uno strano desiderio
s'impadronisce di me
e mi porta
nel suo regno:
il gorgo dell'oblio
di tutto e di tutti.
Trascinato da lento
alito carezzevole
sprofondo nell'annullamento
delle passioni e dei pensieri
fino a raggiungere
la pace completa,
dimentico d'ogni cosa
e dimenticato.
Dura pochi attimi.
Altri desideri
mi fanno salire
sulle loro groppe
e, cavalli bradi,
galoppano liberi
irrefrenabili
nelle vaste praterie
del cuore e dell'anima.
Ritornano le tensioni della vita,
le pulsioni d'amore,
la coscienza di vivere.
Ritorno uomo,
terrena creatura
fragile e indifesa
in balia di ciò che non è.

All'improvviso
Stamattina il cielo è pallido
come un volto sciupato,
l'aria è greve
in un silenzio di ghiaccio,
gli alberi attendono immobili
il ruvido vento,
le case tristi si stringono
come minacciate
da una forza oscura,
le strade deserte
mostrano indifferenti
il loro sporco grigiore.

All'improvviso,
un fiocco
bianco
volteggiando
come farfalla
scende,
e poi
un altro
un altro
un altro…
e tutto è bianco.

Viaggio notturno
Lo sferragliare del treno
m'accompagna questa notte
nel ricordo d'altri viaggi.
Viaggi per amore, viaggi per lavoro,
viaggi tra montagne e mari,
viaggi tra colline e pianure.
Ho sonno, ma non dormo.
Quest'è un viaggio speciale.
è il treno della mia vita
che corre sempre più forte
nel buio sempre più fitto
con destinazione ignota.
Il macchinista è il Caso.
Non si sa quando il treno
cesserà la sua oscura folle corsa
con stridio e scintille
davanti all'ultima stazione,
o forse, deragliando,
in un precipizio senza fondo.
è l'estremo viaggio,
popolato di ricordi;
barlumi e bagliori alle spalle,
ansie e inquietudini davanti
nella notte cieca senza fine.
C'è una Signora che m'attende
più nera della notte senza stelle,
vestita d'atro mantello,
nascosta dietro ogni istante
della mia vita,
invisibile padrona delle tenebre
e della fine dell'uomo.

Dove siete?
(Alle prime poesie perdute)

Oh, dove sei tu,
vergine Poesia,
Vestale degli affetti
di me imberbe quindicenne?
Di te ricordo qualche verso:
"Sfavillano le faville del focolare
nel freddo della sera crepuscolare".
Non sei più in quel quaderno segreto,
buttato un nero giorno nel fuoco.
E tu, oh, dove sei tu,
timida compagna,
Poesia lontana
nel tempo e nello spazio?
Il tuo inizio era:
"Passa la littorina sul ponte
e la valle rimbomba
al suono metallico e sbuffante".
Non sei più nel cestino
appallottolata.
Dove siete, soavi creature
dell'età mia fatata?
Siete nella sorgente del mio cuore,
da dove all'improvviso scaturite,
fresche polle, a dolcemente lenire
le ferite della vita.

Così è la vita
Seduto in riva al fiume
vedo onde passare veloci,
rapide trasportano
fuscelli foglie rami;
ogni tanto un mulinello
li scaglia lontano;
nell'ansa è fermo un tronco
impigliato tra i rami
dei salici e dei rovi
sotto lo sguardo degli ontani
e degli alti pioppi pallidi.
Così  è la vita:
un fiume che ti trascina
ti sbatte ti inabissa,
misera pagliuzza,
tra angosce e dolori.
Fortunato se riesci
ad aggrapparti ad un cespuglio
di pruni spinosi.
Sanguinerai,
ma almeno non sarai risucchiato
dal gorgo della disperazione.

Ottobre
Ottobre pallido e tiepido
siede con la variopinta
sciarpetta sulle spalle
e l'antica pipetta di ghianda
tra le labbra
sul suo tronco secolare,
scranno dei tempi,
reggendo su una gamba
l'eterna tavolozza
dai mille colori.
Spruzza la magica luce
sulle foglie degli alberi
con lievi tocchi
muovendo agile la vecchia mano,
e poi soffia leggero
per farle frusciare,
per vedere se gli occhi
volentieri le guardano.
Sono belle,
ma non contento,
spesso varia le sfumature.
E di nuovo intinge
il millenario pennello
nella tavolozza che ride
di colori vibranti.
E di nuovo nuove tonalità
crea con soffice mano,
e le foglie cambiano,
e gli occhi s'inebriano,
fino a quando l'uggioso
Novembre e il freddo
Dicembre, dispettosi fratelli,
in compagnia dell'irrequieto Vento,
non le faranno volare via
o cadere accartocciate per terra.  

Inquietudine
Precipitano gli anni nella forra
della vita. Acque fresche ingoia
la marmitta dei giganti che tutto
vorticosa rimescola alla luce
e al buio il passato e il presente.
        La vita è un imbuto
          che troppi amori
              gioie dolori
                  riceve
e via disperde.
Il futuro mi attende immerso
nel bosco ove tutto tace
anche degli alberi le fronde
e del fiume le onde perenni.

Tramonto
Rosea luce irradiano l’alte vette,
la fulgente calura ora si placa,
nella valle i cuori e l’ombre titubano.
Cirri leggeri com’onde nel mare
eterei trascorrono il glauco cielo.
Sospiri di vento filtrano lievi
tra fronde, fresco rifugio d’uccelli.
Il sole rosso scompare allo sguardo.

Il canto del merlo annuncia la sera:
i dubbi tramontano e le speranze,
stanco si chiude il giorno della vita.
La notte ci chiama: nel buio sorride,
nell'atro regno di morte ci invita.

Il canto del merlo spegne la sera:
i dubbi svaniscono e le speranze.
Si svuota la vita che tanto amammo,
tememmo la notte che noi fuggimmo:
ed ora ci irride, eterna, ci irride.

Marzo
Torna Marzo selvaggio:
folate sui pini si gettano,
scompiglio di nuvole basse,
raggi di sole improvvisi.

Linfa di vita freme col cuore.

Eppure vivo
Sto meditando
sullo strazio della vita,
sull'inutile dolore,
sulle promesse eterne,
sulle vane speranze.

Vita dovuta,
non richiesta,
vita sbattuta
tra arcane promesse,
vita perduta
in dubbi solenni.

Tortuosa è la via
dell'uomo che va,
senza ritorno, lontano
lontano, stanco
di vivere e di morire
più e più volte,
di giorno e di notte.

Eppure mi piace
ogni tanto gioire,
portare a spasso
la mia vita di sasso;
sentire la pioggia
che batte sul tetto
e il vento che sferza
gli alberi frondosi;
prendere in mano
un ciuffo d'erba,
vedere il monte
che nasconde il sole.

Eppure vivo...
e vivrei mill'anni.

Mattino fulgente
Il vento di tramontana
ha spogliato le tamerici
e con i suoi aghi
ha ricoperto l'argine
con un tappeto ramato.
Ora finalmente
si vedono i pettirossi
saltellare guardinghi
da un ramo all'altro
e gli scriccioli saettare
al profumo salmastro
della placida laguna.
Le onde screziate dal sole
leggere sospirano sommesse
sotto lo sguardo paterno
dei bianchi monti lontani.
Respira la mente serena
e il cuore felice ritorna.

La prima neve
La prima volta che vidi la neve
- ero in braccio a mia madre -
vestire col suo bianco manto
le case la valle le colline,
appresi la bellezza del Creato.
Era un freddo mattino d'inverno,
la neve scintillava
alla luce diafana del sole,
appena velato da nubi biancastre.
Argentei luccichii
d'infiniti diamanti
prorompevano brillando
agli improvvisi raggi di sole
nell'aria rarefatta.
Crepitò nel focolare
la legna accesa,
fermando lo stupore
del nostro silenzio.
- Figlio mio, mormorò dolce mia madre,
ringraziamo il Signore! -

Ritorno a Vacri
Ogni ritorno
mi allontana.
La collina scivola in alto
verso il cielo sereno
baciata dal sole.
Tuffi fra l'erba del tratturo
hanno lasciato orme
di giochi infantili
nell'antro segreto
della memoria.
Vibrano le viti
e gli ulivi distesi
in raccoglimento sui clivi.
La pace mi sfiora,
mi afferra nel silenzio
del meriggio al suono
di api ronzanti.
Ritorno al paese
dove è custodito
l'inizio della mia vita.

Cullato
Cullato dall'onde del mare,
ascolto la voce del vento.
Lontano una vela scompare
e lento s'innalza il concento

d'aromi salmastri e di pini
di resina pregni ed aulenti.
Baciati dal sole i villini
accolgono i raggi fulgenti.

è festa d'azzurro nel cielo
per bianchi gabbiani volanti.
Ondeggia di fresca aura il velo
del mare che accoglie i bagnanti.

La pace assaporo in quest'ora,
lo strido del Nulla è silente.
Soltanto indirizza la prora
la nave attraverso la mente.

All'amico mare
O mare,
sei immerso nella nebbia,
e gemi con sussurri di morte
e mormori ricordi
di un passato selvaggio
in preda al grigio velo
che s'addensa
su di te
come per l'uomo
le speranze e le promesse
che poi svaniscono.
Chiedi al vento
di liberarti
dal triste mantello,
che possa il sole tornare
a ridere e scherzare
con le tue onde.

O mare,
libero ondeggi
nel sole
in miriadi di perle spumose
vibranti come infiniti
desideri sereni.
Assaporo la tua voce
salmastra e rauca
e mi perdo
sulle tue mobili amache
cullanti sogni e amore.
Mi specchio in te, mare,
in te vedo la mia vita,
baluginante tra bonacce e burrasche
in sofferta attesa
dell'ultima pace.

Nenia
La vita sonnecchia,
s'appressa il momento.
Dimentica il male,
dimentica il bene;
è tutto finito,
o sta per finire;
il sole scompare,
non brontola il mare;
svanito il dolore,
non palpita il cuore;
non c'è più speranza,
si chiudono gli occhi;
riposa, bambino;
riposa, vecchietto;
per sempre starai
nel tuo freddo letto

13 Maggio
Diventasti mamma
una sera di maggio,
mentre fuori pioveva a dirotto
e tutto era avvolto dal buio.
Ma una luce radiosa
rischiarava il tuo viso,
e il tuo dolce sorriso
donava pace e gioia.
Era nata il frutto
del nostro amore.

6 aprile 2009

Lasciatemi piangere
senza lacrime
la mia gente d'Abruzzo.
Sasso su sasso
pietra su pietra
si edifica la torre
del dolore e del pianto.
Svetterà tra le nuvole
alla ricerca del cielo
fin quando sarà ridotta
a pulviscolo
spazzato via
dal Vento che tutto comanda
nel ricordo del Tempo.

Il fuoco dell'amore
D'amor non ho mai parlato,
d'amor non ho mai cantato,
o della vita dolce mia compagna,
ma ogni sentimento mio
s'appoggia al tuo sorriso.
Da quando ti sfiorai la mano,
invaso sono stato dal fuoco dell'amore,
fiaccola silenziosa sempre accesa,
che illumina la nostra via,
che riscalda la nostra vita.
è luce del presente,
è speranza del futuro.

D'amor non ho mai parlato,
d'amor non ho mai cantato,
ma s'accresce la mia riconoscenza:
mi hai dato il soave frutto,
che rinsalda la nostra unione,
che allieta le nostre ore.

D'amor non ho mai parlato,
d'amor non ho mai cantato,
ma non so cosa avrei fatto
senza di te, dolce amor mio.
L'amore sfavilla nascosto
nel focolare dei nostri cuori,
alimenta il nostro affetto,
scaccia le ombre tristi,
brucia le incomprensioni.

D'amor non ho mai parlato,
d'amor non ho mai cantato…

Tra i pioppi

Tra i pioppi argentei
raccogliesti bianchi fiori di campo
delicati come il tuo viso.
Eri felice.
Anch'io.
Insieme salimmo
sull'argine, abbracciati.
Insieme varchiamo
il mare della vita.

Dolce ricordo
Il profumo del bosco
dipinge di verde
il ricordo
di quel pomeriggio assolato.

E mi parli nel cuore.

Lacrime bianche
Stamani il cielo
triste e imbronciato
piange lacrime bianche
che come tenere
farfalle
si posano ovunque;
vagano lievi
al soffio del vento
che le disperde
tra gli alberi
intirizziti
e sui marciapiedi
grigiverdastri
sciogliendosi poi
in rapida agonia.

Sto rastrellando
Sto rastrellando le mie speranze,
sterpi secchi,
nel giardino delle illusioni.
Ogni stagione sbocciano fiori
profumati e allettanti,
ma presto avvizziscono
bruciati dal sole della realtà
e calpestati dai piedi indifferenti
del caso.

Son tornato a Vacri
paese mio natio,
disteso
tra cielo, mare e monti
sull'erta fertile collina.
Ho rivisto la Maiella
e più in là il Gran Sasso,
madre e padre
della gente d'Abruzzo.
Dall'alto ho ammirato
laggiù l'Adriatico, striscia
tremolante di sogni
e desideri.
E le verdi colline
di vigneti e d'ulivi
e le valli adagiate
del Dendalo e del Foro
mi sorridevano
come un tempo
immutato nella memoria.
In quel paesaggio intriso
d'affetto,
pregno di vita e d'amore,
aprii gli occhi e scoprii il mondo.

Parla il mare con il sole,
muovendo calmo
il corpo caldo
ed a tratti quasi canta
al suo fulgore.
Ora tace al passaggio
di nuvole screziate
ed ascolta gioioso le grida
dei fanciulli che s'immergono
tra le sue fresche onde.
Ecco sembra chieder
pace, lui, di tempeste
artefice tremendo.
Freme placido
alla luce che s'arroventa
dilatando le passioni
dei cuori invisibili.

Notte e giorno
La notte
è la culla del dolore
che ti riporta bambino
nel ciclo del nulla,
evanescente come diafano
giorno.
Piangi al pianto
delle ansie ignote,
mentre le tenebre
nere t'avvolgono.
Ti rifugi nel dolore,
scrigno di vita,
barlume d'esistenza.
Sorridi al sorriso
d'amore e d'affetto
e il dolore svanisce
con la sua notte
e il giorno brilla
con il suo sole.

Distendo le mani
Pioggerellina di marzo,
mi fai tornare lontano
nel tempo amato
quando bambino correvo
a braccia aperte
tra le tue fresche carezze.
Ora non posso,
mi prenderebbero per pazzo.
M'accontento d'ammirarti,
mentre scendi dalle nuvole basse
illuminata dal sole.
S'imperlano i capelli.
Distendo le mani
a ricevere i tuoi baci.

Ascolto
Ascolto la tua voce
mentre il tempo tace,
ascolto il tuo cuore
che batte d'amore,
ascolto il silenzio
assorto tra noi.
Sguardi di luce
illuminano la sera
che accarezza dolce
le nostre mani.
E le foglie vibrano
di sorrisi
in attesa
della notte placida.

La serie dei se
Se comincia
la serie dei se,
la vita diventa
un deltaplano senza pilota
con le ali lacerate
dal vento e dalle rocce
dei monti solenni,
immobili certezze,
senza futuro
senza vita
scabri e taglienti.

Se comincia
la serie dei se,
allora è meglio
fermare i ricordi
impietosi del rimpianto
e della nostalgia
d'un tempo felice.

Tutta la vita
è un se,
l'unica certezza
è in fondo al futuro,
possibile, incognito, inevitabile.

Ho una pena nascosta
Ho una pena nascosta
del tempo che scorre
come placido fiume
che mai s'arresta.
I giorni hanno eroso
gioie e tristezze
come fiume tenace
le sue sponde vitali.
Ora pare che il tempo
si fermi sospeso
in attesa del nulla,
come fiume melmoso
giunto alla foce.

Nuvole e pensieri
Bianche montagne avanzano
nel glauco cielo
trafitto da rosee spruzzate
di luce,
si addossano amiche
le une alle altre,
si sormontano a gara
mostrando orgogliose
i crespi cocuzzoli
e i fianchi materni
sotto l'incessante soffio
dell'astuto vento
che le scompiglia
e le fa diventare baie
tra squarci di mare celeste.
I gabbiani vi penetrano
e si perdono
come i miei pensieri
vagabondi
tra le nuvole della mia mente.

Chiazze di giallo colza
Chiazze di giallo colza
sorridono nei prati
sotto il terso cielo
azzurro vivo d'ottobre.
Rallegrano i radi alberi
e i neri uccelli di passo
che planano lenti
a trovar ristoro.
E gli occhi miei
riposano
al loro vivido colore
e di calma pace
si colma
l'animo inquieto
di luce assetato.

Il tuono
Il tuono calpesta
con zoccoli cupi
le grigie praterie del cielo
mosse dal vento.
Con rotto brontolio
s'allontana galoppando
verso l'orizzonte
verso la striscia
di luce rosata
che inghirlanda
il nero vestito
delle nuvole pregne.
Infine s'acqueta,
e scroscia la pioggia
ristoratrice
madre amorosa
degli esseri tutti.

Tutto finisce
Non credo più alle Stelle
né ai richiami del Nulla,
il Giorno m'attira
nel suo regno di luce;
fugge la Notte vestita
d'oblio e di gemiti fiochi
verso l'estremo
rosso orizzonte
del Cosmo infinito.
Non vedo più le Stelle,
gli occhi sono spenti.
Torna la Notte
vestita di Nulla,
brucia il Giorno
nel mattino dorato,
cattura la mente
sbigottita,
dilania il cuore
interdetto.
Finisce
-è certo-
tutto finisce;
nella luce o nel buio?

Il temporale
Il temporale arrivò
all'improvviso
carico di vento e pioggia.
Ci rifugiammo correndo sotto la tettoia
della fattoria dei cavalli.
Schioccavano i tuoni
e i cavalli nitrivano.
Avevi paura del bagliore dei lampi.
Ci abbracciammo.
Finì ben presto
con gli alberi spogliati
di foglie e rami
sparpagliati ovunque.
Sulla stradina sterrata
misi i piedi in una nera pozzanghera.
Ridemmo.
Poi, tu coi capelli bagnati,
io anche con le scarpe inzaccherate,
tornammo felici a casa.

Speranza
Quando hai bisogno d'amore,
invoca il suo nome.
I giorni rallenteranno la corsa
sotto lo sguardo immobile
dell'impassibile Tempo
e troverai conforto
nell'infinitesimo pulviscolo cosmico.

Prima della notte
Le montagne adagiate
si distendono
nel letto celeste carminio
della sera silente.
Profuma il cielo
di luce cosmica.
Sale dalla terra
il fruscio degli alberi
che cullano i nidi,
sale dalle case stanche
l'effluvio caldo d'amore
insieme col dolce vento.
Dona la sera pace e riposo
agli esseri tutti.
Anche le pietre
chiudono gli occhi,
felici di sognare.

Via delle acacie
Le acacie profumano
la nostra via
come tu la mia vita.
Mi punsi un giorno
cogliendo un rametto
di fiori bianchi per te.
Tra le spine in agguato
c'era l'amore
che mi punge ancora.

Sono solo questa sera
serena, ma non vedo stelle.
Ascolto la voce del mare
ed il suo fremito dolente.
Ombre m'ammaliano
m'avvolgono
m'annullano
nel velo nero di pace.

Tra i pini
Ti vidi per la prima volta
in un chiaro mattino
camminare tra i pini.
Ci incrociammo sul sentiero
odoroso di resina.
Portavi un libro sotto il braccio.
Mi passasti a fianco seria.
Bastò un rapido sguardo
per colpire il mio cuore.
Il profumo dei pini
mi fa sempre rivivere
quel dolce momento.

Una notte
Ti riaccompagnavo
nella notte fredda e buia.
Nel lungo viale ombre
s'affacciavano dall'alta siepe
e s'udiva soltanto
lo scricchiolio del ghiaccio
sotto i cauti piedi.
Un sordo brontolio del mare,
un soffio affannato della pineta
e di colpo venne giù la neve fitta.
Arrivammo imbiancati.

Paesaggio triste
Le tife
rese giallastre
dall'imminente morte
costeggiano
con i ciuffi piegati,
come a chiedere perdono,
il solitario canale
che lento trascina
le sue acque melmose
attraverso i campi
posseduti
da stoppie grigiastre di mais
ove si posano uccelli affamati.
Strisce di nebbia leggera
formano ponti
filtrati
da pallidi raggi di sole.
Il cielo malato
riflette la sua grigia tristezza
nella foschia cinerina
che tutto avvolge.
E la luce straziata infiochisce.

Vento di Novembre
L'irrequieto vento di Novembre
si porta via
rapace
le foglie secche
come l'avido tempo
infido
i miei giorni stanchi.
Gli alberi mostrano
i loro scheletri
irti al sole malato
come la mia vita
piena di aspre rughe
svela le ossa sfarinate
al cielo rarefatto,
cappa immobile
dell'esistenza.

Si sgretola
sotto il ticchettio selvaggio
della realtà
il friabile monte d'argilla
delle illusioni
delle ipotesi
delle incognite
delle certezze.
Nulla rimane
se non qualche brullo cespuglio
di "se potessi",
di "se avessi potuto",
che vanamente
si abbarbica
all'amara riarsa terra
delle delusioni.

Il divenire
dell'immobilità
scarnifica
i momenti inesausti
della mia disorientata
vigile coscienza.
Intanto mi lascio
cullare
dai vecchi giorni
mormoranti nenie
malinconiche
come lenti flutti
nell'ampio mare.
Dondolo, dondolo
nel tempo che arretra
nel tempo che avanza
mentre danzo
come pietra
rotolante
immobile
nella fissità
dell'eterno divenire.

Destino
Dove andate,
neri viandanti del cielo,
nell'aria tersa
di fine ottobre
ora che le rondini
non ci sono più?
A frotte sugli alberi
vi riposate tra le foglie
dai mille colori,
e poi ripartite
attratti da un lontano
e perenne richiamo.
Dove andate? Nel paese
della pace
dell'amore
della vita?
Vorrei con voi
venire trasportato
da ali robuste
e da vento amico,
ma non m'è concesso.
L'uomo è nato per soffrire
e qualche volta gioire.
Volate, volate
verso il vostro destino
sotto le nuvole dorate
di fine ottobre.
Io resto qui col mio.

Lungo la laguna
Gustavamo l'odore salmastro
della laguna picchiettata
dalla pioggia insistente.
Stretti camminavamo sfidando
le raffiche di vento
che piegavano l'ombrello.
Le canne fischiando plaudivano
al nostro passaggio
e i pioppi dondolando le alte cime
sussurravano frasi d'amore mai dette.

Pioggia di fine estate
Leggera
tutta la notte
e tutto il giorno
l'eterna madre
ha versato sulla terra assetata
il nettare della vita.

La pioggia irrora
la mia malinconia
riarsa dalle vampe
della fulgente estate
che ora va via.
Il suo scroscio quieto
allontana
l'urlo della carne e della passione,
il fruscio dolce
delle sue fresche gocce
assopisce
lo strepitio dei desideri
e le sue mani materne
accarezzano
il mio animo inquieto.

Dal giornalaio
Sfogliavi riviste, indifferente,
ma di sottecchi mi guardavi.
Io facevo altrettanto.
Ci parlavamo senza aprire bocca
il linguaggio muto dell'amore.
Uscendo quasi incespicavi.

L'accendino
Viaggiavamo
seduti a fianco
sui sedili stretti
del piccolo colorato bus.
Giunti sul ponte di barche
ondeggiante lieve
sulle acque del perenne fiume,
con aria sbarazzina mi dicesti:
- Fumi? - e tirasti fuori
il tuo regalo per il mio compleanno,
l'accendino.
E così mi accendesti per te
per sempre.
Io più non fumo sigarette,
ma il tuo respiro, sì.

T'amo
Il profumo d'un tempo
e l'aroma della siepe
del lungo viale
ai raggi del sole cadente
mi inebriano
come quando mi dicesti:
- T'amo -

Mentre si fa sera
Scabro sentiero
scende tortuoso
verso l'abisso.
Spinosi cespugli,
selci taglienti
e serpi striscianti
aridi bevono
il sole d'agosto.
T'insegue la vita,
mentre si fa sera,
e la luce svanisce.

La bicicletta rubata
Pedalavi capelli al vento
sotto il sole di maggio.
Mi venivi a trovare in bicicletta.
Un pomeriggio te la rubarono.
Nemesi! Tu mi avevi
rubato il cuore.

Poi il cielo si tinse d'oro
L'alba mi sorprese
sul treno che correva
verso di te
lungo l'Adriatico.
Mi sembrò di vedere
il tuo sorriso sulle onde
e di udire il tuo nome.
Poi il cielo si tinse d'oro.

Ritorno
è tornata la rondine
dalle ali falcate.
Sta ricostruendo il nido
sotto il portico
vicino allo sportello
del bancomat.
Non le interessano
i marchingegni elettronici,
né tanto meno il denaro.
Ha scelto bene:
il nido è sempre
in fresca ombra
e i piccoli non soffriranno
la vampa della rovente estate.
Tra non molto
cinque bocche affamate
strilleranno disperate
ai continui voli
dell'operosa madre.
La gente passa,
guarda in alto
e sorride.

Notte giovane
Rapito dal silenzio
vagavo tra le stelle
nella notte bruna.
Dormiva il paese
disteso sul colle,
le fioche luci
proiettavano sogni
sullo schermo del cielo.
Sognavo giovane
affacciato alla finestra
al fresco respiro
della brezza notturna
il mio futuro
nel silenzio luminoso
delle stelle lontane
e della confidente luna.  

Frammenti di poesie
Frammenti di poesie,
frammenti di me…

[…] La bianca luce dell'alba,
spada luminosa,
trafigge il nero mantello
della notte tenebrosa. […]

[…] Le nuvole,
tenere fanciulle,
abbracciate danzano
ai primi raggi del sole. […]

[…] Il pensiero,
scomodo compagno
dei giorni solitari,
fruga
con le sue dita scabre
nella borsa dei ricordi. […]

Frammenti di poesie,
rami rimasti sospesi
sull'albero della mente
distratta dai fatti quotidiani,
in attesa che il cuore
li maturasse come frutti.
Frammenti d'emozioni
rapide e improvvise
che balenano per un attimo
e si sperdono nell'aria
di ogni monotono giorno.
Frammenti di vita interiore,
foglie ancora fresche e profumate
sparse nel bosco dei sentimenti.

Ogni tanto mi piace
raccogliere nel silenzio
frammenti di poesie,
pezzi di me sparpagliati
nell'angolo segreto
dell'anima mia.  

Visione
Fa freddo. La neve imbianca
indolente colli e valli.
E tu sei lontana

Ti vedo al sole caldo
sorridente sotto l'ombra
d'un fresco pino.
E tu sei lontana

Lento il ticchettio
segna l'ora che lenta
passa nell'attonito silenzio.
E tu sei vicina

Mi porti un po' di sole
che indora la malinconia
di questa ora lenta,
e la neve si fa bella
col suo manto di diamanti.
E tu sei vicina  

Eppure oggi…
Oggi son contento.
Non è il giorno adatto
per scrivere poesie.
Quando son contento,
non scrivo poesie.
Eppure oggi…
Il cielo è chiaro e luminoso
come gli occhi di un bambino,
l'aria è tersa e cristallina
come il riso di una bambina,
il mare mormora ipnotico
la sua nenia cantilenante
come il canto della mamma
per il vispo pargoletto,
carezza il vento dolcemente
fiori e piante, siepi ed erbe
come l'innamorato i capelli
dell'amata sua bella,
gli uccelli non son più soli,
volano insieme ai loro nidi
come i bimbi dopo la scuola
corrono lieti a casa loro,
ed il sole scalda tutti
con il suo sorriso caldo
come un padre che accoglie
tra le braccia i suoi figli.

Tramonto autunnale
I pensieri vanno e vengono
come nuvole gonfie e nere
nel cielo pallido e grigiastro
di questo giorno dicembrino.
Raggi di luce rosa
saettano come strali,
e vibranti salutano
i monti austeri
e l'amico mare.
Il sole sembra divertirsi:
si nasconde dietro una vermiglia
nube carica di pioggia.
I pensieri vanno e vengono
con il vento di libeccio
che s'aggira virulento
tra le siepi e le piante;
schizza gocce irrequiete
d'acqua tiepida
su terrazze, finestre e strade.
I pensieri vanno e vengono
tra i celesti lontani squarci
che combattono con le nuvole
e si beano di rosea luce.
La sera scende a poco a poco
tra bagliori che si spengono
ed ombre che s'accendono.
I pensieri vanno e vengono
nella solitudine mia serena,
nella pace della mia sera.

Mattino d'ottobre
Un gabbiano solitario
dall'alto della briccola
solenne contempla
la placida laguna
e lontana la corona
dei casoni antichi.
Le onde mormoranti
s'infrangono lievi
fra le canne fruscianti
al volo degli uccelli,
e su, nel cielo limpido,
leggere nuvolette
biancovestite
occhieggiano al sole
che si specchia gioioso
sulla palpitante acqua
cinerina
ed apre e scalda
i gialli azzurri bianchi fiori
e la tenace malva violetta
sull'argine scosceso ridenti.
L'audace vento tace;
nascosto tra i pruni,
aspetta la sua ora.

Alle foglie
O foglie belle,
care sorelle,
simbolo della vita
che si rinnova,
vestito fresco e aulente
degli alberi tutti,
come mi rattrista
vedervi distaccare
dai nodosi rami
ad una ad una
e finire, con i vostri
caldi colori,
sulla nuda terra
abbandonate, calpestate,
scagliate lontano
da soffi di vento,
un tempo amico.
Ma tornerete,
e questo mi consola,
care sorelle,
più forti, più verdi, più vive
a rivestire con il vostro splendore
i rami ferrigni
degli alberi spogli.
Risorgerete a nuova vita,
e ancor più accoglierete
i vostri amici alati
ed allieterete gli occhi
di bimbi e vecchi.
E invece,
che sarà di me?
Anch'io un giorno
me ne andrò
non so dove,
ma per sempre.

Viaggi
Son tornati i gabbiani
dai loro lunghi voli,
dai loro misteriosi viaggi.
Ed ora popolano il cielo,
bianchi tra le felici nuvole diradate,
alla ricerca di cibo e d'amore.

Anch'io son tornato
dal faticoso viaggio
della mia breve esistenza,
e volo con le ali stanche
alla ricerca del cibo dell'anima: l'amore.
Quell'amore che mi fa salire
al di là delle tristi nubi sfilacciate,
dove c'è solo pace,
più vicino al sole,
a godere della luce e del calore.

Gli alberi
Sono entrato nel bosco.
Solo si sente il respiro
fraterno degli alberi taciti.
Il profumo di verde rinfranca
il cuore battuto da mille tristezze.
Qualche rapido volo d'uccello
rompe il silenzio, qualche
grido improvviso fa trasalire
gli operosi insetti nascosti
sotto il soffice manto di foglie.
Colori soffusi, riposano gli occhi.
S'inebria la mente, il cuore si apre.
Si leva il fruscio, echeggia il mistero.
Si abbracciano gli alberi con i rami
frondosi e le chiome fluenti.

Vorrei essere un albero
come loro: paziente e capace
di soffrire nella brutta stagione,
ospitale e generoso nell'accogliere nidi,
forte e tenace nel fronteggiare le tempeste,
austero, ma affettuoso come un fratello
che ti conforta tra le sue braccia,
utile nell'offrire sicuro rifugio
ad uomini ed animali,
nel donare cibo a tutti.
Vorrei essere un albero
umile per diventare alla fine
tavola per la mensa e legna da ardere,
cenere calda per il povero,
e non putrida polvere
che vana vola via.

Se ricordo
Se ricordo
distese marine azzurre
selvaggio sole sulle dune
fresche sere profumate
trepide aurore mattutine
è bello riassaporare
quei momenti di serena pace.

Se ricordo
il sorriso tuo splendente
i capelli sbarazzini al vento
è bello ridestare
il calore dell'amore
quando mano nella mano
si sognava l'avvenire.

Se ricordo
il primo vagito
frutto del nostro amore
è più bello rivivere
quei momenti di felicità.

è bello ricordare
senza vivere di ricordi.
è bello ricordare
per dare slancio alla vita.
è bello stare insieme a te.

La bianca signora
La neve è arrivata silenziosa
stanotte e, artista senza tempo,
ha dipinto tetti alberi siepi strade
di bianchi cristalli che brilleranno
ai raggi del primo sole. Ora scende
bianca dal cielo grigio chiaro
che incupisce verso l'orizzonte.
Danza con i suoi fiocchi,
bianche farfalle della mia infanzia,
col vento che volentieri l'accompagna
a passo di valzer su davanzali e terrazze
a spruzzare di bianco il verde dei fiori,
che l'attendono timorosi, a capo chino.
Il suo vestito ampio e arioso
dalle infinite tonalità di bianco
copre la spiaggia e si scioglie
tra le onde fredde e biancastre del mare
che la chiama rauco con voce d'amore.
Volano rapidi e taciti tra i fiocchi vaganti
bianchi gabbiani e merli neri.
Il silenzio è attraversato da qualche
grido felice di bimbo. Un cane abbaia festoso.
E la neve, bianca ed elegante signora,
continua a spargere con la sua bianca mano
bianche farfalle volanti sulla città
raccolta in se stessa e quasi in pace.

Come una breve gioia
Come una breve gioia
la calda Estate se ne va.
Non ci sarà più il sole
che brucia gli umidi sospiri di tristezza,
e le lunghe notti
scorreranno lente
in compagnia del gelido vento.
Anche gli alberi, come me,
diventeranno tristi
e piangeranno foglie,
tante leggere figlie,
che strappate dalle loro braccia
volteggeranno rapide verso la morte.
E il cielo spesso sarà cupo
di nuvole grigie,
mantello nerastro
dei cuori solitari.
E la nebbia scenderà
ad avvolgermi col suo bianco
velo misterioso.
Chi mi toglierà la pena dal cuore?
Torna, Estate, a riscaldarmi
col tuo luminoso abbraccio;
torna, Estate, a rasserenarmi
con la tua ardente luce.

Tornano le rondini
Tornano le rondini
nere saette del cielo
a sfiorare terrazze
a baciare erbe e fiori
con rapidi voli radenti.
Torna la gioia del vivere
con i caldi impulsi di Marzo.
Ora i gabbiani volano alto lenti
verso le bianche nuvole vaganti,
e i merli cantano
sulle nuove siepi
melodie d'amore;
brillano i becchi d'oro,
mentre s'accapigliano i passeri
con guizzi festosi.
Ora ha un altro suono il mare.
Sussurra mormorando nenie
ipnotiche con dolci sospiri.
Ora hanno un altro profumo i pini,
hanno un altro fruscio le foglie fresche
degli alberi lungo le rive del fiume.
Sensazioni lontane sopite si svegliano,
mi portano indietro nel tempo,
quando il cuore era più giovane
quando costruivo la mia vita
quando cedetti felice
al sorriso della mia donna.

Sereno
Non una nuvola
questa mattina
nella coppa cristallina
del cielo.
Il sole vi disegna
fili d'oro e d'argento impastando
sullo sfondo l'azzurro e il turchese,
il violetto e il rosa.
Lo sguardo si spinge lontano
alla cerchia dei monti,
bianca corolla dell'orizzonte,
stagliata in una luce perlacea,
mentre ascolto i fremiti
del vicino mare danzante
spumoso e flessuoso
su infiniti raggi adamantini.
Nella coppa s'immergono
solo gli abitanti del cielo
e dell'aria: gabbiani, su in alto,
verso l'azzurro; gazze chiassose,
tortore e colombi tubanti più in basso.
E tutti bevono il nettare di luce.

Gatti innamorati
Miagolano i gatti
amore al vento
sotto gli alberi e sulle terrazze.
Una musica straziante e lamentosa
si diffonde nell'aria
luminosa e fredda di Febbraio.
Non abbaiano i cani
quasi spauriti
dai pianti amorosi
degli ancestrali nemici,
e sono in ascolto
meno nervosi e più mansueti,
anche se passa uno sconosciuto.
Intanto indaffarata prosegue
la vita dell'uomo:
rumori di macchine,
canzoni alla radio,
un bambino che piange,
porte che sbattono.

Ora tacciono i gatti innamorati.
Al crepuscolo si risveglierà
l'istinto primordiale della vita
e i lamenti si faranno più alti.
Sarà la notte pietosa
a chiudere il loro concerto.

Torna il sereno
Il sole sbuca sfolgorante
da un ammasso di nuvole nere
e squarcia con la sua spada
d'oro il cinereo velo
del triste cielo.
Fremono gli alberi
al tocco dei caldi raggi,
palpitano le gole
degli uccelli canori,
si rischiara la valle
dai monti innevati
all'antico mare,
che sussulta lieve,
onda su onda,
lanciando lapislazzuli
al suo perenne amico.
Torna il sereno
anche nel mio animo:
una dolce armonia,
lontana lontana,
mi culla,
la pace mi porta.

La barriera del Tempo
La grande barriera del Tempo
blocca i mutevoli desideri dell'uomo,
vaganti come uccelli impazziti dalle ali variopinte
alla ricerca di luce e di cieli azzurri.
Impenetrabile avanza nello spazio
della vita respingendo tutti gli attacchi volanti
di amori perduti tra luci ed ombre,
lungo il corso dei fiumi e sotto il sorriso delle stelle;
di gioie troppo brevi inseguite da lunghe tristezze;
di serenità implorata con preghiere e con pianti;
di pace dell'anima, senza dolori;
di pace nel mondo, senza guerre;
di giustizia anche per gli umili;
di ricchezze da offrire a tutti.
E gli innumerevoli desideri rimbalzano all'indietro
e tornano sconfitti nel buio dei cuori.
Alla fine un solo desiderio agita l'uomo,
come un uccello dalle ali stanche
che vola nel crepuscolo della sera imminente:
morire illuminato dall'aurata luce
del sole vermiglio che si nasconde dietro i monti.
Ma anche questo la barriera respinge e rende vano:
non è permesso all'uomo di desiderare senza soffrire,
mai.   

Attesa
I gabbiani aspettano.
Sono in fila sul muricciolo della terrazza
del palazzo di fronte.
Ogni tanto muovono la testa,
alzano un'ala,
si lisciano le piume col becco.
Uno, bianco con le ali grigio perla,
spicca un volo di ricognizione.
Perlustra il giardino del mio condominio
volteggiando con giri lenti e silenziosi.
Un altro guarda il compagno vicino, pensieroso,
quasi a volergli porre la domanda: - Ma non è ora? -
Aspettano, pazienti,
che la signora del terzo piano
cominci a buttare loro
pezzetti di pane
sull'erba del giardino.
Allora li vedi scattare in picchiata,
becco proteso e ali strette.
Afferrano rapidi il dono
e volano via ad ali aperte,
maestosi,
verso il mare mormorante,
verso le nuvole adagiate nel cielo,
verso la luce infinita.

E io, uomo, so attendere paziente
il passaggio del tempo?
So accettare grato e gioioso
i doni che la vita mi offre?

Oggi il cielo
Oggi il cielo ha indossato
l’abito grigio delle cerimonie
noiose.
Nasconde la cravatta celeste
sotto una sciarpa scura e ruvida.
Senza sorriso
ti guarda minaccioso,
e, quasi a beffeggiarti,
comincia a spruzzare
gocce fredde di pioggia
dalla fitta nuvolaglia
che lo copre come un nero
mantello untuoso e vecchio.
Non gridi dai nidi,
non volano uccelli;
solo qualche ombrello
frettoloso e sbilenco
si muove rasente le siepi
d’alloro e di bosso.
Vetri appannati
celano ombre
dietro l’opaco riflesso
della luce biancastra.
Una raffica di vento
impietosa denuda
i rami degli olmi;
si piegano i pini
gemendo.
è tempo di neve.

Richiamo
Che cos'è che mi turba?
Forse l'angosciosa
morte
dal tenue richiamo
e dal flebile soffio
che il tremulo lume
spegne
della vana vita
immersa nel mutevole fumo
delle diafane illusioni
finite nel Nulla,
culla dei sogni e delle speranze
che non dondola più?        

Alla Sera
Sera,
tutti ti lodano.
Io no.
Spegni
la luce e la gioia
porti via, apri
furtiva la porta
all’odiosa notte
che tremula balbetta
la fine dell’uomo,
avvolgendolo
col suo nero mantello,
per nascondergli
le trepidanti
stelle e le galassie
lontane.
Sera,
tutti ti amano.
Io no.
Sei
l’ancella della morte,
del dolore sorella,
inganno del tempo
che se stesso consuma
nell’oziosa notte.

Alla mia donna
Il tuo acidulo sudore
risveglia
sopite passioni
di sconfinati mari
e tempestose onde,
di placidi monti innevati,
di aulenti boschi freschi.
Il tuo sorriso, biondo sole
tra le nuvole di perla,
placa l’esile
perenne inquietudine
che permea la mente
e il cuore ancora vergine
di chi  eterna vita
vorrebbe
e spazio infinito.
Nei tuoi chiari occhi
scopro
isole verdi tra mare
e cielo,
dolce rifugio
alle tempeste furiose
della mia vita che disillusa
attende
l’ultimo richiamo.
-Da La nostra storia-

Umanità
Umanità sofferente
che piangi
che ridi
che vivi
urlando, tacendo
nel dolore, fiore
divino sbocciato
nel buio della vita.

Umanità baluginante
che passi
scappando, gemendo
col tempo impassibile
invano lottando.

Umanità indigente
di pace desiderosa
ansiosa d’amore
che nella rete t’avviluppi
della tristezza
lontano dal Cielo,
ove brilla il sole,
prostrata in terra,
ove cresce quel fiore.

Umanità languente,
conosci un solo
fiore, spento,
che profuma di pianto.

La mia donna
La vidi nella luce
del sole:
il sorriso
squarcio nell’anima
aperta alla speranza;
i capelli
ribelli sul volto,
spazi di cielo
aperti all’amore.
Io la vidi
e fu la gioia;
nei sogni
mi apparve
occhi puri nel sole;
anche nella notte
ora
illumina la mia via.
Foglia assetata
la mia forza è in lei,
rugiada.
Desiderio eterno
sempre nuovo,
fuoco vivo
mi spinge nella sua luce.
Con lei vivrò.

Non voglio più ragionare
Da un po’ di tempo
i sentimenti
mi partono dal cervello
logori e sbiaditi.
Ma dove è andato a finire
il mio cuore?
Quel cuore
che palpitava fremeva
soffriva gioiva.
Bastava un dolce sguardo
e rapido balzava,
un caldo sorriso
e sereno si slanciava
nell’azzurro del cielo.

Il cervello calcolatore,
spia del dolore,
ha preso il sopravvento.
Pensieri dilanianti
polverosi ricordi
viaggiano instancabili
monotoni e ligi,
incalzati dall’implacabile
e avido tempo,
che ingoia le affannate
ore dell’uomo,
tra dubbi inestricabili
sul bene e sul male,
sulla morte e sulla vita.

E’ la saggia esperienza
- dice il cervello -
E’ l’arida mancanza d’amore
- dice il cuore -

Non voglio più ragionare,
voglio soltanto amare.

Chi sa
Chi sa
cosa ricorderò
prima di morire,
nell'attimo dell'agonia:
ombre o luci
della mia vita sospesa
ad un filo invisibile
ondulante nel vuoto?
Chi sa...

Minuetto
Che cos'ho?
Non lo so.
Mi pervade
un'ignota pena.
Sono immerso
in grigia rena
sbriciolata
d'ovattati sentimenti,
da parvenza ingannati
di reale inesistenza.

Danza malinconia
nell'aperto spazio,
mentre il sole caldo ascende
indifferente
sui pensieri in balia
del perché così sia.

Il sussurro delle fresche
foglie batte il tempo
suadente, liberando
la mia mente
finalmente
dal grigiore arrugginito
di questa vita sempre
più desiderata, sempre
più amata.

Che cos'ho?
Non lo so.
Mi pervade
un'ignota gioia:
della vita non ho
più noia e di slancio
rido, e amo
della vita il ricamo.

Il treno della vita
Veloce corre il treno
nella bruma ovattata
dal sole filtrata.
La pianura è assopita.
Sognano gli alberi cullati
dal ritmo sonnolento
del treno che fugge via.
Cavalli e casolari
ascoltano trasognati
sonnambuli incalzati
dalla nenia persistente.
Il treno va sobbalzando,
sferragliando passa il ponte
della nostra assordante
bella vita estenuante
che mai riposa, mai si ferma,
sempre avanti, sempre sempre,
fino a quando? fino a quando?

E un altro giorno...
Il pensiero della morte
ai risvegli invernali
dipinge pieghe
sottili d’angoscia.
I tetti bianchi di brina
e il gelido vento
che sibila ostinato
via si portano poi
la tela ricamata
degli ignoti richiami.
E un altro giorno
si apre.

Il mio fiume
Ora iniziano
una strana danza d’amore
le fuggevoli libellule.
Fiume, fluente
discendi intristito
tra gli alti pioppi
superbi nel loro candore.
Danza d’amore
suoi tuoi gorgoglii
tra i rovi invadenti
il tuo andare perenne.
Lunghe braccia
vive e spinose
irridono le frivole
effimere libellule:
vita fatta di colori.
Tu sdegni i fremiti
d’un attimo solo
e accogli il sole spezzato.

Notturno
O canto della civetta
felice giungi alle mie orecchie
impazzite: fruscii, vuoto
e poi nulla.
La notte inarca la sua gobba;
o canto della civetta,
veloce lingua di fuoco
tu l’attraversi.
Solo
antivedo nella tenebra
il nullo futuro, la vita:
comprendo il fruscio...
le mie orecchie tacciono.
Non più il sordo battere
del cuore sul timpano,
ma aereo strido
realtà raggiunta
nel silenzio oscuro.
O canto della civetta
felice giungi alle mie orecchie
impazzite di gioia.

Sera
Alto è il respiro dei monti,
tra gli alberi riposa la valle;
ancora non dorme il pettirosso.
Tra poco scenderanno le ombre
e profondo sarà il silenzio.

Vita
Più di quanto io stesso pensassi
sono attaccato alla vita.
Impetuosi fuggono i giorni
rare restano le speranze.
I sogni chiudono gli occhi:
rimane aperta una finestra
al tramonto.
Non ancora la nebbia dei sensi
apatica scende a spegnere
il desiderio di vivere:
guizzi di luce talora
illuminano la sera che viene.

Sulla laguna
Scende la sera e la pace mi porta,
pace di sensi sulla laguna:
ineffabile silenzio si rompe
e trascorre sulle erbe,
rauco richiamo di gabbiani
solenni sull’immota acqua.
Lievi farfalle ondeggiano
al vento impaziente.
Lontane le vette respirano
sospirano liete le gemme.
Una vela disegna un arco
bianco.
L’argine è azzurro
di fiori.
I pruni le angosce dipingono
della vita - il vento mai non posa -
groviglio di attese mai vinte.

Lungo l’argine
L’odore del fieno
lontani ricordi riaccende
in questa placida ora.
Frulli d’ali sull’argine
increspata è la laguna.
Lente vanno le barche
lenta una tartana riposa.
Il sole basso filtra
vermiglio fra nuvole nere.
Una subita folata di vento
le tife riarse e l’erbe scompiglia;
ciarlano le tenere canne.
Ecco, fresca e leggera la pioggia
ristora i pruni tenaci
ed anche il mio viso
e l’animo stanco.

Scherzo
(A mia figlia quando aveva due anni e mezzo)

Cattivona, cattivona
dolcemente tu sei buona;
grande piccola padrona,
non far ora la briccona!
Cattivella, cattivella
tu gli occhietti grossi hai
e le guance dilatate!
Le boccacce tu mi fai!
Cattivaccia, cattivaccia
se un sorriso tu non fai
la Befana bella chiamo
con la sua grande bisaccia.
Ed il dito non mi lasci,
è da un'ora che lo stringi.
Dormi, dormi cattivuccia
or non storci la boccuccia.
Sogna, sogna la tua mamma,
sogna pure il tuo papà.
Il respiro tuo ci incanta
ed il nostro cuore canta.

Quando sono con te
Quando sono con te, chi sa perché
agli occhi m’appare un campo di spighe
sussurranti come fresche onde amiche.

Quando sono con te, chi sa perché
il cielo diventa sempre più blu,
simile agli occhi sereni che hai tu.

Quando sono con te, chi sa perché
il vento furioso placa la sua ira,
si ferma dolce e la tua chioma mira.

Quando sono con te, chi sa perché
nuvole grigie non coprono il sole,
contento di scaldare il mio bel fiore.

Quando sono con te, chi sa perché
gli uccelli non fuggono impauriti,
la tua voce ascoltano incuriositi.

Quando sono con te, chi sa perché
le stelle non sono tanto lontane
e le mie parole non sono vane.

Quando sono con te, chi sa perché
non ho paura nemmeno del tuono
se in braccio a te perduto m’abbandono.

Quando sono con te, chi sa perché
il tempo vola, non capisco niente,
beato sono come un incosciente.

Quando sono con te, chi sa perché
sento la voce del cuore che dice:
- Ora sono veramente felice -
-Da La nostra storia-

Sono solo col vento
Il vento
frastorna le antiche pene
nell’ignoto regno dell’inconscio;
a raffiche rabbiose
scaglia l’inquieta sabbia
fin sulle dune verdi.
Fuggono le bianche nuvole
verso il sole giallo,
s’inarcano le onde
ruggendo, rilucendo
di speranze mai dome.
Scricchiola la barca
della mia vita,
tenuta ancora
dall'ancora
dei desideri
che, a uno a uno,
rapidi scompaiono
nel vortice delle incognite;
sibila il vento
spazzando il mare,
la vela spezzando
della mia barca.
Una luce bruna
improvvisa
la costa oscura.
Impazzisce stridendo
la sabbia.
Sono solo col vento
e con l'urlo del mare
senza le tue mani.

E la mente riposa
Inerzia della mente
alla calura
della sabbia che scotta.
Le vele
al vento si aprono
veloci le barche
solcano il mare
da bianche creste screziato.
Voci
dal brusio delle onde
attutite
giungono ipnotiche
da mondi lontani
spinte da soffi flautati
di vento intermittente.
E la mente riposa.

Donna
Chi sa
cosa significa
esser madre.
Partorire
con dolore
e somma gioia.
Vedere il frutto
di se stessa
venire alla luce
urlante d’energia
e di vita affamato.

Donna,
anello della vita,
portatrice della vita,
tenace combatti
e sopporti il dolore,
in silenzio soffri
per amore dei tuoi figli.

Donna!
Dove sarei,
se non ci fossi stata tu?
Dove sarebbero
gli uomini tutti?

Chi sa
cosa significa
esser madre.
Gioia provare
e dolore,
piangere e ridere,
amare e soffrire
e dare conforto,
sicuro rifugio
per l’uomo.

Toccherà
Toccherà anche a me
stare in una stretta bara
a riposare in pace
lungo disteso
con le mani giunte
con gli occhi chiusi
e vedere la luce
dell’oltretomba
e sentire il profumo
della decomposizione.
Fingerò di essere morto
fin quando la carne
la fragile carne
non più mi stringerà;
riderò delle umane miserie
fin quando le ossa
le bianche ossa
brilleranno nella notte
eterna.

Vento
Vento,
portami lontano
al di là delle montagne:
voglio sognare
sopra nuvole
di seta
dolci colline
vermiglie,
voglio bere
il nettare degli dei
avvolto
da cirri fuggevoli,
voglio con te volare
sulle alte vette
e sui profondi mari.
Vento,
accarezzami
anche quel giorno
quando dirai:
vieni.

Tempo
Inesorabile Tempo,
ti porti via insaziabile
la vita mia.
Dispettoso pittore,
ami
colori grigi
e giallastre rughe
da spruzzare impietoso
sui capelli e sul viso.
Impassibile Tempo,
cinico tiranno,
ti diverti
con le mie ansie,
riducendo le mie gioie,
nel vortice dell’infinito.

Desiderio
Vorrei tornare
trent’anni indietro,
assaporare
la vita e avere
l’illusione della giovinezza.
Guardare
con ansia i giorni
che veloci scorrono,
e la sera non avere
pace.
Tremare vorrei
davanti all’ignoto
lontano e del futuro
farmi beffe.
Ma ormai sono qui,
vicino al traguardo
mai sognato,
sempre aborrito.

Primavera
Il sole splendido
nell'azzurro cielo
frantuma il muro
dei ricordi nebbiosi
liberando luminoso
la mente dalle sue tristi ombre.
Torna a pulsare il cuore
con nuova forza,
rinnova caldo il sangue
la sua gioia vitale,
palpitano le vene
desiderose d'amore.
Domina vittoriosa la luce
dalle bianche vette al mare,
e il giorno sorride,
e anche la notte
non è più notte.

Nostalgia
Vorrei tanto, per te soltanto,
rievocare la vaghezza
della fatata età lontana,
quando lieve dai caldi colli
l’odore scendeva del fieno
a inebriare l’anima mia.

Vorrei tanto, con te soltanto,
nel ricordo fremere e gioire,
la pace riassaporando
della valle col suo sentiero
dalle alte fresche erbe ammantato.

Vorrei nuotare in mezzo al fieno
per riscoprire la purezza
dell’instancabile pensiero
che agitava i veloci giorni.

Vorrei… Ma la valle dell’anima
mia è senza sole e inaridita
tra la polvere dei ricordi
e le speranze ormai perdute.

Vorrei soltanto con me averti,
respirare rivolto al sole
ed il dolce vento ascoltare,
e come un tempo poi sognare.

Sfinge
Tu hai il potere di logorare l'anima
e fiaccare lo spirito.
Sei il Tempo distruttore
che ingoia senza posa
ogni essere vivente
come un immenso buco nero?
O sei la Nemesi del fragile uomo
che rosicchi inesorabile
risucchiando nelle fauci
ogni alito della sua vita?
O sei l'Echidna, madre di mostri orripilanti,
che si insinuano nei nostri cuori?
Nascondi la gioia e la pace,
dispensi tristezze e angosce.
Dimmi chi sei.
Forse la colpa, la pena d'esser nati?
Svelati.
Che io possa sfuggire
al tuo disgustoso abbraccio
e sorridere felice al cielo
ai fiori che sbocciano
alle foglie che tremolano
al fiume che lento scorre
agli occhi dolci della mia donna.

Sogno all'alba
Altri cieli, altri mondi.

Sospese
nell'azzurra luce
grandi ninfee verdi
adagiate su laghi cilestrini
ondeggiano lievi.
Cigni bianchi e neri
vi riposano assorti,
e poi spiccano il volo
verso la luce più viva.
Quella luce,
magnete dell'anima,
che folgorante attrae
e allettante invita
all'armonia dei sensi,
alla pace del cuore
in tumulto sempre.

Al Mare
O arcano Mare,
hai cullato i miei sogni
infantili,
quando ti ammiravo,
sospirante gemma verdazzurra,
lontano all'orizzonte
eppure a me vicino,
dall'alto dell'erta collina
a schiena d'asino,
pallida d'ulivi
e verde di viti,
ove le case timide s'abbracciano.
Poi, la buona sorte ha voluto
che a te m'avvicinassi.
Ho sentito e sento
tutti i giorni
i palpiti, i sussurri, i richiami, gli urli
del tuo immenso cuore
che m'accompagnano
nella rapida fissità interminabile
dei giorni rimasti, anelli
rosi dalla ruggine del Tempo,
pendenti rossastri
dalla catena della mia vita.

All'Acqua
Vergine Acqua,
che scendi copiosa
su tetti roventi
su foglie assetate
su strade polverose,
che gorgogli festosa
tra gorgheggi d'uccelli,
che scivoli pura
tra erbe e radici,
che fresca ristori
anime e cuori
delle città deserte
dei paesi assolati
delle spiagge frementi,
trasporta con te il mio corpo
nelle viscere della madre Terra:
voglio tornare polvere minuta
che il caldo vento fa volare
nelle fulgide ore dell'estate,
quando il Sole impone il silenzio
con il suo radioso scettro
di luce.

Sogno
Una pianura interminabile,
giallastra la terra, bruciate le erbe,
fumiga.
Scalpitano,
criniere al vento,
sauri indomabili:
desideri bradi
del chiuso orizzonte
della vita.
Nitriti chiamano,
code saettano,
furibondi nella luce d’ocra
corse scatenano
senza fine
verso l’orizzonte,
chiuso.

Il campo della vita
Da sempre paure
o inquietudini
hanno scavato solchi
dolorosi
nel campo della mia vita.
Terra, pietre, radici
sconvolte dal fatale
vomere
hanno ridotto la mia esistenza
un continuo germogliare
di spine acute,
piccole e multiformi,
che hanno bevuto
gocce di sangue
- atrocità degli attimi
incalzanti -
e che hanno scarnificato
la serenità dell’animo
- ci fosse un cielo, un po’ di sole
lo illuminerebbe -
Ma l’implacabile aratro
guidato da ignota Mano
insensibile prepara il terreno
a nuove semine di paure
e di inquietudini tenaci.
Ed il campo della vita
non conosce fresche erbe,
né fiori variopinti,
ma solo pruni senza foglie,
e la sofferenza, fertile concime,
li alimenta sempre.

L’Indifferenza
Granelli di sabbia,
sospiri d’amore
inariditi
dal sole spietato
dell’Indifferenza,
brillano ammiccanti
al vasto mare
percosso da mani
solcato da barche
stanco dell’uomo.
Un mare senza uccelli,
aggredito
da uomini accaldati
da bambini urlanti
da mamme ansiose.
Piatto e liscio
non mormora, non s’agita,
soffre immobile.
Mare, sei forse il frutto
dell’indifferenza
sotto l’azzurra volta
del Cielo?

Vertigine
La vertigine
del vento
inabissa le angosce
nei cunicoli
della speranza.
Il vento va e viene
- l’accompagnano bagliori
di luce bianca -
e parla suadente
vagabondo
dei vani desideri,
fragili ghirlande
di nuvole in fuga,
da lui donati,
ghignante,
a larghe mani
ai nostri cuori.

In vani dubbi
In vani dubbi
con lento soffrire,
uomo,
consumi te stesso
come un tizzone nella calda cenere.
Grigio
diventa il tuo mondo
inquieto,
disfatto in miriadi
di particelle che roteano
la tua vita
nella razionale volontà
del Caos.
Ai dubbi,
tarli della mente,
assommi le angosce
inesplorate e rigogliose
della foresta cinerea
che sovrasta la Terra
abbandonata della gioia,
scacciata anch’essa
dalla Forza invisibile
e grigia che tutto
inghiotte.

Tristezza
Tristezza,
gioia negata,
che a me t'avviluppi,
lasciami per una volta.
Fuggi le ansie,
le bianche tenebre,
che dipingono le mie sere.
Non bussare
al martellato mio cuore,
alla convulsa mia mente.
Vattene per una volta!
Non ghignare soddisfatta,
mentre giri il trapano
dei dubbi ricorrenti
sulla vita, sulla morte,
sul tutto, sul nulla.

Gioia
Gioia,
tristezza obliata,
danza con me
nel vento furente
della passione.
Librami in alto,
ch'io voli felice
verso le tremule stelle -
sogni desideri speranze -
Ingoiami,
ch'io penetrare possa
nel tuo mondo fluttuante,
dove sempre in agguato
infastidite
vigilano le angosce.
Gioia,
specchio della tristezza
senza affanno,
rifletti questo volto
anestetizzato
da sfuggenti sorrisi
casuali.

A mia madre
Te ne sei andata
così come sei venuta
umile e silenziosa.
Ti sei spenta
piano piano
soffrendo e amando.
Ma le tue mani
stringono il mio cuore,
i tuoi occhi
mi guardano ancora.
Sei vigile madre
come sempre, e il tuo ultimo
sorriso lenisce le pene.
Il tuo corpo
è stato il tempio
del dolore donato
al mondo tutto,
ma la nera signora
che il filo spezza della grande illusione
ottusamente ha atteso
di portarti via
con spietata indifferenza.

Madre, ti ringrazio.
Accetto, madre,
grato il tuo ultimo dono:
mi hai liberato
dalla paura della morte.

E vanno i giorni...
Il verde prato
sull'alto monte della speranza
gela.
L'aspro dolore
tra quotidiani spinosi pruni
striscia.
La lunga notte
della solitudine compagna
tace.

Non alza la vela
la barca della mia vita,
vino non mi mesce
il Coppiere della vita,
non trovo pace
in questa convulsa vita.
C'è solo il dolore senza speranza
che balla lento questa triste danza:

e vanno i giorni
e gli anni vanno
come muti pellegrini
tutti in fila a testa china
strascicando i gonfi piedi
sulla via che mai finisce.

Paesaggio invernale
Tacito un passero vola,
su un ramo spoglio si posa.
Neve ovunque soffusa,
alberi dal freddo
scheletriti.
Silenzio intorno.

Sotterra pulsa la vita.

Neve
Cade la neve.
Fiocchi su fiocchi
su tetti, su pini,
su siepi, su strade.
Li aggroviglia il vento
impaziente li ammassa,
li sparge nervoso.
Non un passero pigola,
non un merlo saltella.
Solo si sente il fischio
del vento; solo si vede
neve che cade.
Scende il buio.
Bagliori vermigli
s’innalzano in cielo,
assistono i lampioni
allucinati all’urlio
dei bianchi cristalli
in cerca di pace.
Tace il vento,
respirano i comignoli.
Cade la neve.
Fiocchi su fiocchi
si posano, si posano
nel lento silenzio
delle vie deserte.

La valle del desiderio
Scotimento dei sensi innalzati
in opache luci di desiderio:
altissima nebbia irridente
lo stridulo mondo velato
d’amore fugace, patina
dai mille colori accecanti.
Indecifrabile oscura passione,
aggrappati all'informe nebbia
e penetra, acqua grumosa,
nella valle irta di scheletri
rabbrividenti alla sua diafana
presenza di sole.

La mia bambina
Si chiama Valeria la mia bambina.
E’ dolce e tiranna con il suo papà.
E’ bella. Nei suoi occhi rapide
guizzano maliziose bugie.
“Carino tu sei, carino"- mi dice -
con vellutati sorrisi d’amore.
Un cattivone son io anche per lei.
Soave diletto ella m’infonde,
fresca spuma leggera marina.

Nuvole
Squarci di luce celeste
balenano tra grandi
montagne
dal vento sfrangiate
nell’aura grigio perla.
Masse informi percorrono
le rosee praterie dei cieli.
Ricordi d’altri tempi,
nembi arroccati,
squassano la mente
e il cuore.
Lontano nel tempo
dei desideri dolci e furiosi
lo scrigno si apre:
s’incrociano nel cielo veloci,
e nessuno mai li ferma.

Sono stufo
Sono stufo
di compiangere il mondo
e le sue disgrazie,
o alata Speranza,
che nella mente umana
ti insinui ingannevole.

Sono stufo
di assistere ai misfatti
ogni giorno dall’uomo perpetrati,
o solenne Ignavia,
che con il tuo egoismo
i cuori incolli di freddo cinismo.

Sono stufo
di sorridere alle ignobili adulazioni
ed alle piatte imitazioni di grigi signori,
succubi dell’interesse,
o diffuso Conformismo,
che spegni la luce dell’intelligenza.

Sono stufo
di rimpiangere il passato.
Proiettami nel futuro
del nulla enigmatico
o nel presente sistematico,
o Catapulta delle mie illusioni.

Sono stufo
di accendere false gioie
e tristezze vere.
Blocca le mie pene,
o Bastione delle disillusioni,
che ti sbricioli giorno per giorno.

Sono stufo
di deludere la mia coscienza.
Illumina la mia via, che mi hai assegnato,
o sovrano Essere,
reggimi, e non rimproverarmi,
se ogni tanto incespico.

Solo
Morir mi piacerebbe in un’isola
solo
dal mare accarezzato e dal vento.

Ora
L’ignota inquietudine
a tratti m’assale
sollevando
la polvere di ancestrali paure.
Lenti veleggiano
al mattino
sul mare tenebroso
i vascelli dell’anima.
Lieve la mano del dolore
mi accarezza
in quest’ora di luce
ialina.

Ricordi
Arcani forzieri del tempo
serrano ricordi consunti.
Talora inavveduto il cuore
li apre. Venti furiosi allora
impietosi lo squassano,
di dolci rimpianti carichi
di gioiose tristezze intrisi.
L’onda della memoria si frange:
impetuoso mare, monte austero,
alberi suadenti, vagabondo vento,
da voi pace invoco,
quella pace invano
sospirata
nella mia vita assediata
da ignoti nemici
che si nutrono di me
nelle tenebre
dell'inquieta notte.

Se tu fossi qui
Madre,
se tu fossi qui,
ascolterei le tue sagge
parole
e le tue limpide
risate
come fresche foglie fruscianti.
Piccola e forte,
grande e generosa
con un cenno della mano
commenteresti
le vicende della vita
dall’alto del tuo luminoso
dolore.
Non asprezza, ma dolcezza
emaneresti
col placido sorriso
di chi conosce la realtà
mutevole
e con la tua calda
voce
scioglieresti
i grumi rappresi
dei miei acri giorni.
Lontana dagli uomini,
ti sento vicina
e il pensiero di te
spegne
i tristi bagliori della mia inquietudine,
mentre il vento
scherza con gli alberi e gli uccelli.

In riva
Tace l’immenso mare
sorridono veloci le onde
in un oceano di luce
in quest’ora di calma.
Urano alto sul mondo
con occhio ceruleo
del cielo le plaghe percorre.
Tacciono le brezze e l’onde.
Silenzio profondo
fumiga la sabbia.
Si sommano nell’animo le estati
trascorse in giochi felici, in vani rimpianti.
Vergine il cuore ritorna.

Davanti al mare
Ascolto la voce
dell’anima
nel silenzio attonito
del mare.
Fresca l’onda
intime sensazioni
rinfranca.
La brezza dalla pineta
melodiosa trasporta
gioiosi canti d’uccelli.
Una nuvola grigio perla
sfida il sole oscillante
mutando sembiante.
L’aereo che passa
spezza l’incanto.

Ma la gioia dov’è?
Gli ombrelloni
aperti al vento
sotto un sole di ghiaccio.
Si annida nella mente
la sottile pena
del cuore.
Balenano
palpiti di luce
sulle chiuse palpebre.
Ma la gioia dov’è?

Vivo
Vivo d'amore
vivo di sogni
vivo di luce
vivo di nulla.

La realtà non
m'appartiene,
vola via da me,
uccello del cielo
che s'immerge
in bianche nuvole.
Trepida l'attesa
bussa alla porta
dei desideri,
lieta finzione
della vita.

Vivo di luce
riflessa dal tempo
immobile
dei brevi giorni.

Vivo di nulla
sotto il sorriso
ed il pianto del cielo
con il cuore
in tumulto
invaso da sentimenti
dolci e furiosi.
L'Arcano invisibile
sonnecchia
dopo aver giocato
a dadi.
Regala qualche
vacuo sorriso
dalla penombra
eterna.

Vivo di sogni
frutto amaro
della speranza
che m'accompagna
da sempre.

Vivo d'amore
che mi perseguita
inesorabile
da quando son nato.

Così vivo
e mi piace vivere
fino alla fine.

Campanili
Campanili del Friuli
il cuore mi aprite
Voi che umili
vi innalzate al cielo.
L'odore del fieno e la blave
elevano
lodi a Chi tutto governa
nella luce immobile
del sole rovente.

Angoscia
Il palo della luce di cemento
armato
alto si leva
grigio
a sfidare il vento, l’acqua, forse
il tempo dell’uomo.
Inerte
osserva le nuvole,
non accoglie
uccelli,
ascolta solo
inquieto
il ronzio
di se stesso.

Il vento va,
l'acqua scorre,
il tempo fugge
verso il nulla.

Giorni
Briciole sparse
di quotidianità
alimentano i giorni
della nostra fugace vita,
neri uccelli di passo
che volano verso
lontani vermigli orizzonti
e non tornano più.
La luce imbrunisce
al loro passaggio.
Spiragli d'oro
tra nuvole rosa
nell'ombra della sera
che viene
accarezzano gli occhi,
non l'anima
che incupisce
nell'attesa della Notte.

Mentre bevo lo spumante
Chi sa se scoprirò
la verità
quando si spalancherà la porta
dell’ignoto.
Conoscerò i misteri
della vita e della morte?
Un fascio di luce
illuminerà
i miei occhi lucidi
o il buio nebbioso
avrà già chiuso
per sempre
il dubbio e il vano
desiderio di sapere?

Stamani il sole
Stamani
il sole
col suo vivido fulgore di luce
riempie d'oro la stanza
del mio cuore.

Azzurro senza nuvole
spazia limpido il cielo
dal mare ai monti lontani,
brilla la brina
scintillante su tetti e strade,
succhiano i pini
il dolce tepore,
fremono le siepi
ai frulli d'ali,
schioccano i merli
gioiosi richiami.

Inebriato
sono pronto a vivere
come in quel remoto pomeriggio radioso
della torrida canicola d'agosto.

Pioggia
Questa bruma
intessuta di fili ocra
avvolge col suo velo
di luce acquosa
la molle pianura
e illumina tenue
i nodosi alberi coi nudi rami ruggine
protesi in preghiera al cielo,
le canne color pane chiaro,
le giallastre tife coi pennacchi umidi,
gl'irti cespugli rosso violacei,
i grovigli inestricabili
di tenaci pruni terrigni
lungo i placidi canali
ove giovani anatre
sguazzano presaghe
dell'imminente pioggia.

Si squarcia il velo
pregno d'acqua:
scende la pioggia
fitta e leggera
nella sua trama grigio ocra
a imbevere goccia a goccia
le tenere erbe e gli uccelli sorpresi
che volano a frotte ai nidi.
Solo una garzetta
solenne nella sua bianca livrea
immobile resta
come un maggiordomo
ad accogliere l'ospite gradita:
e impassibile ne contempla
con la testa leggermente inchinata
il fresco vestito inusuale.

Piango lacrime di gioia
Ho pianto lacrime invisibili
per te
nascosto dietro lo specchio
della tua tristezza.

Come si fa ad essere
sempre cupi?
Anche il cielo
non è sempre nuvoloso,
non sempre gli alberi
sono senza foglie.
Un sorriso è come un raggio di sole
che fuga la grigia nebbia del nostro
cuore.

Ho pianto lacrime fredde
per te.
Anche il ghiaccio si scioglie
dopo il rigido inverno.

Ho pianto lacrime amare
come il mare
per te.
Ma anche il mare è dolce d'estate.

Piango lacrime di gioia
ora che il sorriso strappa dai tuoi occhi
la nera caligine dell'angoscia.

Antitesi
Attesa.
L'odiosa morte
mi attende al varco
con un acido sorriso
di scherno.
Cupo
l'accompagna nella notte fredda
con sottile inquietudine
il rimpianto delle cose belle.
Vola via la bella vita
si disperdono i desideri
nel vuoto cielo. Il sole
le stelle non ci sono più.

Invito.
L'amata morte
provvida mi invita alla pace
con un abbraccio senza fine.
Mi libera dal peso
della carne afflosciata
e da un cuore ormai
che ama solo se stesso.
I tremolii, i balbettii
non ci sono più;
i dolori, le angosce
fuggono via;
si spalanca l'eterno:
il dubbio è certezza,
finalmente.

Madre e figlio
- Se nella vita tu tutto vuoi avere,
ricorda che molto devi soffrire -
sussurrava la saggia amata madre
al figlio che lontano se n’andava.
- Molto si pena, ci afferra il dolore,
e poco s’ottiene, senza sudore -
Con gli occhi dolci il vagabondo figlio
accarezzava, il viso con la mano
- quella premurosa leggera mano -
gli sfiorava nascondendo il tremore.
Il sorriso scendeva dritto al cuore,
protetto dal materno vero amore.
- Le strade sono tante, ma una sola
segui nel bagliore dell’acre vita;
non abbandonarti mai allo sconforto,
ma lotta, onesto, con coraggio sempre -
Il figlio impaziente con la valigia
in mano mormorava : - Mamma cara,
si sta facendo tardi, devo andare! -

Piange ora il figlio triste nel ricordo
la trepida soavità della madre
rapita via da nota forza oscura
nel mondo arcano dell’eterna pace.
Vorrebbe la mamma vicino avere,
la sua mamma ora per sempre lontana;
il conforto del suo calmo sorriso,
e la sua carezza accennata appena.
Piange il figlio quell’inutile fretta
e la smaniosa voglia d’esser grandi.
- Vigila su tuo figlio, mamma cara,
aiutami ad affrontare la vita;
non dire a me: si sta facendo tardi,
devo andare! Ma tracciami la via,
che salvi tuo figlio dalla pazzia -
Piange ora il figlio triste nel ricordo,
mentre la sera scende lentamente.

Al Sole
Sole,
della luce grande Padre
e del calore,
riscalda la mia anima
e illumina la mia via.
Tu, che fughi le ombre
e le nebbie tutte;
Tu, che hai assistito
dall'alto del tuo fulgore
ai miei primi vagiti
in un lontano torrido meriggio
nella fresca stanza
dell'amata casa avita;
Tu, che mi hai alleviato
le pene dei giorni uggiosi;
Tu, che hai dato forza
alla mia vita;
Tu, celeste Padre,
riscalda la mia via,
bruciando i freddi sterpi
dell'inganno e della delusione,
illumina la mia anima
diradando il buio verde
dei vani desideri
dove solo vagano
gli idoli del dubbio.

O Sorte, ti maledico
La Sorte mi ha posto sulle spalle
un nefasto fardello
di inquieti dolori
e lacrime irate
che da sempre
mi pesa e mi preme
il cuore,
triste trastullo,
trottola malferma
tra mani impietose
della Vita vessata
nel breve tempo incognito
da Lei concesso.

O Sorte, perché precipiti
la mia vita nel chiuso
gorgo dell'ineluttabilità?
Fermala, se almeno
tu puoi.
Fammi godere questo barlume
di gioia che nel buio brilla
della speranza audace.
Le stelle mi invitano
a salire nella notte
cosmica, tu vuoi
trattenermi in questo
incantevole giardino,
la Terra dell'uomo,
variopinto di sofferenze.
E ti piace scherzare con lui.
Per questo, o Sorte,
ti maledico.

 

Poesie per un amico


La scintilla dell'amore
Ogni giorno mi scopri un difetto.

Mi perdo nel ricordo.
Il fiume scorre lento,
i fiori si addormentano,
l'erba fresca ci invita.
- Ti amo, ti amerò sempre! -
Dolce e fresca la tua voce
mi inebria e sospiro con te.

Quel tempo è passato,
è finito il tuo amore.
Non mi dici più: - Ti amo -
ma soltanto: - Ti voglio bene -

Spegni la lampada,
le stelle sono accese,
la luna è una falce,
tu sei un fiore profumato.
Mi perdo tra le tue braccia
al canto dei grilli,
al respiro della notte.

Ogni giorno mi scopri un difetto.
E me lo rinfacci senza pietà.

Dov'è andato il tuo amore?
Le stelle sono spente,
non cantano i grilli,
la notte mi inquieta.
Il giorno è senza luce,
il sole non c'è più,
e la mia vita è tutta nera.

Ma basta una scintilla
e il cuore si accende.

E' bastato uno sguardo,
è bastato ch'io ti sfiorassi
ed è tornato il tuo amore
e la luce dei tuoi occhi
e il miele delle tue labbra
e la pace nei nostri cuori.

E di nuovo mi hai detto:
- Ti amo, ti amerò sempre! -

Il fiume sussurra dolci parole,
i fiori riposano chiudendo gli occhi,
la notte dondolando culla
i nostri corpi e sorride mentre ascolta:
- Ti amo, ti amerò sempre, sempre! - 

Amore amore amore
Amore amore amore
vuota parola che rotola
nel tuo freddo cuore.
Credevi di farmi un dispetto,
lasciandomi all’improvviso
senza un bisticcio, senza dire nulla.
Ed ora piangi, perché il tuo bello
se n’è andato via da te.
Sei rimasta sola
con in mano una parola vuota:
amore amore amore.

Ma se vuoi, da me puoi tornare,
perché senza te non posso stare.
Per te il mio cuore
è sempre aperto
e palpita al tuo pensiero.
Una foglia, una goccia, una stella
mi fanno ricordare
i tuoi capelli, le tue labbra, i tuoi occhi.
Tu m’hai abbandonato,
ma non ti ho dimenticato.
Una magica parola che un dì dicesti
risuona in me nostalgica ogni giorno:
amore amore amore.
Bussi al mio cuore
nei momenti più impensati,
vorrei che il tempo si fermasse
per tornare ad abbracciarti.
Non è possibile, lo so,
però sognare e sperare
non è vietato, non è vietato.
Amore amore amore

Controverso amore
Controverso amore
inaspettato dolore
per il povero mio
calpestato cuore.
Scorre segreta
la vana tristezza
come fiume lento
tra spine pungenti;
indifferente s'adagia
nell'angolo buio
dei giorni lieti
come gatta sorniona;
t'avvolge intorno,
lo sguardo muto,
coprendo il sole
come pallida nebbia.

Solitaria via
dei ricordi percorro
quando
felice m'addormentavo
il sole m'illuminava
la gatta m'accarezzava
il fiume mi rinfrescava.
Tu ridevi e con me scherzavi,
soltanto a me pensavi.
Dietro le nuvole tanti progetti.
Al vento gridavamo le nostre promesse,
e al fruscio delle erbe ci amavamo.
Annuivano gli alberi al nostro abbraccio.
Serena la pace scendeva nei cuori.
Ora invece pare che tu dica: - Muori! -
E precipito in un pianto senza lacrime.
Nella mia vita vedo solo nebbia
e annaspo verso l'orrido burrone.

Insospettato dolore
frastornato amore
che ha chiuso il mio cuore.
Quel che non soffrendo ottieni
un triste giorno la vita ti toglie.

Vattene!

Te ne puoi anche andare.
Per te sono uno zerbino?
In questa casa che ci fai?

Non m'hai messo il collare.
Eri il fiore del mio giardino,
nessuna donna tanto amai.

Tu mi vuoi lasciare
per un certo Pinco Pallino.
Sta' attenta a dove vai.

Tu non mi vuoi più amare.
Eri la luce del mio mattino
e nel cuore ti portai.

Tu con me non vuoi più stare.
Segui pure il tuo destino.
Ma quel che fai tu non sai.

Era bello riposare
sullo stesso cuscino.
E' troppo tardi ormai.

Vattene!

Hai distrutto tutto,
più non t'amo.

Sei sicura del suo amore?
Che non si trasformi in dolore.
Che cosa mai t'ho fatto?
Eterno amore, sì, eterno
promettesti una sera
con le stelle di primavera.
E' finito in una notte buia
sulle labbra di un brutto gnomo.

Sei uscita dalla mia vita.
Non t'amo più.
Vattene!

Addio
Te ne sei andata via
e m'hai lasciato solo.

Una sera senza stelle,
un mattino senza sole
la mia vita è diventata.

Te ne sei andata via.
A chi dai il tuo profumo
e la gioia e le carezze?

Hai spezzato il mio cuore.
Luce viva eri per me,
dolce balsamo per le pene.

Te ne sei andata via.
A chi dai i tuoi baci?
A quello scemo che va in Ferrari
che ha imbrogliato tanta gente?

Per te la testa avevo perso,
per te tutto avevo dato,
per te tutto avevo fatto.

Allegri allora erano i giorni.
Tristi ora i giorni sono,
senza luce, senza profumo.

Ma allora fingevi?
Non mi dire che fingevi!
Torna da me,
non mi lasciare.
Torna a fingere:
ho bisogno di te.

Non ti voglio dire
addio,
quanto t'amo lo sa
Iddio.

Torna!

Il vento dell'amore
Ho sognato campi
biondi di spighe leggere.
Ho sognato una donna
dagli occhi ridenti
con un papavero in mano
correre felice
verso la pallida ombra
d' un argenteo ulivo.
Ma un colpo di vento furioso
l'ha fatta volare in alto,
svanire fra le nuvole.

Eri tu,
donna che tanto amai.
Ora non più.

Dove sei? Dove
ti ha trasportato il vento?
Quel vento che ti piaceva,
che ti muoveva i capelli,
che ti accarezzava la pelle.
Quel vento, amore sconfitto,
vittorioso amore, che ti ha portato via,
via da me tra le braccia d'un altro.

Dove vivi?
Sono quattro anni sperduti nella solitudine,
spazzati dall'indifferenza.
Nella nuova città sibila il vento?
Quel vento che ci faceva sbandare
e ci buttava negli occhi la polvere.

Ti ricordo nel sogno,
ma più non sei
nell'anima mia,
fuggita via senza un perché.
- Non t'amo più -
ripete il vento battendo sulle spighe
- non più, non più, non più -

Però è stato bello
sentire il calore
delle tue parole,
il profumo della tua pelle.
Sei sparita,
trascinata dal vento della passione.
Non ci sei più.

Ho sognato un campo pieno di stoppie,
una donna triste battuta
dall'arido vento con in mano
un papavero bruciato.


Home page  Lettura   Poeti del sito   Narratori del sito   Antologia   Autori   Biografie  Guida   Metrica   Figure retoriche